// stai leggendo...

Scrittura

A Pasolini

Che cielo azzurro guarda si è schierato

per il tuo anniversario

di assassinato.

Proprio un giorno da partita

di pallone vedi? O da lì

non si vede proprio niente

niente? Non senti che vento forte

si è levato? Con un vento così

il pallone ti sarebbe forse sfuggito

svolato come tu quel giorno a noi.

E’ un novembre con i colori di aprile

Siamo qui soli con te Pasolini

con quel tuo morire.

Da Una quiete polvere, 1996

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Stefano Conte "TheSparker": Volt: una scommessa vinta

Elisabetta Cifone: Molto più di un manga all’italiana

Histoire du soldat, una favola in musica

Andrea Rivi: I nuovi traguardi di Nona Arte

Luca Salvagno: Si può epigonare l’inepigonabile?

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Breve excursus estetico tecnico/formale sulla forma sonata

Casomai un’immagine

pas-05 sir-23 mar-13 mar-30 mar-41 viv-13 viv-39 th-15 th-32 th-71 18_pm kubrick-29 kubrick-37 kubrick-42 malleus_07 39 cas-01 krypton 01-garcia jg_big_4 s17 s20 pm-29 murphy-26 murphy-32 galleria08 galleria-01 05 50 wendygall-04