// stai leggendo...

Musica

Neronoia, Un mondo in me

C’è uno strano rumore
nella mia testa
che mi fa vivere
al contrario, rinchiuso
in un angolo
della stessa stanza
di quando ero
ancora bambino

Immagine articolo Fucine MuteNon è vero che da bambini si è più felici. Ci sono bambini che restano segnati. Ci sono infanzie che non finiscono mai, stanze dalle quali non si esce, ricordi che persistono, nodi che non si sciolgono. In qualcuno c’è un mondo a sé stante, dal quale un po’ non riesce a scappare e un po’ non vuole, perché l’altro mondo, quello delle persone normali (?), non è un cazzo bello e fa male (Suonano alla porta, se rispondo mi frantumo, quindi resto qui). Qualcuno, per qualche motivo, riceve questo non-dono, e non cambierà mai. Poi escono dei dischi come Un mondo in me e uno pensa che sia davvero immorale possedere qualcosa di così bello, proveniente però da tanto orrore quotidiano. Per fortuna, morale e arte sono distinte.

Com’era prevedibile, oltre che auspicabile, i Canaan hanno cercato di fare un disco con Gianni Pedretti dei Colloquio, che aveva preso parte con la sua voce, e una volta anche con un suo testo, agli ultimi due album del gruppo di Mauro Berchi. I Canaan possiedono una personalità spiccata, come si vede immediatamente dai cinque dischi da loro pubblicati e dalla loro ricchezza di linguaggi (dark/wave, ambient) che non diviene confusione ma diverso modo di esprimere pochi invariabili stati d’animo. I Colloquio sono una band wave (un po’ ricorda gli altri italiani Le Masque e un po’ i Depeche Mode) che rimane impressa per i testi in italiano e per la loro “autorialità”.

Un mondo in me non sono i Canaan con Gianni che canta, bensì i Canaan e i Colloquio che provano a fare qualcosa insieme. Il suono liquido della chitarra e quello delle tastiere lasciano sempre intuire le influenze dark, quindi permettono collegamenti ad almeno uno dei due progetti originari, ma la sezione ritmica è stravolta, decostruita in studio e resa spezzata e soffocante, tanto da divenire uno dei tratti nuovi, caratterizzanti e memorabili del disco: una diversa e sfiancante pesantezza, che contribuisce molto a colorare tutto di grigio. Le stesse canzoni possono essere percepite come tali solo in senso lato, soprattutto grazie alla presenza carismatica di Gianni, perché la loro forma — anch’essa decostruita — non è mai quella classica: si ha la sensazione di essere di fronte al cantautore, ma non è (solo) così.
Per chi segue i Canaan la cosa non è del tutto sorprendente, alla luce dei nuovi metodi compositivi adottati con The Unsaid Words. Succede dunque un evento rarissimo: si sa dove collocare il lavoro, si sa chi lo compra, chi ne parla, ma non si riesce a citare una somiglianza e nulla sembra già detto da altri. Ogni brano è la parte di un tutto inscindibile e tragico, di conseguenza sarebbe inutile citarne uno in particolare che sia rappresentativo dal punto di vista testuale o musicale, ma è certo che i due scelti per il download siano tra gli episodi forti di Un mondo in me. Solo un consiglio: dopo che li avete scaricati, non accontentatevi e procuratevi anche il disco.

Neronoia
Un Mondo In Me
2006
Eibon Records
Distribuzione: Audioglobe


Tracklist


01. I
02. II
03. III
04. IV
05. V
06. VI
07. VII
08. VIII
09. IX
10. X

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

Casomai un’immagine

pas-06 sir-39 mar-03 mar-40 viv-30 th-79 16 11_pm 24_pm kubrick-28 kubrick-64 deck73 petkovsek_20 bon_14 bis_III_02 cas-09 cip-07 lortv-02 Rainbow640 heater kay Otrok05 pm-35 murphy-38 13 tsu-gal-big-12 13 36 Jingler-stars Alice