// stai leggendo...

Scrittura

Traduzioni di Martha Canfield

Immagine articolo Fucine Mute

Gli anni dell’infanzia
(Pier Paolo Pasolini)

Qui non si parla di angeli
qui si parla di piccole vendette

e di piccole rivincite
sulla volontà

Ogni angelo è terribile
come terribili sono

le nostre azioni quotidiane
per mitigare il vuoto

                               o la perdita di ogni speranza

Siamo soli dinanzi al Grande Sacrificio
dopo avere viaggiato attraverso un deserto

pieno di fantasmi le cui presenze attizzavano
la legna della carne

Creature, ascoltavamo il silenzio
quando cadeva la neve sull’amore adolescente

                               anno dopo anno

I nostri cuori brillavano come animali scorticati
sordi al sangue o alla preghiera

perché erano loro il sangue e la preghiera

L’interiorità è un ammasso di organi
non il tempio di una sacra essenza

Si tratta di qualcosa di così antico e profondo
come l’odio verso se stessi o l’autocompassione

Giaccio sopra di te totalmente vinto

Ricorda, per favore, come il padrone riconosce il suo                                                             schiavo
e come lo schiavo desidera

essere riconosciuto
Ecco cos’è l’amore

l’appassionata volontà di sottomettersi
di fare del male

Tu hai riconosciuto in me il padre che abbandona
io ho riconosciuto la fronte del bambino senza nessuno

Ma anche tu sapevi
quello che avevo sofferto in tutti questi anni

                                  gli anni dell’infanzia

contro il petto il lascito materno
la nostra unica eredità da iloti

Abbiamo ingannato la paura come se non avessimo
saputo

niente l’uno dall’altro

quando invece io avevo toccato le tue viscere

perché l’anima respira
nella respirazione del corpo

che adesso mi rifiuti

Non ti ingannare, non mi abbandonare

te ne prego

in un prossimo aprile

Immagine articolo Fucine Mute

Non gioisco con il ballo

Che difficile scelta devo fare!

Se un cane è la fascina della mia casa
le messi che dicevo, gatta
quando tutto era chiaro a mio modo di vedere che
                                                            cocciuta
vivere nel passato

In coloro che ho amato
dietro stanno i miei genitori
a ricordarmi che no, non sono loro

E io torno e li abbraccio i miei sognati
fantasmi: sono i miei padroni
Se vedo piovere è la pioggia di Turmero
Non posso evitarlo è nell’aria
tutto il mio paese

Non è un piacere andare ad una festa
non gioisco con il ballo
È molto triste lo so bene è una pena
la stanza i ricordi

Quando fuori c’è la luce per accecarci
io non vedo io non sento
altro che quello già sentito
in altri tempi

ma è duro morire, chiudere le porte

Immagine articolo Fucine Mute

Il giorno che incontrai
Susan Howe

Io venivo dalla guerra
vale a dire da un altro inganno
di quelli che, come il dolore, fanno bene alla dignità narcisistica
secondo quanto avevo letto in una poesia di Pier Paolo Pasolini
e che adesso mi portavo come un marchio sulla fronte
– in ogni ferita una lezione per il futuro
vuoto ma immenso –
Avevo già ascoltato il rumore delle pale
e l’umano desiderio
di abbracciare anche le palpebre
Conobbi la mitraglia nel telefono
e sull’oceano le iarde
Mandai giù il bicchiere di Parigi d’un sorso fino in fondo
da un estremo all’altro piansi per la Germania
Ebbi orribili incubi
ricordo specialmente un viaggio in elefante
– non mi parlate di viaggi –
Mi perseguitano le immagini
di corpi mutilati
sui campi
braccia avambracci frutti della carne
Che cruente le battaglie, Susan Howe
Io venivo dalla guerra
e porto soltanto delle poesie
C’è paura nel dolore
soltanto ieri lo dicevo
e queste parole per un nuovo incontro
l’importante è invisibile agli occhi
perché l’odio fluisce in un fiume di sangue

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Breve excursus estetico tecnico/formale sulla forma sonata

Trieste Science+Fiction Festival 2017

Il signore va a caccia di Georges...

Breve excursus estetico sulla forma concerto

Macumba

I vent’anni della Principessa Mononoke

Diana Wynne Jones, Hayao Miyazaki e Il...

L’opera lirica spiegata ai ragazzi

Un’interruzione (atto di)

Romanzo giallo o romanzo picaresco?

Non c’è più scampo e Carte in...

Delitto in cielo e La serie infernale

Jackson Pollock e la musica

L’altro volto della speranza

Il linguaggio di Boris Vian

Vita da commessa

Jackie

Frank Cho: Un sacerdote in meno, un fumettista in...

Tuono Pettinato: Fumetti stondati con contenuti storti

Agatha Christie e i film gialli tratti...

Romina Moranelli: Pin up italiane

Paesaggio e Sublime

Andrea Sorrentino: Dai giochi di ruolo ai supereroi

Fabiano Ambu: Un’iniziativa meritevole: IT Comics e i suoi...

Casomai un’immagine

pas-13 viv-07 viv-21 viv-29 th-27 12 23_pm 25_pm kubrick-32 kubrick-41 kubrick-57 thole-07 thole-15 offf 006 mccarroll09 b 28 cip-13 sac_10 pm-17 pm-40 galleria17 19 37 pugh-01 tsu-gal-big-16 Padiglione del Bangladesh Feticci, 2010 A. Guerzoni the-afghan-whigs-1