// stai leggendo...

Scrittura

Traduzione a cura di Fawzi Al Delmi

Immagine articolo Fucine Mute

Sul confine dell’abbandono

O mio avversario

per il tuo volto stavo per inventare un nome diverso
                                            [da quello che ti diedi

poesia o ghigliottina simile ad una rossa notte

ti sei appropriato del suo colore e con l’attesa mi
                                                           [disorienti

così senza testimoni

così senza confessione (del corpo)

è il tormento del dolore

il corpo giace in un’estasi infinita

diversa dall’inganno dell’Oriente

e della sabbia simile alle promesse degli uomini

tratto la tua agonia

e con il singhiozzo del peccato prego

poiché ogni addio se non viene da un corpo represso

non può essere colpa meritevole di profezia

ogni innamorato se non è porta per l’inferno

non può essere follia

sarà via lattea in uno spazio sradicato

trono che abbraccia un tiranno

vittoria raggiunta da eroi sconfitti.

O mio avversario

unico carnefice del mio cuore

sul confine dell’abbandono

cerco di trascinarti verso il gregge dei giorni segnati
                                                      [dai rimpianti,

promesse che la memoria imbalsama col desiderio
                                                            [dell’oblio

e distratta… distratta

inganno le stagioni

come un sultano coronato dall’umiliazione e dalla
                                                          [nostalgia.

Sul confine dell’abbandono

amai e trovai l’amarezza del mondo nella gola

quando lì afferrai — menzogna — una patria segreta

che mi assediò, poi se ne andò …

come un bacio che il triste vento del Nord ha disperso

come melodie di un Sud che affonda nella morte e nei
                                                   [lutti di Karbalà.

Sul confine dell’abbandono

la gioia si paralizza, offuscata

ed io elevo a te le mie preghiere.

L’abbandono non è sconfitta,

la sconfitta è il non lasciarci,

rimanere a giocare nella strada del tempo

illudiamo la nostra impotenza

di essere ancora innamorati

dai tempi della follia di Adamo… fino agli ultimi aridi
                                                                 [baci.

Poiché mi affliggo per l’erranza del mondo,

per la morte dei paesi

faccio che i giorni ti voltino le spalle

restituiscimi a me stessa, dopo aver divorato la mia
                                                         [ambizione,

e come mela condannata dagli dei, fammi sbocciare.

Sul confine dell’abbandono

il cielo è spoglio delle stellari vele

e le amichevoli elegie azzoppano la terra

O mio avversario

nitrito della vita nel corpo

o corpo mio,

dove sei?

Sei ancora colmo di ricordi e preoccupazioni?

Sul confine del dolore

feci cenno

al pane delle gole colpite da libertà e promesse

non sei tornato a me

non sono tornata a te.

Da tempo lontano

avrei dovuto abbandonarti

per gettare tutto ciò che avevo

nel tuo stupido inferno,

i tuoi deserti paradisi.

Baghdad 1995

Immagine articolo Fucine Mute

Traduzioni: Laboratorio di traduzioni di Casa della poesia

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

sir-04 sir-12 sir-37 mar-03 th-36 th-70 th-78 30 kubrick-49 bav-01 petkovsek_19 bon_sculture_16 bon_sculture_18 piccini_31 acau-gal-08 acau-gal-10 busdon-12 n p10 p8 mis4big-1 pm-16 galleria05 galleria-07 16 25 10 11 Edgar Allan Poe Oggetti, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni