// stai leggendo...

Scrittura

Le scommesse di Retes

Diamo "la bienvenida" ad un regista messicano


Ci voleva l’ultima edizione del festival latino-americano di Trieste (ottobre 99) perché si potesse scoprire in libreria un volume completamente dedicato ad un regista del Messico, veramente una rarità.

A parte l’ottimo lavoro di Martini e Vidal dedicato alla storica “Epoca de Oro”, quella di Fernández e Figueroa, tanto per intenderci, sulla rassegna torinese del 1997, nonché il volume “Le cinema Mexicain” di Paulo A. Panagua, che risale al 93, con la sua vasta retrospettiva al Centre Pompidou di Parigi, non ci sembra che molti altri libri recenti siano stati rivolti al cinema messicano.

Articoli e resoconti da festival non ne sono mancati, a tutt’oggi, sulle riviste specializzate, e anche le recenti biografie nel centenario di Buñuel, grande e prolungata meteora messicana, si sono occupate a lungo del suo periodo: basterebbe fra tutte quella di Alberto Farassino.

Ma il nome d’un regista messicano poco più che cinquantenne, ci sembra veramente una gradita sorpresa, sulla copertina di questo volume delle edizioni APCLAI che porta una grafica di Cuevas con “Los retos de Retes”, cioè di Gabriel Retes, dove “retos” , giocato sul cognome, può significare non solo scommesse, ma anche “sfide” o “provocazioni”. E sono termini che si adattano benissimo alla persona in questione.

Immagine articolo Fucine MuteL’autore ha diviso il suo lavoro in tre sezioni “chiaramente differenziate ma che aspirano ad essere complementari fra loro”.

La prima sezione è una corposa serie d’interviste realizzate dall’autore, buon amico del regista, a casa di Retes, a Città del Messico, dalle quali emerge vivacissima la sua storia di giovane universitario molto legato alla famiglia (tutta gente del teatro) e anche molto impegnato politicamente . La sua famiglia ospitava sempre dei personaggi importanti: uno di questi era il pittore Diego Rivera, che gli regalava dieci pesos a ogni visita: “Diego, per favore, il denaro che mi regali dallo a me, perché se lo tengono sempre i miei genitori..” E Rivera gli aveva dato, ridendo, ben cento pesos “personali”.

Il giovane Gabriel si interessava, ovviamente, al teatro, e aveva anche avuto dei successi quando, appena diciassettenne, aveva interpretato una lunga telenovela. Poi arrivò l’interesse per il cinema, con ore ed ore a vedere di tutto sugli schermi della capitale subissati di pellicole americane che non sempre gli piacevano, e senza sapere nulla di lontane “Epocas de oro” del cinema di casa. E, ancora, la scoperta dell’altro cinema, non quello degli schermi giganti, ma del Super8, usato con un gruppo di amici come Paco I. Taibo, futuro scrittore di fama, “per raccontare le storie, in un paese che aveva bisogno di ascoltarle e di narrarle”..

Immagine articolo Fucine MuteNella seconda parte, le storia, dei suoi film e della sua vita scorrono in parallelo per un ventennio: undici titoli interessanti, in particolare i primi, decisamente contro corrente, al punto che la potente sorella del presidente della repubblica di turno negli anni 70, respinse l’invito a Cannes, che era stato portato direttamente dagli inviati di quel Festival , per “Nuevo Mundo” , questo il titolo del film, mentre la signora era Margarita Lopez Portillo, responsabile delle relazioni culturali.

Altri film di Retes andarono ai festival di Berlino e di Mosca, e la suddetta signora si rassegnò di malavoglia.

Il lavoro di Gabriel Retes continua regolarmente negli anni, tutto punteggiato da imprevisti, dei quali lui sa sempre cogliere il lato umoristico e pittoresco , come l’invito a Hollywood nel 1988 per una regia: accoglienza cordialissima, appartamento di lusso con la sua compagna Lourdes e la figlia Gabriela, arrivo del produttore con i soldi e l’impresario, che si innamora pazzamente diuna splendida segretaria di produzione scappando con lei alle Hawaii.. Almeno ebbe la soddisfazione di essere il precursore dei tanti registi messicani che lavorano attualmente a Hollywood, e per di più ebbe una buona proposta di lavoro nella produzione di Home Video in lingua spagnola molto richiesti negli States. Ne risultarono tre film di ottimo esito.

Il 1991 è l’anno del film più noto di Retes , “El Bulto” , che si può tradurre come pacco, o ingombro. È la storia di Lauro, un fotografo che, durante una manifestazione, prende un colpo in testa e rimane per vent’anni in stato di coma, per risvegliarsi in un Messico che non riconosce più e in un mondo che non è più il suo. L’unico mondo è per lui quello della famiglia: e Retes ha impiegato come attori lui stesso e molti dei suoi parenti (ricordo di Cassavetes?) , in un film molto acuto e anche divertente. Ne seguono altri due, di cui l’ultimo è ora in distribuzione, e i tre film hanno avuto vivo successo in tre festival successivi a Guadalajara, la sede annuale del cinema messicano.

Il festival triestino del 99 ha reso omaggio a Retes con due dei suoi film, e il secondo era naturalmente “El Bulto”.

La terza parte del volume di de la Vega Alfaro si occupa della critica messicana dedicata a ciascuno dei film di Gabriel, una rassegna meticolosa e molto interessante. Conclude l’opera un’appendice, “Dieci note sull’evoluzione del cinema messicano” che passa in esame tutta la produzione nazionale, dalle origini ad oggi, corredata da un ottimo materiale fotografico.

In conclusione, un cinema con un passato ancora da rivalutare e con un futuro ancora in evoluzione. E soprattutto un suo protagonista geniale e originalissimo.a

Gabriel Retes Balzaretti , nato a Città del Messico il 25 marzo 1947, ha debuttato in teatro appena tredicenne, misurandosi con la grande drammaturgia (da Sofocie a Anouil, da Shakespeare a Bernard Shaw).

Nel 1969 si cimenta con la produzione teatrale ne Los albañíles di Vicente Leñero, mentre a  cavallo degli anni Settanta, Retes alterna partecipazioni in film a carattere industriale ad interpretazioni in serie di corto, medio e lungometraggio in super 8, destando spesso l’interesse della critica specializzata e raccogliendo importanti premi e riconoscimenti in appuntamenti cinematografici nazionali.

Nel 1972 partecipa alla fondazione della “Cooperativa de Cine Marginal” che produce e realizza i Comunicados de insurgencia obrera, primi esempi messicani di cinema militante. Premiato in ambito internazionale per i primi tre lungometraggi professionali, Retes partecipa alla creazione dell’impresa DASA (Direttori Associati Società Anonima) e fonda, con altri cineasti, la Cooperativa Río Mixcoac.

Nel 1981 realizza 26 programmi televisivi per la serie Niños y Niñas, patrocinata dalla Segreteria di Educazione Pubblica. Dopo Mujeres salvajes, dirige un’opera in due parti ispirata a racconti di Emilio Salgari. In seguito, il suo lungometraggio La ciudad al desnudo partecipa al Festival de La Habana e concorre a quattro premi Ariel.

Nel 1986 è coproduttore della serie televisiva La rebelión de los colgados, realizzata in Messico da Juan Luis Buñuel.Prima del ritorno all’industria cinematografica con El bulto (1991) dirige vari video-home fra il 1989 e il 1991. Parallelamente, promuove la realizzazione di opere in video grazie alle quali giovani cineasti possono affacciarsi alla ribalta cinematografica.

Nel 1996 ha ottenuto il finanziamento concesso dalla Fondazione Guggenheim per lo sviluppo dei suoi progetti cinematografici Raza brava e Las esquinas. Oltre alle partecipazioni come attore in film diretti da José Agustín, Luis Alcoriza, Miguel Littin, Alberto Bojórquez, Carlos Bolado, Carlos Azpúrua e Marysa Systach, Retes ha interpretato varie pagine drammatiche in opere da egli stesso dirette.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

Casomai un’immagine

pas-03 pas-20 sir-04 mar-37 viv-11 viv-42 pck_08_cervi_big th-07 th-48 00 17_pm 27_pm kubrick-2 kubrick-8 petkovsek_18 002 bis_II_01 a religioni1 tyc2 cor11 s3 s9 murphy-02 05 34 wendygall-10 14 Urs Fischer Alice