// stai leggendo...

Scrittura

Traduzioni di Alessandro Rocco

Immagine articolo Fucine Mute

Nato nell’oscurità

Nato nell’oscurità, fino alla fine sono stato spezzato. E ho dato amarezza con la mia canzone. Ci hanno insegnato il timore. Hanno sciupato il nostro fiore; hanno succhiato fino a uccidere il fiore altrui, per tenere in vita quello loro. Noi dal viso piangente, noi dal volto scarnificato, abbiamo ricevuto soltanto strazio.

Siamo del lignaggio della morte prematura, delle terre dove non fanno nido gli uccelli propizi. Privati della farina, del latte e dell’olio, ambiamo alle briciole altrui. Vuoto il bicchiere, vuoto il piatto, crollano le nostre ossa.

A quale scopo agli abitanti della sodaglia vennero donati denti e occhi quale un ornamento, se mordiamo soltanto le perdite, se vediamo dimagrire il nostro ventre piatto, rimpicciolirsi i nostri petti secchi? Cibo di spavento, quello mangiamo e mangeremo insieme; aloe è e sarà la nostra bevanda. C’è stato chi ha preso molto, c’è stato chi ha preso poco. Neppure gli avanzi dell’elemosina ci lasciano.

Come palude, come nera fogna sono i nostri giorni; assiderate, le nostre notti. Quando i bracieri rimangono spenti, ci arroventa il calore del sangue collerico. Siamo come alberi sterili la cui linfa si sta calcinando.

Congiunti nel patire, cerchiamo consolazione. E quale offerta ci rimane tranne che il lamento dei digiunatori? Quale oracolo tranne quello degli sfortunati?

Noi dal viso piangente, noi dal volto scarnificato, abbiamo ricevuto soltanto strazio, pena che piaga e che incallisce, strazio, scuro e duro peso, strazio.

Immagine articolo Fucine Mute

Spazi

Rinchiuso in una stanza senza finestre.
All’improvviso, in modo abbagliante, si rischiara.
Ed è la morte.

Uno spazio chiuso. Man mano che lo si percorre,
s’allunga, senza perdere il senso del chiuso.

Un altro, completamente aperto. E si cammina
su un pavimento che non si distingue.

Di un altro si sa che è sferico, ma si ignora il suo
                                                          [centro,
si ignora la misura del suo diametro.

Un altro è un cubo senza gravitazione:
qualsiasi faccia può essere terra, parete o tetto.

In un altro, esclusivamente orizzontale,
niente né nessuno ha spessore.

Un altro dove tutto è dentro.

Un altro dove tutto è dietro.

Un altro dove tutto è discesa.

Un altro dove ogni cosa è diminuzione.

Un altro gira dentro un altro che gira dentro un altro
                                                               [che

Un altro spazio è completamente immobile: le distanze
possono stabilirsi da un unico punto.

In un altro nessuna cosa è frammento. I punti sono
                                                    [inconcepibili,
lo stesso una linea isolata o qualsiasi segmento.

C’è quello spazio dove nessuna retta è possibile.

Quello in cui la curva non esiste.

Lo spazio sinuoso dove ogni linearità è apparente

e dove mai si trova la strada più corta.

Quello dove la concavità è inimmaginabile.

Quello dove l’immobilità non esiste

o dove non si può distinguere il mobile dall’immobile.

Uno spazio dove tutto si muove ma nulla si sposta,

o viceversa

o versavice.

Uno spazio spiraliforme dove alternatamente

ascendere è discendere

o

discendere è ascendere
                                             
                                                ma non si sa quando.

Uno spazio dove tutto è orlo.

Uno spazio intermittente.

Uno spazio dove nulla è pieno

e dove nulla è vuoto.

O uno spazio di consistenza uniforme.

Uno spazio dove tutto è un solo corpo.

Uno spazio di luce completamente omogenea.

Uno spazio scuro, vuoto, senza confine.

Immagine articolo Fucine Mute

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Casomai un’immagine

sir-22 sir-23 sir-24 pck_13_cervi_big pck_25_cervi_big th-21 th-23 th-31 th-54 th-61 18_pm ruz-01 ruz-04 bon_03 15 17 opla1 vascello1 wax s3 Otrok23 pm-25 18 pugh-09 wendygall-01 wendygall-09 Christian Boltanski: Chance / Padiglione Francia Jingler-hand Alice Quarto movimento, 1951 Carol Rama