// stai leggendo...

Scrittura

Nick Hornby, Tutto per una ragazza

Copertina del libro Tutto per una ragazza di Nick Hornby
Titolo: Tutto per una ragazza
Autore: Nick Hornby
Traduzione: Silvia Piraccini
Titolo originale: Slam
Anno di pubblicazione: 2007
Prima ed. italiana: 2008
Editore: Ugo Guanda Editore, Parma
Collana: Narratori della fenice
Pagine: 272
Prezzo: 15,00 Euro
ISBN: 9788860888754

“Dunque, tutto procedeva piuttosto bene. Anzi, direi che da sei mesi succedevano praticamente solo cose belle.
Per esempio: la mamma si era tolta dai piedi Steve, il suo strazio di fidanzato.
Per esempio: dopo una lezione, la Gillet, la prof. di arte e design, mi aveva preso da parte per chiedermi se pensavo di studiare arte all’università.
Per esempio: improvvisamente, dopo aver fatto per settimane la figura del cretino in pubblico, avevo imparato due nuovi trick di skate. […]
Tutto questo, e in più avevo conosciuto Alicia”.
Nick Hornby, Tutto per una ragazza

Se credete che l’unica maniera per violare il mondo dell’adolescenza al punto da trarne un romanzo a metà tra la narrativa e la sociologia dei costumi contemporanei sia armarsi di santa pazienza e leggere un libro di Federico Moccia, vi ricrederete leggendo l’ultima fatica letteraria di Nick Hornby. Tutto per una ragazza, settimo romanzo dell’autore inglese che esordì nel 1992 con Febbre a 90°, è magnifico.

Come ogni autore che si rispetti, anche Hornby o si ama o si odia, con notevoli prove a carico per entrambe le posizioni; chi scrive, come avrete capito, lo considera il più grande romanziere contemporaneo inglese assieme a Johnathan Coe e, finché l’incanto dura, si precipita in libreria ad ogni nuova uscita per scoprire, a scatola chiusa, quale storia qualunque e quali personaggi ordinari egli ha deciso di rendere, sulla carta, immortali.

Ciò che rende la sua scrittura affascinante e tira in ballo l’abusato concetto di ‘letteratura’, è la capacità di Hornby di dar vita a personaggi di volta in volta differenti e di renderli, sempre, così credibili da far sembrare le storie che racconta tratte dalla cronaca, fino ad assurgerle a percorsi di vita simbolici, validi al di fuori dei confini della Gran Bretagna, diventando, credo a sua insaputa, un grande scrittore europeo.

Nick HornbyEra stato già stupefacente a raccontarci le avventure di Katie Carr in Come diventare buoni, scrivendo in prima persona come donna e aveva affrontato, in qualche modo, il mondo della preadolescenza con Un ragazzo. Ma in quest’ultimo Tutto per una ragazza , il protagonista è un normalissimo sedicenne alle prese con il primo amore e con dei genitori troppo giovani, cioè quanto di più lontano ci si potrebbe aspettare da un autore che, l’anno scorso, ha doppiato la boa dei cinquant’anni.

Sam, il protagonista, come tanti ragazzi della sua età va a scuola e pensa all’università, vorrebbe diventare un campione di skate come il suo idolo Tony Hawk, “il J.K. Rowling degli skater”, con il poster del quale comunica regolarmente, chiedendo consigli sui rapporti con il mondo degli adulti e sulle ragazze. Ci racconta in prima persona della sua vita, mentre parla a se stesso, in un modernissimo stream of consciousness, probabilmente per cercare di far luce su uno dei periodi più complessi e pericolosi dell’esistenza, che nasconde tranelli a volte futili, a volte capaci di rendere i successivi vent’anni un inferno.

Il suo ‘cruccio’ maggiore, quando s’imbatte in una ragazza carina della quale decide di innamorarsi (più per ‘vedere come va’ che per effettivo amore), è quello di non ripetere l’errore madornale dei suoi genitori, che lo misero al mondo a 17 anni e che, oggi, arrancano a fatica nel doppio ruolo di genitori separati e fratelli maggiori, in un’esistenza molto distante da quelli che erano stati i loro sogni di gloria di ragazzini.

Da qui, l’intreccio si complica nella maniera che si può facilmente immaginare anche solo dopo le prime pagine, trascinando Sam e gli altri in un vortice di eventi che li farà uscire, bruscamente, dalla propria adolescenza, anagrafica e mentale, con la durezza, ma anche con la dolcezza, che la vita riserva a chiunque abbia voglia e coraggio di mettersi in gioco.
Il Sam ragazzo, così come il giovane uomo che conclude il romanzo, è un personaggio indimenticabile, di quelli che rimangono appiccicati addosso al lettore al punto da voler sapere che cosa gli succederà dopo la fine del libro, all’università, nella vita di coppia, da grande.

Un testo contemporaneo e vibrante, tanto da far pensare ad un romanzo di formazione capace di metterci in contatto con i propri figli, per chi ne ha, o con il proprio io ragazzino, in un modo diretto e scarno, come pretende, oggi, la comunicazione tra esseri umani.
Per i temi affrontati ma, soprattutto, per la maniera senza fronzoli né colori pastello in cui avviene lo scambio tra libro e lettore, saggio sarebbe inserire Tutto per una ragazza nella libreria di ogni giovane uomo, come un’educazione sentimentale adattata ai tempi moderni, in cui si è veramente liberi ma non si è, quasi mai, preparati ad esserlo, in modo laico e obiettivo.

L’unica nota stonata è, come spesso accade in Italia quando la cultura dominante non è preparata — appunto — a dare un nome ai cambiamenti troppo veloci della società (lo vediamo ogni giorno nelle opere cinematografiche), il titolo ‘applicato’ al romanzo devia e svia totalmente il lettore dall’universo narrativo in cui si accinge ad entrare, per ammiccare, temo, proprio alle devastanti produzioni per adolescenti in voga oggi. Quello che Sam fa, infatti, è tutto, fuorché per una ragazza, elemento importante nell’intreccio ma marginale nella storia, che lo ‘sbatacchia’ sui duri ostacoli imposti dalla vita stessa. Il titolo originale è, infatti, ‘Slam’- “sbattacchiare” o, anche, “il chiudersi violentemente di qualcosa” — vocabolo onomatopeico usato per definire le cadute dallo skate, quando stai volando a due metri da terra, ti distrai e cadi pesantemente sul cemento, della strada e della vita.

 

Nick Hornby (Redhilll, 17 aprile 1957) è uno scrittore inglese che vive a Highbury, quartiere a nord di Londra. Dopo aver frequentato la Maidenhead Grammar School, Hornby ha studiato inglese presso il Jesus College di Cambridge. Inizialmente ha lavorato come insegnante, per poi lasciare questo impiego e divenire giornalista freelance e romanziere.
La fama di Hornby ha avuto inizio con il libro autobiografico Febbre a 90° (Fever Pitch) (1992), che narra la storia della sua vita come tifoso dell’Arsenal; a questo sono seguiti i romanzi di grande successo Alta fedeltà (High Fidelity) del 1995, Un ragazzo (About a Boy) del 1998, Come diventare buoni (How to be Good) del 2001 e Non buttiamoci giù (A Long way down) del 2005.
Hornby ha scritto anche dei saggi, in particolare sulla musica pop. Nel 2003 ha pubblicato 31 Canzoni (31 Songs), raccolta di saggi su 31 canzoni e album da lui scelti, da mostri sacri come Bruce Springsteen e Bob Dylan ad artisti del circuito indipendente come Ani DiFranco, da artisti pop da classifica come Nelly Furtado, a canzoni note soltanto a Hornby stesso. Scrive una rubrica di recensioni di libri per la rivista statunitense “The Believer”, in Italia queste rubriche sono pubblicate dal settimanale “Internazionale”. Una raccolta di questi articoli è stata poi pubblicata in Una vita da lettore, edito da Guanda nel 2006.

 

Bibliografia:

 

(1992) Febbre a 90°
(1995) Alta Fedeltà
(1998) Un ragazzo
(2002) Come diventare buoni
(2003) 31 Canzoni
(2005) Non buttiamoci giù
(2008) Tutto per una ragazza

 

Altre opere:

 

(2000) Le Parole per Dirlo (antologia a cura di Nick Hornby)
(2004) Rock, pop jazz & altro
(2006) Il mio anno preferito (antologia a cura di Nick Hornby)
(2006) Una vita da lettore (raccolta di articoli apparsi su “The Believer”)

 

Commenti

Un commento a “Nick Hornby, Tutto per una ragazza”

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

mar-21 viv-31 th-54 th-66 25 30 11_pm kubrick-15 petkovsek_10 mccarroll12 t 01 20 26 cip-05 holy_wood_01 p9 Otrok37 mis-pre1 pm-13 pm-30 pm-37 murphy-04 murphy-17 05 galleria-03 31 wendygall-10 Il Museo della Mafia / Padiglione Italia refused-41