// stai leggendo...

Scrittura

Daniele Bonfanti

XII. Editori per passione

Daniele Bonfanti, presidente dell'associazione e casa editrice XIIXII, nata di recente come Associazione Letteraria, è divenuta in breve tempo una delle case editrici indipendenti italiane più note della Rete. Merito forse del forum, punto d’incontro e di vivace collaborazione per autori e lettori; dei titoli in catalogo, molto vari ma contraddistinti da una notevole qualità; di un sapiente marketing virale… Fatto sta che XII sta emergendo nel mercato editoriale e fa sempre più parlare di sé.
Daniele Bonfanti, fondatore e Presidente di XII, nonché autore di testi narrativi, ci ha raccontato questa nuova realtà in rapida ascesa, rivelando i “segreti” del suo successo.

Valentino Sergi (VS): XII, come associazione letteraria e casa editrice che utilizza internet come principale mezzo di diffusione, è cresciuta notevolmente in brevissimo tempo. Da dove nasce il progetto? A cosa pensi sia dovuto il suo successo?

Daniele Bonfanti: XII nasce nel 2007, da un gruppo di scrittori conosciutisi in Rete, tutti reduci da esperienze editoriali molto diverse tra loro. Si decide prima, più che altro per divertimento, di mettere insieme un’antologia di racconti e di autoprodurla. Da questa esperienza esce un sottogruppo di elementi che si dicono: “Perché non andare avanti a lavorare insieme?”. Lo fanno, e creano un’Associazione Culturale che è una sorta di circolo letterario. Visto che questi individui vivono in regioni diverse d’Italia, nasce prima un forum Web di discussione per tramare nuovi progetti, poi, a un certo punto, in maniera abbastanza naturale, si decide di costituire una casa editrice indipendente. In effetti abbiamo ottenuto risultati insperati, e ne siamo felici, ma c’è ancora tanto da fare (e abbiamo intenzione di fare mooolto altro!).

Credo che il nostro successo sia dovuto non a un singolo fattore, ma a un insieme armonico. In primo luogo, ci sono senz’altro la trasparenza, l’onestà e il rispetto con cui abbiamo gestito e gestiamo i rapporti con i nostri autori. Quando gli autori sono soddisfatti del lavoro del proprio editore, si crea una sinergia che non può che portare a risultati positivi. È importante anche il fatto che abbiamo puntato su internet: siamo una piccola casa editrice senza grandi budget a disposizione, solo in rete — dove gli investimenti necessari sono minori e si gioca un po’ più a armi pari coi “grossi” — quindi potevamo ritagliarci un nostro spazio in maniera proficua. Altro importante fattore è il lavoro di squadra: XII, come ti spiegavo, nasce in primo luogo come gruppo. Un gruppo di persone che si è fatto via via più numeroso, e quindi in questo caso davvero l’unione ha fatto la forza. Ognuno ha aiutato in base alle proprie competenze e possibilità.

Chiaramente, poi, fondamentaleè la qualità. Mettiamo in ogni nostra pubblicazione la massima cura e professionalità, oltre a selezionarle in modo quanto più severo possibile. Abbiamo rifiutato molte opere buone, perché puntiamo a un livello qualitativo davvero elevato. Ritengo che questa sia l’unica strada che consenta a un piccolo editore di stare a galla: poche pubblicazioni, ma di grande qualità. Puntiamo a fare in modo che il logo di XII sul dorso di un libro sia una garanziaagli occhi del lettore.

C’è anche da considerare il nostro approccio collaborativo con realtà analoghe (portali letterari, riviste, e anche altre case editrici): crediamo che qui ci siano fin troppe rivalità e orticelli chiusi in Italia. Questo porta solo danno. Bisogna condividere lettori e utenti tra colleghi, non cercare di creare fortezze.

Infine (ma sicuramente ci sono molti altri aspetti che andrebbero elencati), c’è il lavoro continuo sulla community, in primis il forum. Qui si lanciano di continuo iniziative nuove, che cerchiamo sempre di rendere di forte personalità, e incentrate sul divertimento. Siamo sempre presenti sul forum, noi e i nostri autori, e ci sono dei rapporti e uno scambio diretto con i lettori e con gli utenti.
Siamo convinti che lo scopo comune di lettori, editore e autore dovrebbe essere un buon libro. Discutendone insieme, possiamo sempre migliorarci, rompendo le classiche barriere stantie tra queste tre figure.

Copertina del libro Linate scritto da Giulio Cavalli e pubblicato della  casa editrice XIIVS: Il vostro catalogo, oltre a presentare diversi titoli di autori underground di genere, offre testi attuali di richiamo e di grande interesse come Linate di Giulio Cavalli e Fabrizio Tummolillo, e Processo agli Scorpioni di Jasmina Tesanovic. Come siete entrati in contatto con questi autori? Perché, a tuo avviso, si sono affidati a voi?

DB: Il caso di Linate è un episodio di sincronicità che vale la pena di raccontare. Giulio Cavalli è amico d’infanzia di Francesco Lanza, uno dei fondatori di XII. Francesco non aveva ancora parlato a Giulio del progetto, allora appena agli inizi. Giulio aveva in quel periodo proposto la pubblicazione di un libro tratto dal suo spettacolo a un paio di grossi editori. Entrambi gli avevano dato l’ok, ma con riserva di alcune modifiche e alcuni tagli, visto che il libro fa nomi e cognomi dei responsabili della strage e quindi era “scomodo”. Giulio — chi lo conosce non avrà dubbi — non era affatto disposto a scendere a questi compromessi. Un giorno, navigando in cerca di altri editori a cui proporre il progetto, si imbatte nel neonato sito di XII. Gli piace subito l’approccio diretto e indipendente, e viene anche colpito dal motto “le storie che attendevano di essere raccontate”; che non è soloun motto, questo lo capisce subito, ma è proprio l’intenzione della casa editrice. La sua è certamenteuna storia di cui troppo pocoè stato raccontato. Chiama allora al telefono Francesco, che stava appunto per venire da lui a raccontargli del nuovo progetto letterario nel quale è coinvolto… Da qui in poi puoi immaginare com’è andata.

Anche il caso di Jasmina è particolare. Durante l’estate 2007 parlò a Luigi Milani, che già conosceva e che ora lavora all’Ufficio Stampa di XII, del suo libro Processo agli Scorpioni e sostanzialmente gli chiese di piazzare il libro presso qualche editore italiano. Luigi lo propose a alcuni importanti editori. Poi, iniziò a lavorare con noi e parlò di XII a Jasmina, che ne sposò immediatamente i principi e accettò di pubblicare con noi. Le piaceva il fatto che siamo moderni, “internettiani” (lei è una delle più famose blogger della Rete), fuori dagli schemi. La cosa buffa è che il giorno seguente al suo ok, Luigi ricevette in rapida successione alcune telefonate da due degli editori interpellati (è vero!), che si dicevano interessati entrambi al libro. Grande fu il nostro gaudio nel sapere che Jasmina preferiva portare avanti il tutto con noi, nonostante le nostre dimensioni più modeste.

VS: Di recente avete dato vita alle “Edizioni Digitali Condivise”, puoi spiegarci meglio in cosa consistono?

DB: Come dice la tagline, si tratta delle edizioni moltoeconomiche di Edizioni XII, un gioco di parole per indicare la pubblicazione gratuita di un titolo, in formato elettronico, a distanza di diversi mesi dalla prima uscita in formato tradizionale. Visto che ci piace fare le cose per bene, forniamo anche i file con le copertine in alta definizione, così chi vuole può stamparsi il libro completo in tutto e per tutto. So che stai dubitando della nostra sanità mentale. È tutto vero, guarda all’indirizzo www.xii-online.com/edc. Perché lo facciamo?
La filosofia di XII si basa molto sull’idea di condivisione, e la Condivisione Digitale — regolata da licenze Creative Commons — è uno dei modi per raggiungere i lettori secondo tale filosofia.

Certo, se ormai sono molti gli autori che percorrono la via del copyleft (facile citare i soliti noti: Wu Ming, Genna in Italia, Cory Doctorow all’estero, ecc.) non sono altrettanti gli editori; ma abbiamo molta fiducia nel nostro catalogo, che mettiamo a disposizione con anticipazioni corpose (gli XII Trailer) e ora con interi libri. Credo che chi scarica un nostro titolo in EDC, in primo luogo sia comunque un lettore guadagnato, e la cosa più importante per noi è avere tantilettori, perché pensiamo — al di là delle vendite — che le nostre pubblicazioni siano valide e meritino di essere lette da un pubblico quanto più vasto.

Daniele Bonfanti presidente della casa editrice XII

Poi, non è affatto detto che EDC non faccia bene anche alle vendite: infatti, chi scarica poi potrebbe benissimo trovare il libro meritevole e quindi acquistarlo — il formato cartaceo è comunque più bello da avere. Oppure potrebbe volerlo comprare per regalarlo a un amico. E, in ogni caso, è un potenziale acquirente di altre pubblicazioni dell’autore e di XII.
E in biblioteca i libri sono gratis. Pensi che se ci fossero meno biblioteche, verrebbero venduti menolibri? Io penso di no. Penso che il guaio dell’Italia — e non è un luogo comune, è un dato di fatto, basta leggere le statistiche ISTAT o i dati dell’AIE — sia che la gente non legge. Quindi, credo sia necessario fare in modo che la gente legga di più. Abbattendo la barriera economica, questo potrebbe accadere: e se la gente “ci prende gusto”, poi i libri li compra anche.

VS: Quali titoli troveranno pubblicazione in EDC?

DB: Diversi dei nostri titoli di punta sono già in preparazione, e ti posso anticipare che usciranno anche titoli speciali direttamente in doppio formato: EDC e tradizionale.
Naturalmente tutti con il consenso dell’autore: quella dell’EDC è un’opzione, mai un’imposizione editoriale, non sarebbe nel nostro spirito. Finora l’entusiasmo è stato generale!

I gatti di Daniele Bonfanti presidente della casa editrice XII

VS: XII, oltre ai membri dell’associazione, vanta una fitta schiera di collaboratori; alcuni sono nomi anche noti dell’humus letterario underground italiano. Puoi spiegarci un po’ le loro funzioni all’interno di XII?

DB: In XII — inteso come laboratorio e circolo letterario — girano un sacco di autori. Gli scrittori, spesso magari uno non ci pensa, sono anche persone che hanno competenze e formazioni molto diverse e specifiche, soprattutto in Italia, dove è raro che uno faccia “solo” lo scrittore, considerando che di soldi non ne girano troppi. C’è chi ha una formazione mirata alla comunicazione, chi s’intende di informatica, chi di giornalismo, di grafici e di illustrazioni, eccetera. Si vanno insomma a coprire le varie figure necessarie per far funzionare una casa editrice: dall’Ufficio Stampa, al reparto Promozione, a quello di Tesoreria, alla Direzione Editoriale e così via.

Per fare le cose bene servono molte energie e molte persone competenti. Per fortuna, come ti dicevo, siamo tanti. Il Consiglio è composto da 8 persone, ci sono poi quindici soci che collaborano in maniera continuativa, e molti collaboratori saltuari.
In alcuni casi, ovviamente, è stato necessario formarsi. Io, per esempio, faccio l’editor, ma in XII ho dovuto anche, visto il mio ruolo amministrativo, apprendere cose burocratiche “che voi umani non potete nemmeno immaginare”.

Ecco quindi che ognuno dei soci e dei collaboratori, chi a tempo pieno, chi quasi, chi nei ritagli, dà il suo contributo nel campo che gli è più congeniale. Questo perché appunto non siamo “solo” una casa editrice, ma in primo luogo un gruppo — aperto — di persone che si stimano e che amano lavorare insieme.

VS: La domanda è di rito, ma nel vostro caso non si può non celare un sincero interesse nel porvela: quali progetti e pubblicazioni XII ha in cantiere per l’immediato futuro?

DB: Un bel po’ di cose, davvero. Cerco di essere stringato altrimenti ti occupo tutto il webmagazine!
A livello di novità editoriali, imminente è la raccolta L’Altalena, una produzione de La Tela Nera a cura di Alessio Valsecchi, che raccoglie i racconti migliori dei recenti concorsi organizzati dal notissimo portale dedicato alla letteratura di genere.

In autunno arriva Archetipi, una raccolta su cui puntiamo moltissimo. Sono dodici racconti ispirati a specifici archetipi dell’immaginario, in chiave horror, SF o fantastico, ma sempre con venature cupe. Nella raccolta ci sono racconti di: Danilo Arona, Luigi Acerbi, Elvezio Sciallis, Giuseppe Pastore, Biancamaria Massaro, strumm, Ian Delacroix, Daniele Bonfanti, e dei quattro vincitori del mega-concorso che si è svolto nei mesi scorsi allo scopo di assegnare questi quattro posti: si tratta di David Riva, Samuel Marolla, Alberto Priora e J. Romano. Il libro è splendidamente illustrato — una tavola per ogni racconto — dal duo Diramazioni, e vanterà una prefazione di Gianfranco Nerozzi.

Nostro scopo è farlo diventare realmente un oggetto “di culto”, e stiamo costruendo in questo senso diverse iniziative parallele, degli spin-off. Per esempio il sito www.archetipi.xii-online.com, che ospiterà man mano contenuti speciali relativi alla raccolta.
Poi abbiamo in cantiere un libro di Danilo Arona, di cui non ti dico ancora nulla. E vari altri progetti editoriali ancora in fase di valutazione, ma molti dei quali sicuramente porteranno a una pubblicazione. C’è molta qualità.

Inoltre, è in atto la valutazione del Premio iNarratori 2008, un premio dedicato alle due categorie Fantastico e Fantascienza: i due vincitori saranno pubblicati. E ti posso garantire che non sarà facile scegliere, i lavori pervenuti sono ben 111, e quelli di qualità sono diversi.

Copertina di Corti, edito da XIIPoi ci saranno altri concorsi. La Seconda Stagione dei Corti, iniziativa per racconti brevissimi che l’anno scorso ha riscosso un grande successo e portato alla pubblicazione del volume Corti (appunto). E presto parte il bando di Rondò Veneziano, un nuovo grande concorso che seguirà le dinamiche di Archetipi, e servirà a assegnare quattro posti per una raccolta programmata per Carnevale 2009.

Tra gli otto autori già scelti per questa raccolta avremo Michael Laimo, Riccardo Coltri, Marica Petrolati, Simonetta Santamaria e i quattro vincitori di Archetipi (Riva, Marolla, Priora e Romano). Su questo punto due parole: i quattro vincitori del concorso precedente hanno stavolta il posto preassegnato, perché? Perché la nostra intenzione è quella di creare un legame continuativo con gli autori. I concorsi ci servono, più che per selezionare le opere, per selezionare gli autori. Vogliamo creare una squadra affiatata, insomma, che lavori e cresca insieme.
E poi non solo libri: ma anche progetti media disparati, dai booktrailer alle media-novel. E c’è anche molto altro nel pentolone, ma rigorosamente top secret!

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Breve excursus estetico sulla forma concerto

Macumba

I vent’anni della Principessa Mononoke

Diana Wynne Jones, Hayao Miyazaki e Il...

L’opera lirica spiegata ai ragazzi

Un’interruzione (atto di)

Romanzo giallo o romanzo picaresco?

Non c’è più scampo e Carte in...

Delitto in cielo e La serie infernale

Jackson Pollock e la musica

L’altro volto della speranza

Il linguaggio di Boris Vian

Vita da commessa

Jackie

Frank Cho: Un sacerdote in meno, un fumettista in...

Tuono Pettinato: Fumetti stondati con contenuti storti

Agatha Christie e i film gialli tratti...

Romina Moranelli: Pin up italiane

Paesaggio e Sublime

Andrea Sorrentino: Dai giochi di ruolo ai supereroi

Fabiano Ambu: Un’iniziativa meritevole: IT Comics e i suoi...

Il cliente

Eugène Scribe: ascesa e caduta di un...

Nicola Genzianella: Un artista tra Bonelli e fumetto francese

Ugo Bertotti: Dalle riviste d’Autore ai graphic novel

Casomai un’immagine

sir-11 th-38 18 02_pm kubrick-25 bon_sculture_01 bon_sculture_02 malleus_01 piccini_08 d 22 bav-04 busdon-09 ferita3 s8 murphy-31 galleria07 galleria23 04 13 20 esplosa-03 tsu-gal-big-16 wendygall-08 24 28 31 Dog Eat Dog Metropolis n-3 cornell-57