// stai leggendo...

Cinema

Farebbero tutti silenzio

Farebbero tutti silenzio


Regia: Andrea Zambelli
Produzione: Malamela: co Andrea Zambelli, via Castra1, Alemenno S.Salvatore, Bergamo, tel. 035642899 o 347 0036003, [email protected], doc. Italia, 2001
Montaggio: Luca Gasparini
Fotografia: Andrea Zambelli
Distribuzione: Malamela
Formato: Mini-dv
Durata: 28′


Andrea Zambelli, pur adottando la forma del documentario, illustra le vicende degli Ultrà atalantini come fossero una fiction. La ricerca che l’autore fa su una realtà a volte troppo condizionata e alterata dai mass media, non si limita solamente a suscitare il riso (il sorriso) quando si fanno sentire i pesanti accenti bergamaschi della tifoseria nerazzurra, ma impone un’interessante riflessione per lo spettatore, che potrebbe non aver mai assistito così da vicino a questo fenomeno para-sportivo.
Il filmato non ha una narrazione definita e cronologica. Il regista raccoglie le testimonianze più rappresentative di alcuni tra i capi-ultrà dell’Atalanta. Il montaggio, parallelo e discontinuo rende il racconto divertente e gradevole da seguire. Tuttavia ciò che più colpisce il pubblico è proprio la vera identità di una massa che si trova ogni domenica al centro del mirino. La ‘fede’ è l’aggettivo che meglio descrive l’unica forza motrice del gruppo, la fede per la squadra. Spesso il tifoso intervistato spiega come “aspetta morbosamente” la fatidica domenica per andare allo stadio e festeggiare, non soltanto la sperata vittoria, ma anche la propria gioia di vivere. “Lavoriamo tutta la settimana cercando anche di raccogliere quei pochi soldi per andare in trasferta”. Indubbiamente la riflessione è aperta a qualsiasi tipo di interpretazione psico-sociologica: chi sono gli ultrà, qual è la loro estrazione sociale, dove lavorano, che interessi (a parte la squadra) hanno, il perché degli innumerevoli scontri con le forze dell’ordine. L’unica considerazione che ci limiteremo a sostenere è che si tratta di un branco (formidabili le inquadrature che illustrano ‘l’avanzamento’ degli scooteristi in direzione dello stadio (non vorremmo esagerare, ma le immagini ricordano gli elicotteri di Apocalypse Now, qualche riferimento), compatto e tenace.
Un buon lavoro, quello di Zambelli, che in forma obiettiva ci apre gli occhi su un mondo ancora da scoprire e capire.



Filmografia del regista: Andrea Zambelli (1975) gira il suo primo documentario nel 1998, Spazio e Giovani sul Territorio. Egli ha sempre rivelato un grande interesse per le tematiche di tipo sociale, infatti ha sempre lavorato all’interno di spazi autogestiti. Nel 1999 entra a far parte del gruppo “White Industry”, proveniente dalla video-art, con cui gira alcuni corti; tra glialtri Autolinee (menzione speciale al Festival di Imola e OGR). Partecipa, come assistente alle riprese e responsabile delle riprese digitali, al lungometraggio Lo Scippo di M. De Pascale, presentato al Festival di Torino nel 2001. Nel 2001 gira il documentario Farebbero Tutti Silenzio. Nel 2002 incomincia a lavorare con la Indymedia Italy con la quale si reca in Palestina per la creazione di un documentario sull’occupazione israeliana.


Fonte: il sito ufficiale del Festival di Bellaria


martina palaskov begov


 


 

Commenti

Un commento a “Farebbero tutti silenzio”

  1. Visto a Bellaria film festival ne vorrei acquistare una copia. É possibile?

    Di rosa la fornara | 11 Giugno 2014, 12:33

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Casomai un’immagine

pck_25_cervi_big th-60 08 09 24 18_pm 22_pm kubrick-37 kubrick-57 ruz-07 ruz-12 petkovsek_15 007 bon_04 bon_sculture_16 piccini_04 religioni1 18 s13 mis-pre2 mis4big-3 murphy-16 galleria10 Katharina Fritsch Padiglione Italia Dog Eat Dog Face 2 Feticci, 2010 A. Guerzoni Quarto movimento, 1951 Carol Rama the-afghan-whigs-1