// stai leggendo...

Cinema

Due soldini di speranza

Un film di vari anni fa ambientato ai tempi del cinema ambulante e che si intitolava La vela incantata ci introduce — e ricordandoci en passant che il cinema è movimento anche per chi lo proietta e lo guarda — a quell’analogia tra la vela e lo schermo che i fratelli Silvio e Giovanni Soldini sembrano biologicamente rappresentare.
Non oseremo opporre i nostri tasti alle nobili penne d’oca dei grandi navigatori della carta stampata che già hanno scritto ispirate prose sull’impresa oceanica di Giovanni con una competenza tecnica che ci manca. E che vorremmo avere per spingerci oltre nel paragone, mentre dobbiamo solo fantasticare che esistano precise corrispondenze fra i due bianchi e ampi teli: e se lo schermo classico è una randa, lo spinnaker sarà come l’Imax, e il fiocco come lo schermo verticale che auspicava Ejzenstein? Ma uscendo dallo specifico velistico e adottando uno sguardo estetico-autoriale che ci è più familiare il confronto può proseguire ancora un poco.

Immagine articolo Fucine MutePoiché è indubbio che Giovanni Soldini con le sue regate in solitario ha introdotto la politique des auteurs nel velismo italiano, fermo ancora ai ricordi di Straulino e Rode, cioè a un neorealismo alla De Sica-Zavattini, o ai tentativi di kolossal hollywoodiano (quasi sempre fallimentari nel nostro cinema) legati al nome di Azzurra. Mentre il Soldini del mare, con le sue barche tecniche e leggere, col suo regatare giovane, solitario e in veri esterni (niente laghi, stretti, brevi bracci di mare ma interi oceani) è figlio della Nouvelle Vague della vela, che appunto in Francia ha avuto origine e maestri. Pur appartenendo ormai a un’altra generazione, come Silvio del resto, che di quella scuola è addirittura più nipote che erede diretto. Ma è indubbio che per entrambi quell’ondata è ciò che li ha spinti avanti, anche se non ci siamo mai chiesti, colpevolmente, a quanti nodi andava l’aria serena dell’ovest e non abbiamo mai guardato come veri film i video che Giovanni realizza durante le sue regate, che recano chiarissima l’impronta stilistica del film-making milanese, anche per la sua rassomiglianza al Paolo Rossi dei tempi migliori.

Ora però è successo qualcosa di nuovo: Giovanni ha salvato Isabelle Autissier che stava galleggiando a testa in giù e ha superato l’altro francese che aveva disalberato, andando poi ad arrivare primo in una corsa che pare non aver avuto nessun secondo. Ed è come se Silvio avesse vinto il festival di Cannes dopo aver imprestato la sua pellicola a Godard che era rimasto senza e aver lasciato tre dei suoi attori sul set di Rohmer. Be’, potrebbe anche succedere.

Alberto Farassino

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

Casomai un’immagine

sir-15 mar-12 mar-15 mar-32 th-01 th-26 th-33 th-63 kubrick-27 petkovsek_10 petkovsek_25 bon_sculture_04 mccarroll09 acau-gal-20 20 busdon-07 busdon-13 cip-04 cip-08 holy_wood_12 p4 s15 s7 heater Otrok07 pm-06 murphy-25 murphy-34 tsu-gal-big-10 11