// stai leggendo...

Musica

Asia Argento

Enfant terrible

Gianfranco Terzoli (GT): Asia, volevo iniziare affrontando il discorso Internet: ho visto il tuo sito, ho letto delle interviste in cui dicevi di essere un’assidua navigatrice e quindi volevo chiederti qualcosa proprio a riguardo del mezzo Internet. Volevo sapere cosa ne pensi e qualcosa sul tuo sito.

Asia Argento (AA): Be’, io sono — quanti anni è? — sono tre anni che navigo… no, mi fa ridere che… , all’inizio, non lo so, l’abbia usato come una specie di surrogato di vita perché da là hai proprio l’impressione di poter stare in un posto e vedere tutto il mondo, una specie di Ade: stai là dentro, non hai bisogno di uscire, puoi stare in mezzo alla gente e hai l’impressione di vivere ma in realtà poi sei sempre dentro casa. Io andavo a dormire alle dieci del mattino, mi svegliavo alla sei del pomeriggio… sono stata proprio drogata di questa cosa, fortuna… E poi, tra l’altro, mi ha aiutato tantissimo per il mio film, per trovare gli attori, i tecnici. In realtà, moltissimi li ho trovati su Internet, in rete ho conosciuto un sacco di gente anche che stimavo. Puoi riuscire a contattare, ad arrivare a delle persone incredibili, alle quali in passato non saresti mai arrivato. E poi, allo stesso tempo, ora cerco di stare più lontana possibile dal computer, anche se ogni giorno poi scarico le e-mail, eccetera. Però non navigo più così tanto.

Immagine articolo Fucine MuteGT: Hai un buonissimo rapporto coi tuoi fan: leggevo nel tuo sito che oltre ad avere questo scambio di e-mail hai fatto partecipare al tuo film i ragazzi del fan club.

AA: Sì, al film: hanno fatto due scene nel film. In realtà, mi hanno dato una mano perché avevo bisogno di un sacco di gente — ride — e non sapevo proprio come fare, non è che avevamo tanti soldi, e allora li ho chiesto se li andava magari di fare questa cosa e sono venute un sacco di persone. Il sito lo hanno fatto proprio loro, io non è che ci metto bocca più di tanto. Però è il mezzo, il modo migliore per riuscire a stare tra loro e però stare sempre per i cavoli miei.

GT: Una giusta privacy…

AA: Non so privacy, è proprio l’aver… io sono fatta così, non è che abbia centinaia di amici, però la gente che ho conosciuto tramite Internet, attraverso questo sito, alcuni di loro sono diventati tra i miei migliori amici.

GT: E il video clip di “La tua lingua sul mio cuore”?

AA: L’idea mi sa che ci sia venuta assieme, perché io gli ho chiesto di fare il pezzo e loro (i Royalize ndr.) mi hanno chiesto di fare il video”. Accende una sigaretta. “Abbiamo deciso di farlo abbastanza casalingo, perché in giro ci sono solamente dei clip per i quali sono stato spesi un sacco di soldi, ma effettivamente non raccontano niente. Anche se non è così evidente a una prima visione, volevo di fatto raccontare una storia. Il clip è stato girato in Super 8 a casa mia. Sono molto soddisfatta di quello che è venuto fuori.

GT: E quest’esperienza, di fatto ti è servita per il tuo film?

AA: La collaborazione con loro è arrivata nel momento in cui dovevo preparare il film, per cui, sì, mi è servita tantissimo.

GT: Che rapporto hai con la musica?

AA: La ascolto ed è là… boh… penso che sia la cosa più importante. Io ascolto molta più musica di quanto veda film, quindi per me è molto più importante la musica dei film. Per me poi la musica è molto più film dei film: mi rappresenta molte più storie della maggior parte dei film che vedo. è importantissima.

GT: E per i film, a cosa ti ispiri? Adesso che sei passata dall’altra parte della cinepresa, da cosa trai ispirazione? Da altri film o da altri ambiti?

AA: Non ci si può ispirare ad altri film, infatti nella preparazione, nella scrittura di questo film — che è durata anche parecchio tempo, l’ho scritto da sola — non ho visto praticamente nessun film, solo film muti perché non volevo essere contaminata da altri modi di raccontare storie. Quindi, ho fatto proprio un esercizio di purificazione. Però, non lo so, penso che oggi al cinema la gente sia interessata soprattutto o alle menzogne vere — però ci vogliono miliardi per raccontare queste menzogne vere, quelle americane, queste storie così — oppure le storie vere, realmente vere, la verità. Questo alla gente piace, insomma interessa molto, e io come autrice tra virgolette ho voluto avvicinarmi il più possibile alla verità sia nella storia che racconto che nel come la racconto. Con grande libertà.

GT: Il fatto di essere adesso anche tu regista, ti pone in qualche maniera in confronto con tuo padre? Hai vissuto in qualche maniera questo ipotetico confronto a distanza?

AA: Mah, mio padre è un regista di genere e io non racconto una storia di genere. Nelle storie di genere — la paura, per esempio, che è un sentimento quasi aritmetico — tu non hai praticamente libertà come regista e invece nel mio film… Insomma, è un film diverso. No, non c’entra niente mio padre.

GT: Il tuo libro. Il titolo intanto..

AA:  Si chiama “I love you Kirk…

GT: …appunto: non c’è nessun riferimento all’Enterprise?

AA: (sorride) No, no…

GT: magari non lo conoscevi neanche…

AA: ..no, sì che lo conosco, però no, no. Assolutamente: Kirk è un nome che ho scelto per dei motivi miei che non vado a dire, ma non è il nome della persona a cui è dedicato, che è una persona vera. Nasce insieme al film perché rappresenta un momento della mia vita. In realtà, questo libro e questo film sono stati un modo per rimanere viva, perché forse sarei morta in qualche modo se non avessi raccontato queste storie — per me morte vuol dire cambiamento — o comunque sarei sparita, sarei… non lo so. è stato proprio un modo per rimanere attaccata alla vita, ho avvertito il bisogno di raccontare queste storie; per me è stata un’autoterapia. Tanta gente che l’ha letto ha detto di riconoscersi. Penso non in questo mio desiderio di vita, ma in alcune storie che racconto. Ma forse si sono rispecchiati un po’ anche in questo desiderio di vivere, non lo so. Penso che la cosa importante sia che l’ho fatto in maniera molto egoista, cioè io volevo liberarmi da un sacco di cose che mi opprimevano E quindi è nata questa specie, quasi una sorta di diario, anche se io non ho mai avuto un diario in vita mia. Un diario ideale.

GT: Fai ancora la boxe?

AA: No.

GT: Meno male.

Un po’ donna e un po’ bambina. Un po’ angelo e un po’ diavolo. Un po’ misteriosa e allo stesso tempo un po’ coatta. Di sicuro, tutto fuorché una “scarlet” diva. Attrice apprezzata da Peter Del Monte e Abel Ferrara, autrice di un libro (“I love you Kirk”, Frassinelli, 102 pagg., 20.000 Lire) e regista di un film, “Scarlet Diva”, sugli schermi dal 16 aprile, Asia Argento è sicuramente una delle nuove protagoniste del cinema italiano. L’abbiamo incontrata all’Hip Hop di Trieste durante il sound-check del concerto dei Royalize, per i quali ha girato il video-clip del brano “La tua lingua sul mio cuore”, presentato ad Alpe Adria Cinema – dove compare anche come voce recitante – e con cui si è esibita in concerto.

Nome: Asia Aria Vittoria Rossa Argento

Nata a
: Roma il 20 settembre 1975.
Segno zodiacale:
Vergine.
Famiglia:
Figlia di Dario Argento regista, e Daria Nicolodi, attrice; la sorella Fiore è una stilista.
Film:
Debutta bambina in “Sogni e bisogni” di Sergio Citti (’85) e, dopo qualche parte in altri film, recita con Nanni Moretti in “Palombella rossa” (’89). Gira poi “Le amiche del cuore” di Michele Placido (’91); “Trauma” di Dario Argento (’92) ; “Condannato a nozze” di Giuseppe Piccioni (’92); “Regina Margot” di Patrice Chereau (’93); “Perdiamoci di vista” di Carlo Verdone (’94); “La sindrome di Stendhal” di Dario Argento (’95); “Compagna di viaggio” di Peter Del Monte (‘95)’; “B Monkey” di Michael Radford (’96) ; “Viola bacia Tutti” di Giovanni Veronesi (’97) ; “The New Rose Hotel” di Abel Ferrara (’97) e (’99). E’ regista di due cortometraggi. “Prospettive” (’94) e “A ritroso” (’94). Recentemente ha girato il videoclip dei Royalize “La tua lingua sul mio cuore”, presentato in anteprima ad Alpe Adria Cinema e preso parte alla registrazione dell’album “Rylz” dove presta la sua voce recitante declamando e sussurrando stralci di poesia e versi inquietanti sopra ritmiche meccaniche e pesanti dall’atmosfera glaciale e pungente proprio nel brano in questione, uscito anche come singolo, sotto il nome di Azia. Il suo primo lungometraggio si intitola “Scarlet Diva” e uscirà sugli schermi il 16 aprile (distribuzione Minerva).
Amori:
Ha avuto una relazione con Sergio Rubini, ex marito di Margherita Buy.
Modello:
Bette Davis, <coraggiosa e menefreghista>
Sport:
La boxe, che ha praticato per cinque anni.
Libri:
Il suo primo libro si intitola “I love you, Kirk” edito da Frassinelli (102 pagg., 20.000 Lire). Il suo romanzo preferito è “Moby Dick” di Herman Melville.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Macumba

I vent’anni della Principessa Mononoke

Diana Wynne Jones, Hayao Miyazaki e Il...

L’opera lirica spiegata ai ragazzi

Un’interruzione (atto di)

Romanzo giallo o romanzo picaresco?

Non c’è più scampo e Carte in...

Delitto in cielo e La serie infernale

Jackson Pollock e la musica

L’altro volto della speranza

Il linguaggio di Boris Vian

Vita da commessa

Jackie

Frank Cho: Un sacerdote in meno, un fumettista in...

Tuono Pettinato: Fumetti stondati con contenuti storti

Agatha Christie e i film gialli tratti...

Romina Moranelli: Pin up italiane

Paesaggio e Sublime

Andrea Sorrentino: Dai giochi di ruolo ai supereroi

Fabiano Ambu: Un’iniziativa meritevole: IT Comics e i suoi...

Il cliente

Eugène Scribe: ascesa e caduta di un...

Nicola Genzianella: Un artista tra Bonelli e fumetto francese

Ugo Bertotti: Dalle riviste d’Autore ai graphic novel

Minutaglie: sei libretti per adulti e bambini

Casomai un’immagine

pas-08 pas-19 sir-22 mar-35 viv-23 th-33 th-42 th-60 th-64 27_pm kubrick-81 kubrick-82 thole-15 005 mccarroll08 09 17 busdon-01 cas-07 vascello holy_wood_27 holy_wood_29 s1 sac_04 Otrok05 pm-25 murphy-05 galleria06 galleria11 the-afghan-whigs-1