// stai leggendo...

Omnia

Piccolo grande fratello

“Ahò, Grande Frate’, oggi nun me sento troppo bene…”: nello stanzino dalla tappezzeria trapuntata in colore cardinalizio detta “il confessionale”, unico luogo rituale di un’ambientazione a metà fra la caserma e lo show-room Ikea ma più simile a una toilette che a una cappella privata, uno dei concorrenti della nota trasmissione televisiva si rivolge direttamente a Lui. Ci crede, evidentemente, non ha avuto bisogno di comperare l’ultimo numero di “Micromega” che ha venduto 100.000 copie ponendo in copertina non una donna nuda in stile “Espresso-Panorama” ma la domanda “Dio esiste?”. Ci crede e gli dà del tu, come si fa con Dio e con Mara Venier. Solo che con il Grande Fratello non c’è bisogno di dire da dove si chiama. Primo perché lui è, per definizione, onniscente, secondo perché non c’è molto da scegliere, il microfono sta lì. Chissà come se lo immagina (perché dev’essere difficile parlare con qualcuno senza avere un’idea di che faccia abbia, perfino il Cristianesimo su questo punto ha ceduto): bello, alto e biondo oppure piccoletto, un po’ pelato e con il doppiopetto grigio? Certo è uno di noi, per ora ci porta la spesa ma alla fine, per chi si sarà comportato bene, ci saranno i milioni. E forse un posto lassù, accanto a Lui, una scrivania o magari un Set.

La trasmissione di Stream-Canale5 cancella di colpo tutte quelle cupe fantasie dell’umanità note come Utopia negativa. Orwell era un incontentabile rompipalle che probabilmente non sorrideva mai. Non bisogna aver paura di chi ci guarda e ci guida, basta andare nello stanzino e parlargli, “ahò Grande Frate’”. Nel Villaggio Globale la privacy ha le dimensioni di un locale WC ma in compenso tutti sono fratelli, quelli che bussano da fuori (hai finito? tocca a me!) come nelle commedie senza doppi servizi degli anni cinquanta e quelli guardano dall’alto. Anzi, forse si può stabilire una regola matematica: la grandezza del Villaggio è inversamente proporzionale alla grandezza del Fratello.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Casomai un’immagine

sir-32 mar-13 mar-29 mar-31 th-34 th-48 th-76 ruz-05 petkovsek_22 dobrilovic_01 bon_14 bon_sculture_09 mccarroll01 14 25 40 cas-04 dark pudore rgb cip-01 03-garcia jg_big_2 holy_wood_17 p11 sac_03 pm-11 galleria06 Christian Boltanski: Chance / Padiglione Francia Eros 4, 2011 A. Guerzoni Archi-star 2011