// stai leggendo...

Scrittura

La suite matrimoniale

Immagine articolo Fucine Mute

La suite matrimoniale

La terza notte nella suite matrimoniale senza la sposa, ebbe paura.

Non poteva affrontare un altro sogno così,

non bagnato (*), come si sarebbe aspettato, ma nemmeno secco — uomini che scavavano buche

per poi riempirle d’acqua, asini che attraversavano valli improvvisamente allagate.

L’orologio faticava a svegliarlo,

a tirarlo fuori dall’enorme letto,

oltre il sofà nell’angolo, su per i due gradini

nella doccia di cui aveva a stento bisogno,

dove si strofinava fino a diventare pulito come il >neonato

che sperava di concepire quella notte,

sotto il baldacchino simile a un sottogola,

in quella stanza di rosa e verde.

Nudo e gocciolante, chiamava la reception

per sentire se lei lo aveva chiamato, poi restava immobile

ad osservare il nuovo porticciolo,

come se potesse intravederla su uno yacht.

La terza notte non ne poté più –

Si vestì, con l’odore del profumo di lei intorno,

e lasciando lì i vestiti di lei,

l’abito nuziale nell’armadio,

passò davanti al portiere di notte sordo, fino alla macchina.

Non aveva idea di dove fosse diretto, solo voleva che lei,

se fosse mai tornata, potesse vivere la suite matrimoniale da sola,

potesse rigirarsi in quel letto a baldacchino

e raccontargli i suoi sogni.

(*) (wet dream = polluzione notturna)

Immagine articolo Fucine Mute

Testimone 

O la poesia che inizia con un verso di Shelley.

Un uomo che stava per impiccarsi

vide delle strane luci nel cielo.

Continuò a preparare il cappio perfetto

ma le luci continuarono a danzare, come scintille.

Perché non andavano da qualche altra parte, pensò.

Sfrecciavano così velocemente qui e là

In movimenti triangolari,

e cambiavano anche di colore –

prima bianche, poi blu, quindi rosse.

L’uomo gettò la corda per terra

mentre le luci gli si avvicinavano, poi via di nuovo

per poi fermarsi e formare un triangolo

appeso lì sulla sua testa,

scendendo lentamente, finché riuscì a vedere

la forma nera da cui le luci pendevano –

di sicuro qualche meraviglioso velivolo celeste

mandato qui perché lui potesse esserne testimone,

e si fece il segno della croce, immobile

mentre le luci decollarono di nuovo, più veloci di un grido, e presto sparirono

oltre il confine del firmamento,

lasciando le stelle fisse

e le nuvole spinte dal vento davanti alla lune,

niente provava quello che aveva visto

ma l’aveva visto, e fischiò al cavallo

di riportarlo per la strada buia, a casa.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Casomai un’immagine

mar-36 mar-37 mar-38 viv-35 viv-43 pck_01_cervi_big pck_04_cervi_big pck_23_cervi_big th-55 25 thole-11 thole-20 petkovsek_07 13 23 busdon-04 tso5big cammello4 holy_wood_15 s1 s13 sac_11 01 16 19 tsu-gal-big-01 wendygall-01 wendygall-11 Jingle SCI-FI Alice