// stai leggendo...

Scrittura

Traduzione di Raffaella Marzano

Poesia per il millennio

Immagine articolo Fucine Mute

Fra la polvere della storia,
fra resti di ossa di vecchie ideologie,
un passo avanti ma apparentemente nessuna possibilità di andare avanti o indietro
e in principio pensando a un sogno che batte la testa
contro lo schermo di un computer che lo ha già infocommercializzato,

alcuni vedono il Millennio come miliardi
di persone bisognose, altri come miliardi
di dollari; alcuni vedono il gap farsi più grande fra
ricchi e poveri, alcuni vedono Gap
espandere globalmente …….. i suoi negozi.

Come dare a tutti un tetto sulla testa?
Come dare a tutti tre pasti al giorno, ad infinitum?

C’è più terrore. Più avidità.
Più automobili che avvolgono completamente.
Più delinquenti e scorpioni
travestiti nella democrazia.

Più guerre. Più poliziotti. Più poveri,
più poveri, più
poveri e senzatetto
masse in stracci,
che cercano nelle immondizie, mendicanti, puttane.

Più fosse comuni, più promesse di pagamento
per un lavoro da schiavi,
maniche che si arrotolano lungo le Strade dell’Ago,
sciami di turisti che passano.

Morte, tu ci strappi il cuore e dici
Vedete, è solo un muscolo,
e lo nutri al sole del profitto.

Morte, ne abbiamo abbastanza dei tuoi sporchi lavori
e ne abbiamo abbastanza di piegare la schiena
e del gioco delle tre carte che ci ripulisce.

Siamo disgustati da questo destino di sfruttamento
e vogliamo un altro tipo di società,
e possiamo averla, e l’avremo.

Quello che conta si è spostato a Seattle
sette anni dopo L.A.
su un palcoscenico più ampio
40.000 lavoratori e ambientalisti internazionalmente forti

e il calcio in culo della nuova classe
che se ne frega del gas lacrimogeno e delle prigioni
che leva il canto a spirale
contro la negazione
che è il capitale

e ora possiamo e vogliamo
aggiungere più scintille di povertà a coloro che ardono
su ogni ingiustizia, dando vita insieme
al falò del Millennio che diffonderà

il nostro desiderio di un mondo cooperativamente accordato
come uno strumento costruito e suonato da tutti,

per riprenderci tutto il corpo dell’anima,
e la dignità inchiodata al secchio dell’immondizia,
e le facce rubate e i sentimenti distrutti,
ed essere capaci infine di uscire da questa prigione continua

in un mondo in cui un pezzo di pane
sarà per tutti senza profitto,
in cui giungerai a una porta non più straniero
per scoprire che lo spazio è tuo semplicemente perché sei umano,

e gratis anche le scuole e gli ospedali
per te per vivere pienamente il tuo cuore
nel modo in cui era destinato a battere.

Immagine articolo Fucine Mute

Immagine articolo Fucine Mute

In tuo onore

No niente

è non affermabile.

Hai voluto, hai avuto.

Siamo nel piccolo foro nella tua testa

in cui è entrato il proiettile.

Il tunnel da Mosca a Marciume.

Non siamo altro che impercettibili ora,

formiche che vanno avanti e indietro

portando filamenti, le più semplici fibre

di acciaio sulla schiena.

Ci vorrà tempo

essenze di tempo, mesi, anni forse

ma siamo già abbastanza avanti

nell’atto di sentire da qui

dove stai andando.

Le nostre carovane di fibre di acciaio

nella tua ferita vanno avanti

senza posa, notte e giorno.

Alla fine del tunnel,

la costruzione della canna del fucile

procede bene. La canna del fucile

deve venire per prima, in tempo per

la domanda crescente dal basso.

Noi già lo sappiamo, sì, noi che

non produciamo alcun suono che tu possa ancora sentire,

noi sappiamo che il grilletto, i proiettili

e l’impugnatura saranno completati

precisamente nel momento in cui

i popoli del mondo finalmente

ne avranno avuto abbastanza del tradimento globale

si solleveranno come

un’unica mano per i secoli a venire

e infine respingeranno la pistola del suicidio

dal tuo cervello

e mireranno al Killer-Poliziotto-Capitalismo

e lo elimineranno,

Majakowsky,

in tuo onore.

Immagine articolo Fucine Mute

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

pas-04 pas-09 viv-37 pck_15_cervi_big th-16 19 06_pm kubrick-16 kubrick-24 kubrick-33 ruz-06 petkovsek_18 bis_III_01 a n busdon-16 tso4big cas-17 brasch1 cip-13 lor-2-big Otrok07 Otrok23 Otrok50 murphy-17 vivi-05 wendygall-04 wendygall-09 24 26