// stai leggendo...

Cinema

Da qui all’ubikuità. Vicende dell’editoria di fantascienza in Italia

Vittorio Curtoni è nato a San Pietro in Cerro (Piacenza) il 28 luglio 1949.


Alla metà degli anni Sessanta fonda, con Luigi Naviglio, la fanzine di fantascienza “Nuovi Orizzonti”, dove pubblica i primi racconti e articoli.


Alla fine del 1969 assume, con Gianni Montanari, la cura di “Galassia” (quindicinale di fantascienza) e dello “Science Fiction Book Club” (collana aperiodica di volumi destinati alla libreria), presentando in Italia autori come Roger Zelazny, Samuel Delany, Barry Malzberg, Thomas Disch, Michael Moorcock.


Diventato redattore della Casa Editrice Armenia, presso la stessa, dal 1976 al 1978, dirige la rivista “Robot”, mensile di fantascienza.


In anni successivi cura altri periodici di fantascienza (“Aliens”, “Omicron”, “La rivista di Isaac Asimov”) e varie collane librarie del settore.


Dal 1978 si dedica prevalentemente all’attività di traduttore dall’inglese. A tutt’oggi ha tradotto oltre trecento volumi per svariati editori.


Ha collaborato con articoli, saggi e racconti a numerose pubblicazioni specializzate in fantascienza. Attualmente scrive su quotidiani (“Il giorno” e “Libertà”) e mensili (“Piacentini”, la rivista telematica “Delos”).


Oltre a una cinquantina di racconti, apparsi dal 1970 a oggi su numerose antologie e riviste specializzate e ampiamente tradotti in Francia e Germania, ha pubblicato un romanzo (“Dove stiamo volando”, La Tribuna Editrice, 1972), un’antologia personale (“La sindrome lunare e altre storie”, Armenia Editore, 1978), e due saggi dedicati alla fantascienza: “Le frontiere dell’ignoto” (Editrice Nord, 1977; vincitore nel 1978, a Bruxelles, del premio come miglior saggio europeo sulla fantascienza) e “Guida alla fantascienza” (Gammalibri, 1978), quest’ultimo scritto in collaborazione con Giuseppe Lippi.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Science+Fiction Festival 2019

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Casomai un’immagine

sir-32 mar-33 viv-43 pck_23_cervi_big th-29 04 kubrick-19 petkovsek_10 bon_sculture_08 malleus_10 bis_II_02 bis_III_01 mccarroll05 acau-gal-02 acau-gal-17 tso2big cas-04 cas-06 lortv-02 holy_wood_05 s16 pm-12 pm-15 pm-24 murphy-35 22 38 20 Jingler-stars Campane, 2011 A.Guerzoni