// stai leggendo...

Cinema

Fernando Birri

La memoria del cinema cubano

Fernando Birri
Nato in Argentina nel 1925, studiò al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Nel 1956 fondò e diresse l’Istituto di Cinematografia dell’Università del Litoral, nel suo paese. Pioniero del cinema popolare, nazionale e critico que segna l’inizio del Nuovo Cinema Argentino, Birri nel 1986 fu tra i fondatori della Scuola Internazionale di Cinema e Televisione di San Antonio de los Baños a Cuba che diresse fino al 1991. Tra le sue opere più importanti citiamo “Tire die” (documentario, 1953-1958), “La primera fundación de Buenos Aires” (documentario di animazione, 1959), “Buenos días, Buenos Aires” (documentario, 1959), “Los Inundados” (1961) e “Remitente: Nicaragua” (documentario, 1984).


Fondazione del Nuovo Cinema Latinoamericano
Creata nel 1986 e presieduta dal Premio Nobel per la Letteratura Gabriel García Marquez, questa fondazione nacque con il proposito, tuttora esistente, di promuovere e diffondere il Nuovo Cinema Latinoamericano. Auspicò la nascita (e ne supervisiona lo sviluppo) della Scuola Internazionale di Cinema e Televisione di San Antonio de los Baños di Cuba (Escuela Internacional de Cine y Television de San Antonio de los Baños). Nel corso dei suoi anni di vita, l’associazione ha propiziato la realizzazione di coproduzioni tra le cinematografie latinoamericane ed europee.


Scuola Internazionale di Cinema e Televisione di San Antonio de los Baños
Creata nel 1986, sotto gli auspici della Fondazione del Nuovo Cinema Latinoamericano, cominciò la sua opera nel gennaio del 1987, organizzando corsi base per principianti, atelier sperimentali e tavole rotonde per professionisti del cinema, della televisione e di altri mezzi di comunicazione audiovisivi. Chiamata anche Scuola dei Tre Mondi (Escuela de Tres Mundos), la Scuola di San Antonio de los Baños è a numero chiuso e permette di avvicinarsi alle tecniche audiovisive agli studenti dell’America Latina, dei Caraibi, dell’Africa e dell’Asia. Uno dei suoi fondatori, il regista argentino Fernando Birri, la diresse tra il 1986 e il 1991, quando fu sostituito dal regista brasiliano Orlando Senna.


Fondazione Fernando Birri per le Arti Multimediali
La Fondazione Fernando Birri per le Arti Multimediali (Fundación Fernando Birri de Artes Multimediales) è una entità civile senza fini di lucro il cui obiettivo principale è: riunire, organizzare, conservare e diffondere la creazione delle opere di Fernando Birri e di tutte le opere che contribuirono alla nascita, alla crescita e alla consolidazione del Nuovo Cinema Latinoamericano mediante tutti i materiali esistenti: audiovisivi (cinema, video, televisione), teatrali, pittorici, letterari (poetici, narrativi, saggistici), musicali e di altre espressioni artistiche e culturali in generale, nelle loro forme già conosciute, ma anche quelle da scoprire in futuro, grazie alle nuove tecnologie, privilegiando la sperimentazione e l’autonomia del digitale.
Tale obiettivo sarà raggiunto utilizzando i materiali sopracitati e altri che si aggiungeranno in seguito per svolgere altre due funzioni fondamentali: l’insegnamento e la produzione.
La Fondazione collaborerà con altre istituzioni, argentine ed estere, le cui attività siano compatibili con le sue, stabilendo strategie sociali e culturali.
Queste funzioni non devono intendersi come accumulazione e conservazione a fini di archiviazione museale, ma in quanto eredità viva per un uso pratico e teorico come contributo alla formazione interattiva e democratica delle nuove generazioni di Santa Fé.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

pas-12 mar-22 viv-38 pck_22_cervi_big th-72 00 17_pm kubrick-19 thole-18 piccini_06 piccini_20 mccarroll07 19 tso4big czkd cip-04 lor-2-big tav3 holy_wood_13 p9 sac_03 mis-pre2 murphy-35 03 27 vivi-05 wendygall-07 15 21 Jingle fisher