// stai leggendo...

Scrittura

L’albatro, Il letto, Lontananza…

Immagine articolo Fucine Mute

D’improvviso un frullo d’ali

cos’era la mia vita, prima del giorno in cui fu destata dal frullo d’ali di un uccello levatosi d’improvviso spumeggiante, sull’orizzonte?

Quanto del mio corpo avevo abitato fino ad allora? Corpo di giovane ragazzo, tutto pelle e ossa, avvezzo a vagare per le campagne solitarie e acri di ginepro, ad inerpicarsi sulla costa scoscesa, lussureggiante di vigne e frutti paradisiaci, spalancata a strapiombo sull’immensa azzurrità.

Poi, d’improvviso il frullo d’ali.

Forse dapprima fu un gabbiano, bianco fiore dai vaghi contorni libratosi in lontananza; oppure l’uccello dei fiabeschi racconti di mia madre, uccello che di sera deponevo nel nido del sonno, affinché nei sogni si ammantasse sontuosamente di meravigliose piume dalle forme e dai colori più bizzarri.

Senz’altro però non era un uccello delle nostre parti: né passero di grondaia né cinciallegra di pergolato; né merlo nascosto nei cespugli del giardino né uno della lunga fila di stornelli che solevano darsi convegno sullo scrimolo del tetto del vicino in autunno o in primavera, chissà, forse addirittura d’inverno, quando un freddo vento sferzava il cortile e il loro litigioso cinguettio scaldava l’anima.

Eppure questo non era certo sufficiente perché qualcuno di essi potesse tramutarsi in quell’uccello apparso all’orizzonte, che in un primo tempo avevo invero più intuito che visto, ma che tuttavia diveniva di giorno in giorno più nitido, di giorno in giorno sempre diverso, ora soave ora di forme terrificanti. Come un richiamo alla vita, come il timore di compiere il primo passo, come il desiderio di pronunciare una parola udibile e intelligibile. Parola di pane, parola di terra, parola scaturita dalle profondità dell’abisso riverberante di cielo.

Fu allora che presi a vivere quel mio corpo di giovane ragazzo, in ogni sua fibra. E da allora è come se dovessi volare.

Immagine articolo Fucine Mute

Immagine articolo Fucine Mute

L’albatro

Albatro, fiamma di mari del sud,

e nella gola di torbida acqua

la lava riluce,

alle grida la gente si desta

in un canto

che in parola non si traduce.

Albatro, fiamma di mari del sud,

ed è oceano

ed è uragano

ed è iceberg della coscienza

che è tutto vano.

Albatro, fiamma di mari del sud,

ma ai pescatori del mio paese

sembra un indovinello:

sarà un vento

o un pesce,

neppure li sfiora l’idea

che un uccello.

Immagine articolo Fucine Mute

Immagine articolo Fucine Mute

Il letto

Attendi in porto, attendi,

nave annosa e provata,

che al calar della sera io e lei

a piedi scalzi saliamo sulla tua tolda

per prendere il largo.

Le lenzuola si tendono con sibilo ribelle

come vele riarse, le parole

spumeggiano come birra

innanzi ad accaldati marinai,

si effonde un profumo di palme, di sud, di pelle

satura di sole e alghe.

Salpiamo nei venti e le correnti

ci sospingono e portano lontano, ma in noi

sta all’erta un lupo di mare –

scampati alle tempeste, possiamo

pur testimoniare sulla morte:

nulla è eterno nulla è eterno nulla

e ogni istante un’eternità.

Viviamo di lotta come le vele di vento.

Le molle vibrano d’amore,

la solitudine le impietra.

Immagine articolo Fucine Mute

La tavola

Beata tu sia, tavola, che hai gambe

ma non ti allontani da noi: tu sì che sei saggia

e sai dov’è la felicità.

Beata tu sia, tavola, che sei di rovere tinto

e ampia, sì che tutti e quattro

a te sediamo con i nostri giorni e notti.

Con tovaglie ti copre la brezza di primavera,

il profumo di cibo casereccio ti impregna

e tu verdeggiando cresci,

cresci e sei la nostra casa: in te

entriamo e da te usciamo confortati

e dissetati.

Beata tu sia, tavola, che sei il mio libro:

nei tuoi cerchi segno la felicità

e crescita dei figli, con l’altezza delle tue gambe

misuro il mio sconforto –

un giorno su di te solo tre piatti,

un altro giorno due,

poi un suono secco nel tuo dorso:

come molla saltata in un vecchio orologio.

Immagine articolo Fucine Mute

Immagine articolo Fucine Mute

La gente senza sonno

Prima di mattina la gente senza sonno

per la città ansante si trascina sulla riva

in cerca del molo. Era ancora lì, l’altro giorno,

teso verso l’oltremare. Ma l’ha spazzato via.

La burrasca? La tenebra? L’onda che erode?

L’ultima nave salpata prima d’attraccare?

Mentre nel cielo si diffonde un pallore,

ogni ora non più di un minuto vale.

Fissano quest’assenza del molo,

questa freddezza che toglie il fiato.

A oriente, dove tutto inizia di nuovo,

il giorno senza di loro sorge pacato.

Immagine articolo Fucine Mute

Immagine articolo Fucine Mute

Il mattino va al mercato

Il mattino va al mercato, cigolante e duro,

ammantato di platani e fragranza di caffè,

voci intrecciano nidi negli orecchi,

maniche scompaiono in ampi panieri.

Quante forche forcine e passi perduti,

quanto svolazzare, acqua quanta,

quanto, quanto, quanto di tutto

che si apre, sbadiglia, vomita, canta.

E lasciati i nostri letti lo seguiamo,

alcuni ancor bianchi del candore di lenzuola,

come favi di gioiose grida e aspettative,

ma pure chi, non più uomo, spettro ormai vola.

Immagine articolo Fucine Mute

Immagine articolo Fucine Mute

Lontananza

Brilla lontano lontano, laggiù.

È il mare? — È blu.

Cos’altro vuoi dunque che sia

di così caro all’anima mia.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Casomai un’immagine

sir-31 mar-33 viv-17 pck_19_cervi_big th-28 th-74 10 16 28_pm ruz-11 petkovsek_08 petkovsek_14 001 piccini_10 piccini_13 f acau-gal-18 13 15 cas-01 vascello 01-garcia holy_wood_25 holy_wood_30 pm-00 pm-29 37 32 36 Robot 3