// stai leggendo...

Omnia

Trieste distretto culturale?

Cristina BenussiGiacomo BorrusoMaria Campitelli
Maurizio CartaLuigi NacciAnnamaria Percavassi
Gianni Stavro di SantarosaVittorio Alberto TorbianelliMichele Zanetti

La scoperta del settore culturale come un potenziale settore trainante dello sviluppo economico locale può essere attribuita al “Greater London Council” che, negli anni Settanta, elaborò la prima vera e propria strategia per lo sviluppo di questo settore realizzando un insieme di interventi infrastrutturali – dalla realizzazione del South Bank Centre alla nuova sede della Tate Gallery – sviluppatisi durante tutti questi decenni. Il settore culturale viene così inteso in una accezione ampia, che comprende: i beni culturali, lo spettacolo dal vivo, la produzione d’arte contemporanea, la fotografia, il cinema, l’industria multimediale, la moda, il design, gli spazi pubblici urbani (parchi, piazze, etc.), lo sport.
Una forte integrazione tra le attività del settore culturale e quelle dei settori connessi (turismo, in primo luogo, ma non solo) costituisce il cardine della strategia. Una sua specificità, che caratterizza tutte le sue concrete applicazioni, risiede nel fatto che l’integrazione viene perseguita attraverso una “specializzazione territoriale”, ovvero: parti della città diventano luogo privilegiato per l’insediamento di musei, di spazi espositivi, di teatri, di studi di artisti di gallerie d’arte, di sale di concerto, etc. Le aree urbane che si specializzano nella più alta concentrazione di attività e luoghi per l’arte e lo spettacolo vengono definite “cultural district”.
La strategia del “Greater London Council” ha fatto scuola. Sia in Gran Bretagna sia in altre città dell’Europa e del Nord America sono state elaborate e sperimentate specifiche strategie per la nascita di distretti culturali ai fini di sviluppo, ma sopratutto, con lo scopo di rivitalizzare le aree urbane in crisi o con un patrimonio edilizio sottoutilizzato. Ciò e avvenuto, per esempio, a Glasgow, Liverpool, Sheffield, Manchester, Toronto, Boston, Baltimora, Rotterdam, Bilbao.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

mar-21 viv-31 th-54 th-66 25 30 11_pm kubrick-15 petkovsek_10 mccarroll12 t 01 20 26 cip-05 holy_wood_01 p9 Otrok37 mis-pre1 pm-13 pm-30 pm-37 murphy-04 murphy-17 05 galleria-03 31 wendygall-10 Il Museo della Mafia / Padiglione Italia refused-41