// stai leggendo...

Fumetto

Alessandro Boni

Melting Pulp

Alessandro BoniLa fiera del fumetto Lucca Comics & Games di quest’anno ha contato circa 130.000 presenze e qualcosa come 150 novità editoriali, confermandosi come il principale evento del settore. Quattro giorni di appuntamenti, eventi, e incontri con grandi nomi nazionali e internazionali. Da Leo Ortolani a John Romita Jr., da Jean Van Hamme a Paco Roca. Assente illustre: il celebre regista Dario Argento, attesissimo dai suoi fan e da un autore che al maestro ha dedicato la sua ultima fatica. Mi riferisco ad Alessandro Boni, che con il suo Melting Pulp vol. 1 — Director’s Cut, edito da FreeBooks, ha riscosso un enorme successo di critica e di pubblico. C’è chi ha definito l’opera un “Grindhouse movie su carta”, esplicitando la serie di omaggi disseminati nelle tavole psichedeliche e sperimentali del volume. Ho incontrato l’autore presso lo stand FreeBooks, mentre disegnava attorniato da una folla di fan in attesa di uno schizzo della bellissima e letale Desirée.

Valentino Sergi (VS): Melting Pulp, oltre a darci prova del tuo talento come disegnatore, offre al lettore una storia gustosa e zeppa di citazioni. Dai B-movies al cinema hard, da Tarantino ai classici dell’horror italiano. Potresti raccontarci com’è nato questo progetto? Quali sono gli autori che ti hanno influenzato?

Alessandro Boni (AB): Melting Pulp è una dichiarazione d’amore al cinema di genere anni ’70 e ’80 che ha “traviato” la mia adolescenza, ma non solo. Di recente, Stefano Cavalli dell’Associazione Nazionale Cineclub Italiana ha scritto: “Melting Pulp non è un semplice giochetto citazionista. Come Tarantino sviò questo pericolo in Kill Bill attraverso la sua surreale ironia situazionista, tu hai realizzato un lavoro disturbante, ed è qui l’originalità del tuo prodotto”.
Questo era il mio obiettivo principale. Da amante del genere non riuscivo a trovare sul mercato italiano fumetti Horror che andassero oltre all’ammiccare al pubblico con semplici citazioni, così me lo sono scritto da solo.
Per fare ciò, quindi, non dovevo limitarmi a visionare i vari film per poi riprenderne frammenti e mescolarli insieme, ma capire come registi del calibro di Dario Argento, George Romero, Lucio Fulci, ma anche Alfred Hitchcock e Sergio Leone — per citarne solo alcuni — ragionavano. Smontare le tematiche, le tecniche di montaggio, la fotografia, le luci per poi passarle al tritacarne e ricomporle su una trama “ex novo”. Così ho fatto. È stata proprio questa rielaborazione la fase più difficile della realizzazione di Melting Pulp.

(VS): Melting Pulp non è il tuo esordio nel panorama fumettistico, anche se di certo è il lavoro più importante che tu abbia realizzato finora. Cosa puoi dirci della tua esperienza come autore?

(AB): La mia esperienza da autore di fumetti è alquanto anomala. Quando ho una storia da scrivere, e che sento di condividere con qualcuno, non faccio altro che mettermi al lavoro indipendentemente dalle tendenze del mercato, dal scegliere un genere o un target preciso o il cercare consensi. Ovviamente sono consapevole del fatto di non avere pubblicazione e vita facile in questo settore, ma per ora ho avuto parecchie soddisfazioni.

Copertina di Melting Pulp(VS): Quando non sei al tavolo da disegno svolgi l’attività di grafico, oltre che di padre. Più volte hai dovuto rubare ore al sonno per terminare una tavola o mandare in rete un comic-trailer. Oltre a finire l’opera, quindi, ti sei dedicato anche al suo lancio. Come mai, a tuo avviso, oggi l’autore deve concentrarsi sempre più sulla promozione? Qual è la tua considerazione del mercato italiano dei comics?

(AB): Al contrario di ciò che si potrebbe pensare, non vedo l’autopromozione come un dovere o una costrizione. Piuttosto come un piacere, anche se spesso questo compito diventa faticoso e oneroso. È un atto di rispetto e di amore per ciò che si è fatto. Perché se si vede nascere qualcosa, ci si crede e lo si cresce, è giusto poi accompagnarlo e seguirlo in tutto il suo percorso. In Italia purtroppo si tende ad associare il significato di fumetto ad un genere di prodotti limitato con target, formati e canoni ben precisi e soprattutto già collaudati. Uscendo da questi diventa molto più difficile ottenere l’interessamento da parte dei media o dal pubblico.

(VS): Le tue tavole presentano soluzioni stilistiche d’impatto, sei capace di coniugare il grottesco a fisionomie d’incredibile raffinatezza. Come ti orienti nelle scelte grafiche? Che tipo di strumenti utilizzi?

(AB): In generale per realizzare la parte grafica dei miei lavori realizzo uno story-board al quale fare riferimento nella fase di definizione delle tavole. Successivamente raccolgo una documentazione fotografica di riferimento. Da questa, schizzo i personaggi, gli ambienti, gli oggetti che mi occorrono per sviluppare una determinata scena utilizzando semplici matite a punta morbida, per poi definirli con pastelli e tutto ciò che mi capita sottomano, come pennarelli, Uniposca rubati ai figli, rossetti, fondi di caffè…

Tavola di Melting PulpPer una questione di tempo e pratica scansiono i disegni e li monto assieme nella tavola seguendo lo story-board per poi colorarli definitivamente in digitale con Photoshop, lavorando in selezione sulle saturazioni e le tonalità o dipingendo direttamente con il mouse come fosse un pennello. Per l’orientamento e lo stile invece non ho una regola precisa. Disegno in funzione delle emozioni che voglio comunicare o della storia da raccontare.
Per realizzare Melting Pulp ho utilizzato uno stile psichedelico e coloratissimo tipicamente pop. Ho invece scelto un disegno più sobrio e semplice, quasi ingenuo, per illustrare la storia Silenzio (su Fumettomania n° 18 bis) prendendo spunto da fotografie scattate sul fronte russo nel 1942 e dalla pittura naive. Questo perché ogni storia da raccontare ha una sua personalità e ritengo giusto porre il disegno a totale servizio della narrazione.

(VS): Com’è stata la tua esperienza lucchese?

(AB): Lucca? Travolgente! Vedere persone che sfogliando Melting Pulp ne coglievano i vari riferimenti cinematografici e ne parlavano come fosse un film è forse stata la soddisfazione più grande che potessi avere!

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Casomai un’immagine

pas-07 mar-05 mar-27 mar-35 pck_14_cervi_big th-40 24 28_pm kubrick-23 kubrick-57 kubrick-63 kubrick-81 ruz-12 dobrilovic_02 015 piccini_06 mccarroll04 mccarroll15 r acau-gal-12 01 bav-06 Rainbow640 mis4big-2 galleria16 galleria25 wendygall-11 19 22 Ammaestrati 2011