// stai leggendo...

Omnia

God Bless America

Fai click per visionare il video

Dopo gli attacchi dell’11 Settembre la Casa Bianca scrisse con cura la liturgia del culto durante il quale il presidente dichiarò guerra al terrorismo dal pulpito della Cattedrale nazionale. Il presidente dichiarò alla nazione: “la nostra responsabilità nei confronti della storia è ormai chiara: rispondere a questi attacchi e liberare il mondo dal male”. Alla presenza di quasi tutti i membri del governo e del Congresso, insieme ai leader religiosi della nazione, questo evento diventò una liturgia nazionale trasmessa per televisione che affermava il carattere divino della nuova guerra della nazione contro il terrorismo e terminava con “l’inno di battaglia della Repubblica”.

God Bless America,
Land that I love.
Stand beside her, and guide her
Thru the night with a light from above.
From the mountains, to the prairies,
To the oceans, white with foam
God bless America, My home sweet home.

……………………………………………………………………………

Per visionare il video è sufficiente aver installata sul proprio sistema la Java Virtual Machine e disporre di una connessione xDSL da 300 Kbps almeno (anche se il video è comunque fruibile per chi possiede connessioni inferiori). Un apposito controllo stabilirà automaticamente la vostra velocità di accesso alla rete, ed erogherà un flusso capace di ottimizzare la qualità di riproduzione del video.

……………………………………………………………………………

La tecnologia di encoding e controllo del presente video ne rende possibile una fruizione presso tutte le principali piattaforme: Windows, Macintosh, Linux, Unix, Solaris (SPARC, x86 e x64). Browser supportati: Internet Explorer, Netscape, Mozilla, Opera, Safari, Konqueror, Galeon, Nautilus, Amaya ed altri ancora.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Casomai un’immagine

th-48 03 003 bon_07 bon_15 bis_II_01 piccini_08 22 busdon-18 pudore rgb vascello1 cip-03 cip-14 cor08 heater sac_11 fotosintesi pm-02 pm-16 pm-26 pm-29 murphy-05 murphy-25 murphy-37 03 26 sla-gal-7 esplosa-06 wendygall-09 Bolle di vetro, 1939 Carol Rama