// stai leggendo...

Scrittura

Pino Bonanno

Il Cromatismo ermetico

Luciano Dobrilovic (LD): Maestro Bonanno, può spiegarci i motivi che hanno portato alla nascita del movimento del Cromatismo ermetico?

Pino Bonanno (PB): La prima delle questioni che mi posi in un itinerario di ricerca di tipo letterario fu quella di trovare una risposta di fine secolo al perdurante avanguardismo letterario degli ultimi decenni: mi chiesi se era ancora utile e produttivo continuare nella ricerca sperimentale, o se fosse il caso piuttosto di individuare un preciso orizzonte dal quale tentare di ricomporre l’atomizzazione degli indirizzi letterari; è una questione che affrontai nelle mie raccolte poetiche Albatross (1) e Trobar clus (2): non era più sufficiente per me una ricerca finalizzata unicamente alla sperimentazione linguistica e al gioco sulla parola; sentivo la necessità di una poesia che non parlasse esclusivamente di sé, ma affrontasse e ponesse al centro i veri problemi dell’uomo. Questa necessità di ricomposizione procedeva di pari passo anche nel lavoro pittorico: la riflessione procedeva con coerenza, parallelamente, sdoppiandosi nelle due espressioni della parola e dell’arte figurativa.

In sostanza, mi sono posto la questione di traguardare il nuovo secolo cercando di scoprire un orizzonte che ricomponesse la frantumazione degli interessi artistici sviluppatisi durante il Novecento: e questo è l’obiettivo del Cromatismo ermetico.”Cromatismo” come gioco e lavoro sul colore; l’ermeticità del cromatismo richiama invece a ciò che attiene alla parte allusiva della vita, ai suoi significati più nascosti o a quanto di “altro” c’è dentro e fuori di noi.

LD: In Psicologia e poesia, Jung distingue tra una poesia di carattere psicologico e un’altra propriamente visionaria, citando ad esempio il Faust goethiano, psicologico nella prima parte, visionario nella seconda. Nella poesia visionaria troverebbero espressione, in forma trasfigurata, i nostri più intimi e segreti desideri, ambiguità e contraddizioni, nonché le eterne profonde questioni della vita. Che ruolo potrebbe avere la poesia visionaria nella civiltà odierna?

PB: Sostengo che l’arte potrebbe anche avere un ruolo — l’arte in generale, non tanto quella psicologica o visionaria od oggettivata in particolare; ma nel Novecento abbiamo capito che bisogna temere i ruoli dell’arte, poiché di guasti l’arte ne ha fatti tanti: meglio non cercarle dei ruoli ad ogni costo. L’arte si sviluppa attraverso l’interesse dell’individuo; l’arte può muoversi perché sommuove le coscienze e le emozioni. Chi produce arte ha un suo modo di fare peculiare; io non vedrei un ruolo rigido della poesia visionaria: potrebbe averne se interessi concomitanti le attribuissero un certo valore; non mi sentirei di ritagliarle in assoluto uno spazio definito e preciso.

LD: Una poesia fatta da anime per anime…

PB: Proprio così: tanta poesia quanti sono gli artisti; importante è fare una buona poesia per buoni lettori e da buoni artisti.

LD: Nell’odierno vuoto di ideologie e valori, l’arte potrebbe ancora assumersi un ruolo di impegno politico, o spirituale? Oppure si tratta di una funzione che l’arte ha definitivamente perso?

PB: La caduta dei valori pone dei problemi fondamentali all’uomo, in relazione con se stesso, gli altri e la società; è un problema di cui preoccuparsi. La mancanza di idealità mette in crisi l’uomo, sia a livello individuale che interindividuale: mancando l’ancoraggio, la voragine che si apre è enorme e la vita può presentarsi senza senso, con un’angoscia quotidiana continua. è qui che la poesia può avere un grande significato: in questo contesto sarei d’accordo con Pablo Neruda quando disse che la poesia può fondare popoli, aprire strade, può sfamare, può dare un senso di vita alla gente. E con questo, riaffermare la libertà dell’arte, al di là della ricerca nevrotica di un “ruolo” a tutti i costi.

LD: Molti sostengono che la storia politica e culturale dell’Occidente, e non solo, è segnata da così gravi tragedie a causa della tendenza dell’uomo a fabbricare ideologie, filosofie e dottrine che dividono gli uomini anziché unirli, essendo il pensiero stesso, per sua natura, duale. L’arte può contribuire a un cambiamento della mentalità umana, far sì che l’uomo “pensi” di meno e si rivolga di più all’Intuizione e al Trascendente?

PB: Il pensiero è la forza fondante dell’uomo; la sua mancanza crea il vuoto e un’angoscia insostenibile. L’idealità è necessaria e l’”ideologia” può essere un riferimento per l’uomo e le masse; il problema è la coscienza dell’individuo rispetto alle sue scelte ideologiche, nel momento in cui usa l’ideologia per contrapporsi con l’altro da sé. L’arte può aiutare, ma ci si ricordi che quando l’arte si è confusa con l’ideologia e il potere ha creato anche danni: nel mondo comunista ci sono i segni tangibili che non sia servito a molto liberare l’uomo dalla coscienza di sé; può quindi servire l’arte, sempre che l’uomo mantenga coscienza dei valori di solidarietà e libertà e degli spazi comuni in cui convivere con gli altri; se invece l’ideologia serve per creare barriere, e l’arte sostiene l’ideologia in quanto tale, essa arte contribuisce alla divisione: quando la barriera si sovraccarica di valore etico ed estetico diventa ancora più pericolosa; gli intellettuali al potere sono micidiali quando sostengono “verità” assolute da praticare.

LD: Se il poeta rinuncia al ruolo di vate e al coinvolgimento nelle vicende politiche e si limita invece ad essere semplice consulente — come dicevo, arte fatta da anime per anime —, può così favorire l’evoluzione spirituale dell’umanità, nel senso di risvegliare l’autocoscienza negli uomini?

Immagine articolo Fucine MutePB: Se l’artista si accontenta di testimoniare la sua esistenza nel modo più onesto intellettualmente possibile, credo che svolga una funzione di carattere sociale che aiuta l’anima a crescere. Se l’artista si pone obiettivi propedeutici e formativi, può diventare pericoloso; ma limitandosi a testimoniare i suoi bisogni, le sue riflessioni e la sua esistenza, inevitabilmente diventa un orizzonte a cui guardare, “indicando” appunto dei valori.

LD: C’è un rapporto tra il Cromatismo ermetico e la pittura metafisica di De Chirico?

PB: La pittura metafisica di De Chirico si poneva anche obiettivi di carattere politico-ideologico: il Cromatismo ermetico non ne ha; esso ha soltanto il desiderio di rappresentare se stesso attraverso questa variazione luminosa e questa libertà assoluta del colore; è molto diverso.

LD: L’importanza di Ermes?

PB: Può darsi.

LD: La Sua poesia e la poesia ermetica: vi è rapporto?

PB: Fra la mia poesia e quella ermetica c’è un rapporto di carattere originario. Io mi sono nutrito dell’ermetismo e dei poeti ermetici, ma l’Ermes del Cromatismo non ha niente a che fare con l’ermetismo letterario: è soltanto legato — ripeto — a quel carattere di allusività e vibrazione sotterranea che c’è a guardare la reazione del colore e il significato che la reazione dà a chi osserva. La priorità assoluta del colore, la rivendicazione di poter fare arte attraverso il colore: è fondamentalmente questa la proposta del Cromatismo ermetico, contro i vari “-ismi” di sperimentalismi e avanguardismi. Un ritorno alla bellezza del colore, non per chiudersi, ma per tentare un nuovo scatto nel nuovo secolo.

LD: è possibile tentare una descrizione della Sua poesia?

Immagine articolo Fucine MutePB: Durante il mio percorso letterario ho cercato di non attribuire alla mia poesia un orizzonte fisso, un’etichettatura o una definizione. Tutta la mia ricerca letteraria si basa sulla parola e la necessità di guardare all’esperienza dell’uomo: un approfondimento della storia dell’uomo, del valore dell’esistenza e dei rapporti a volte tragici tra gli uomini. Sostanzialmente rimane tale: non attribuisco un valore assoluto alla mia poesia, mi piace ancora considerarla un viaggio.

LD: Che ne pensa della fioritura in Istria negli ultimi anni della poesia trascendente e metafisica, con tematiche che trascendono l’esistenzialismo e vanno alla ricerca di un Senso Ultimo della vita, come Lada Acquavita, e Laura Marchig con i suoi riferimenti all’alchimia? Oppure la mia Poesia cosmica

PB: Per quanto mi sia documentato, e nonostante non sia un grande conoscitore della poesia italiana in Istria, mi pare si possa tracciare un solco: da una parte ci sono i letterati e poeti istriani di lingua italiana nostalgici e caricati di un peso storico eccessivo, con tematiche storiche; dall’altra ci sono i poeti di nuova generazione che hanno una collocazione europea molto più ampia. I primi sono ancora legati a tematiche riguardanti le proprie condizioni esistenziali di italiani d’Istria; sembra che i giovani abbiano saputo invece fare un salto: hanno lavorato molto sulla poesia con tutte le tematiche che ciascun poeta ha saputo affrontare, dal cosmico al visionario all’etico; io stesso ho cercato queste fonti con alcune iniziative, al fine di gettare un ponte tra gli italiani in Istria e quelli nel territorio nazionale.

LD: Ha dei progetti per il futuro, riguardo alla poesia?

PB: Ho un sogno: ho trovato grande vivacità nella poesia istriana, e non solo in quella italiana, ma anche in quella croata e slovena; magari nel solco di quanto ho realizzato con l’aiuto di alcuni amici — a Portole in agosto si è organizzato un recital di poesia croata, italiana e slovena (3) — mi piacerebbe realizzare un festival internazionale di poesia per ricollocare, partendo da queste esperienze, la poesia al centro d’Europa.

LD: Potrebbe raccontarci brevemente la nascita del Cromatismo ermetico?

Immagine articolo Fucine Mute

PB: Il movimento è nato nell’ottobre 1999, in seguito all’incontro in Istria di alcuni amici artisti e pittori. è stato fondato nel comune di Portole la notte di S. Silvestro, in una bella locanda di Stridone; ci è parso significativo aprire il nuovo secolo con questo movimento artistico. Avevamo in programma tre mostre: una in Croazia, a Portole, e due in Italia, a Ferrara e Gradisca; mostre che siamo già riusciti a realizzare. Molti nuovi artisti hanno aderito al movimento: sloveni, olandesi, belgi, tedeschi ed austriaci: l’interesse per il movimento è crescente. Per il 2001 contiamo su iniziative da promuovere a Zagabria, a Lubiana e in Austria, non so ancora se a Vienna o in Carinzia. Si sta pure aprendo un interessante dibattito teorico: insisto a dire che il Cromatismo ermetico non è una scuola né un’associazione, ma un movimento d’arte che ha base teorica.

LD: Come riassumerebbe le idee forti del Cromatismo ermetico?

PB: Il movimento riunisce artisti di diverso percorso creativo i quali si riconoscono nella tesi teorica del Manifesto del Cromatismo ermetico. Non è un gruppo né un’associazione di artisti. Non ha solo scopo di organizzare mostre. Il suo compito principale è di cercare una nuova via alla pittura ampliando la tesi fondamentale del Manifesto; è sostanzialmente una scelta pittorica su ogni altra espressione artistica. è ricerca dell’idea iniziale, cioè il principio di ogni pensiero o cosa; questo mi pare un elemento importantissimo: il dover fare arte attraverso una ricerca dell’inizio dei significati, è come dover tornare ai primi gesti d’arte, a una primitività del fare. è uso del colore nel modo più vario possibile; è allusività e vibrazione del colore e del mistero; è espressione di profondità del pensiero; è anche espressione attraverso le tortuose manifestazioni di attesa e sgomento; è elaborazione di grandi emozioni; è atmosfera visionaria; è esercizio di una facoltà pittorica unica ed eccezionale.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Casomai un’immagine

pas-17 viv-34 th-18 th-56 th-79 04 05 24 04_pm kubrick-18 thole-15 bon_sculture_03 bon_sculture_06 bis_I_03 piccini_11 i cas-07 cas-11 05 s18 pm-00 galleria-02 11 sla-gal-6 tsu-gal-big-05 vivi-05 wendygall-13 23 24 Padiglione Italia