// stai leggendo...

Omnia

Non solo mute!

Riempite le Chiese di pensieri immondi
Introducete l’onesto nella Casa Bianca
Scrivete lettere in lingue morte
A persone che non avete mai conosciuto!
Dipingete parole sconce sulle fronti dei bimbi!
Bruciate le vostre carte di credito, e
Indossate scarpe con i tacchi a spillo!
Le porte del manicomio si aprano!
(Joker, in Arkham Asylum, di Morrison-McKean)

Le Fucine s’avviano a diventare quello che ho sempre
sognato e che solo qualche tempo fa non speravo. Un manicomio aperto al mondo.

Così, all’oscura, balorda schiera dei fucinieri (per questo numero arricchita dal mio sorriso) s’unisce anche un inquietante sciamano urbano, primo speriamo d’una lista, d’una play-list, anzi. Lorenzo parla e ci fa partecipi dei suoi sommersi happening musicali. Ci fa ascoltare la “sua” musica, col magnetico aplomb da sciupafemmine qui magari un po’ costretto – ma certo non sminuito – dalle ridotte dimensioni della finestrella “Realplayer”. Visitate l’Occhiospia, e rendetevi conto di cosa possa l’amore per la musica, la tecnologia streaming, e una videocamera. Non dico che non si possa far ancora meglio: certo è che il medium pone dei limiti tecnici alla resa qualitativa – ma è solo questione di tempo – e che le Fucine inaugurano con l’Occhiospia la loro stagione più compiutamente plurimediale, dopo solo un anno di vita. Danno anima, voce, volto ai loro fantasmi audiovisivi.

Le mie non sono disquisizioni artatamente costruite; tanto meno, un elogio del proprio lavoro, che sarebbe cosa sterile. Non vendiamo niente, offriamo dei servizi, facciamo ciò che ci piace, e non dobbiamo fregare nessuno.

Certo è che le Fucine Mute possono garantire, da oggi, una primissima forma di diretta “televisiva” su rete (che ci vuole? Nient’altro che un portatile e un allacciamento telefonico…). Possono costruire un loro piccolo network televisivo che sia tematico e generalista allo stesso tempo, magari controculturale (se vuol dire ancora qualcosa…) e per forza di cose diverso, perché diverso è il medium di supporto, come il possibile bacino d’utenza e il target. Il servizio è praticamente gratuito, anche se rimangono, certo, le spese di connessione per i fruitori. Il nostro sarebbe un network da navigare a piacere, solo se vi pare, qualora vi interessi e vi torni veramente utile: insomma, non intrusivo o rompiballe. Evitando del tutto l’etere e le sue frequenze, le Fucine possono garantire la messa in rete, a disposizione pubblica, delle lezioni universitarie d’un qualsivoglia docente che abbia il coraggio di farlo (io ci proverei). Dispongono già d’una radio, questi muscolari lavoratori d’altoforno, che è pienamente tutelata – non preoccupatevi! -. Possono a loro volta fornire connettività ad altre radio, per trasmettere anche su internet.

Potrete leggere, cari affezionati, e scrivere, ascoltare, vedere, tutto nello stesso momento, mentre lavorate (dotatevi, però, di modem veloci e provider seri). Potrete fare brutti incontri, con qualche amico mio, magari.

Attendendo le vostre rubriche riguardanti la cucina araba o africana, i sermoni del Rev. William Cooper, il cartone animato giapponese, il cinema muto, il drum’n’bass, la poesia recitata in latino, il teatro della crudeltà, gli scacchi o l’immondizia, dichiariamo la guerra dei poveri (che Zavattini diceva essere matti) ai vari, inamidati, mostriciattoli catodici che fanno giornalmente irruzione nelle nostre case. Servitevi di noi, e collaborate. Realizzate fattivamente il vostro contenitore. Aspettiamo le vostre idee (purché siano buone…), i sogni, i video, da trasformare in bit. (Spedite le vostre videocassette a REDAZIONE FUCINE MUTE WEBMAGAZINE, via del Crocifisso 7/a, 34121 Trieste).

Per il momento vi lascio ad Albanese, Grillo, Poli: voci dissidenti, ereticali, di quelle che piacciono a me.

Ancora due cose:

  1. a parlare dovete essere voi, perché avete meno voce d’altri (ma certamente sangue migliore);

  2. dagli al Batman! (anche se senza di lui non posso stare)

Un saluto carissimo dal sottoscritto (che per questo numero, almeno, ha fatto fuori quel bamboccione del direttore editoriale). Vostro,

JOKER

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

sir-25 mar-04 mar-32 th-44 th-50 th-54 th-64 01 ruz-06 ruz-12 petkovsek_14 malleus_02 25 busdon-02 busdon-05 cas-08 cip-09 cip-11 05 3 io_assumo lor-5-big holy_wood_31 Pr81 Otrok24 pm-22 murphy-30 galleria16 13 Jingle dinner