// stai leggendo...

Omnia

Self made man

Si è abbastanza parlato, benché meno di quanto era lecito aspettarsi, della valigetta blu del perfetto candidato che Silvio Berlusconi ha distribuito, in apposita “convention”, a coloro che si presentano alle elezioni regionali per Forza Italia e del suo pittoresco contenuto: due cravatte stile “regimental” (per lottare contro il regime), due paia di occhiali da sole, manuali, distintivi e gagliardetti vari, assieme alle note raccomandazioni verbali: stare a qualche distanza dagli interlocutori specie se si ha l’alito pesante, tenere in tasca un fazzolettino per asciugare la mano bagnata di sudore prima di porgerla agli elettori e soprattutto pulire le toilettes che si dovessero trovare sporche per evitare che si creda che a insozzarle sia stato un candidato di Forza Italia (strana insistenza del dottor Berlusconi sugli aspetti più fisici e scatologici dei suoi uomini, quasi che i forzisti fossero soprattutto contadini e altri lavoratori manuali che si guadagnano il pane col sudore della fronte e la puzza delle ascelle, e non manager del postindustriale o raiders della new economy). Non si è parlato però di un altro oggetto contenuto nel “kit”, sfuggito agli osservatori forse perché nascosto fra le pagine dei manuali a stampa: un Cd contenente un’ulteriore serie di istruzioni e di modelli per la conduzione della campagna elettorale.

Fra questi ultimi viene anche proposta la foto del perfetto candidato, che purtroppo, avendo avuto modo di sbirciare la schermata ma non di entrare in possesso del prezioso breviario multimediale, siamo costretti qui semplicemente a descrivere. Il candidato sarà seduto a sinistra (errore? dimenticanza? gesto di sfida?) dell’inquadratura, emergente a mezza figura dietro a un ripiano che nel modello proposto è uniformemente azzurro-Italia ma che può e anzi deve essere sostituito da un più autentico tavolo professionale a scelta, verosimilmente una scrivania.

Il candidato sarà però completamente libero di scegliere lo stile della mobilia: svedese, chippendale, hi-tech, e anche il materiale, cristallo, massello di noce, impiallacciatura uso mogano. Non però la sua posizione: egli dovrà essere seduto non frontalmente ma in posizione leggermente obliqua rispetto all’asse (stile Gruber prima maniera, per intenderci) e dovrà appoggiare le mani sul suddetto ripiano. Le mani, si raccomanda, dovranno essere aperte e distese, non solo per suggerire serenità e nervi rilassati ma anche per evitare che assumano pose che appartengono inequivocabilmente alla prima repubblica: pugni chiusi, dita protese ad artiglio, polsi incrociati per l’abitudine alle manette. Tuttavia questa volta, per non suscitare patemi d’animo, non si sta a raccomandare che siano anche mani pulite. Di fianco al busto elettorale, sul lato destro dell’inquadratura, c’è lo spazio per il nome del candidato stesso e per gli eventuali slogan, preferibilmente — si suppone — quello di grande sottigliezza concettuale e profondo contenuto politico che suona “o di qua o di là”, raccomandato anche per spot e comizi. E il volto? Deve essere sorridente, austero, confidenziale, autoritario? Non si sa. Il volto del candidato ideale di Forza Italia non c’è, o meglio nel modello proposto è completamente bianco. Poiché deve essere il volto di tutti, ogni candidato deve potersi identificare nel manichino multimediale e pazienza se la prima cosa che viene in mente è invece il volto sbianchettato di Massimo D’Alema così come lo disegna da qualche tempo quella vittima di regime che è Forattini.

Ma forse, più modernamente, si tratta di un suggerimento tecnico-informatico che con poca spesa e ottimi risultati può dare a ogni candidato una bella e immagine elettorale. Infatti con una semplice fototessera opportunamente scansionata e un software adeguato, per esempio Photoshop, è un gioco da ragazzi inserire la propria immagine nello spazio bianco e ritrovarsi con il ritratto elettorale ufficiale già bell’e pronto e personalizzato quel tanto che basta. Silvio Berlusconi, si sa, è un uomo che si è fatto da sé: che i suoi candidati si facciano da sé almeno in fotografia. La materia prima però gliela passa lui.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Casomai un’immagine

sir-01 sir-15 th-62 03 14 26 kubrick-10 petkovsek_24 malleus_04 piccini_15 38 bra-big-01 holy_wood_01 holy_wood_11 s10 s4 mis4big-3 pm-00 murphy-31 galleria06 galleria16 03 04 05 pugh-09 esplosa-02 14 24 29 Padiglione del Bangladesh