// stai leggendo...

Scrittura

Controcorrente (Ei fu)

S’era lamentato d’esser diventato un’icona, un santino, una stazione della processione di fronte alla quale tutti si tolgono il cappello, fanno il segno della croce, e pregano ossequiosi. Un intoccabile. Lamentava la fine delle battaglie, dei nemici, che lui avrebbe voluto sino all’ultimo. Nemici intellettuali e politici, giornalisti.
Gli hanno anche sparato alle gambe.

Odiava, comunque, quest’ultima stagione che avvertiva lontana dalla sua mentalità e formazione intellettuale, dal suo senso civico, della politica, del pensiero.
Dopo tanto clamore, il prezzoliniano de “la Voce”, l’odiato direttore de “Il Giornale”, l’uomo che conobbe tutti i grandi protagonisti del ‘900, esclusi Mao e Stalin, saluta e s’accomiata, senza troppi riguardi. Ci rimane il suo sguardo intransigente, quello del comunista, quello del fascista, del berlusconiano e dell’antiberlusconiano, dell’uomo di destra che votava a sinistra e del “votate turandovi il naso”; quello, insomma, che fu tutto e il contrario di tutto, oppure solo uomo libero.

L’intelligenza è come il vento.

Un saluto, Indro!

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Casomai un’immagine

sir-22 sir-23 sir-24 pck_13_cervi_big pck_25_cervi_big th-21 th-23 th-31 th-54 th-61 18_pm ruz-01 ruz-04 bon_03 15 17 opla1 vascello1 wax s3 Otrok23 pm-25 18 pugh-09 wendygall-01 wendygall-09 Christian Boltanski: Chance / Padiglione Francia Jingler-hand Alice Quarto movimento, 1951 Carol Rama