// stai leggendo...

Scrittura

Se stasera siamo qui

Copertina de Se stasera siamo qui
Titolo: Se stasera siamo qui
Autore: Catherine Dunne
Traduzione: Paola Mazzarelli
Titolo originale: At a Time Like This
Anno di pubblicazione: 2008
Editore: Guanda, Milano
Collana: Narratori della Fenice
Pagine: 317
Prezzo: 16,50 Euro
ISBN: 9788860888969

Ho rimesso le foto del matrimonio di Nora, con quelle del mio, al loro posto: in cima all’armadio, questa volta, dietro le cappelliere. È davvero strano rivedersi con gli occhi della persona completamente diversa che si è diventati nel corso degli anni. Quando vedo me stessa, ora, non sono più io quella che vedo, non so se mi spiego. La Maggie ragazza e la Maggie di quaranta e passa anni non sono neppure lontane parenti. La prima Maggie non esiste più.

O meglio, non è più esistita, fino ad ora. Da lunghissimo tempo. Ma adesso avverto la sua presenza. E comincio a ritrovarla con piacere., quanto più dura tutto questo. Una volta Claire mi ha raccontato di come avesse mutato pelle arrivando a Dublino, della metamorfosi da ingenua campagnola in sofisticata cittadina. È un’immagine che mi piace. Avanzi serpeggiando e ti lasci la vita dismessa alle spalle.E mi piace l’idea di liberarsi di un carapace, di rinascere come cosa nuova.

Respirare altra aria.
Indossare un’altra pelle.

Torna in libreria una delle scrittrici più famose del panorama internazionale. Si tratta della dublinese Catherine Dunne che, ancora una volta, si conquista un posto tra gli autori più letti della stagione. Protagoniste del suo ultimo libro, intitolato Se stasera siamo qui, quattro giovani donne che hanno costruito un’amicizia in grado, tra alti e bassi, di continuare per più di venticinque anni. Claire, Georgie, Maggie e Nora sono quattro ragazze che si incontrano ai tempi dell’università nella capitale irlandese, al Trinity College. Da allora hanno mantenuto vivo il loro rapporto per ritrovarsi, alla soglia dei cinquanta, ancora amiche e pronte a condividere nuove emozioni, ma anche a tirare fuori dall’armadio scheletri nascosti. Diversissime tra loro le quattro protagoniste rappresentano, ognuna a modo suo, un angolo di cielo, un pezzo di puzzle che prende forma e acquista senso solo se accostato a quello delle altre.

Claire, timida e riservata, proviene dalla campagna e solo una volta arrivata a Dublino riesce a far sbocciare la sua femminilità e la sua personalità. Inconsapevolmente dotata di una bellezza raffinata e assolutamente fuori dall’ordinario, riesce a entrare subito nelle grazie di un’esuberante coetanea, Georgie, che le apre la strada per un’amicizia a tre con Maggie. Da quel momento per lei nulla sarà più come prima: si spoglierà delle sue paure e dei suoi timori e si tufferà a capofitto nella relazione con Paul, fratello di Maggie, con cui vivrà un sentimento intenso e vero. Ma quando il loro rapporto finisce bruscamente per circostanze che entrambi non vogliono raccontare, Claire ne resterà segnata per tutto il resto della vita. Ad anni di distanza, prenderà coscienza che la sua “inutile bellezza” non le ha portato che troppi uomini sbagliati, nel cui amore ha cercato di annegare dolore e solitudine.

Le amiche di Vivianna de santi acrilico su tela

Georgie, imperiosa e sicura di sé, è la classica figura della ragazza capace di irritare per la sua sfacciataggine, che esterna a prescindere dalle situazioni. Abituata a vincere in qualunque occasione, non sa stare sola e, pur di ottenere ciò che desidera, è disposta a fare di tutto. Si è costruita con tenacia e caparbietà una carriera di successo e per farlo ha scelto di sposare un uomo che le consentisse le migliori opportunità per la sua personale scalata sociale. Neppure la nascita di due splendide gemelle ha potuto rallentare la sua ascesa al mondo della moda. Ma anche lei, come Claire, nonostante la vita le abbia dato praticamente tutto, si accorge ben presto di aver sacrificato l’unica cosa che fosse davvero importante: la passione.

Maggie, bella e appariscente, è la migliore amica di Georgie fin dall’infanzia. Insieme hanno vissuto le tappe più importanti dell’adolescenza e da grandi diventeranno persino socie in affari, rappresentando l’una per l’altra la spalla ideale. Dopo aver scoperto da giovanissima la sua profonda passione per la moda, Maggie l’ha coltivata con serietà e grande autodisciplina prima di sentirsi pronta a mettersi in società con la sua amica del cuore. Intelligente donna d’affari di successo, vive per vent’anni atroci sofferenze, sopportando il tormento dei tradimenti e degli inganni di un marito di cui sarà sempre però intimamente innamorata.

Nora, riservata, schiva e non particolarmente bella, è una donna comune e fin troppo ordinaria, se paragonata alle sue amiche. Da loro inizialmente soprannominata “il tafano”, si è inserita non senza difficoltà nel gruppo ma è poi riuscita a farsi apprezzare, eccetto che da Georgie che nei suoi confronti ha sempre avuto una sorta di allergia. Sempre impegnata a fare la cosa giusta, sarà la prima delle quattro a sposarsi, dedicandosi completamente al marito Frank e ai tre figli che nasceranno da questo matrimonio. Nonostante un’esistenza apparentemente impeccabile e la grigia “normalità” di cui la sua vita appare intrisa, sarà proprio lei a riservare alle amiche una grande sorpresa sul suo passato e a tirare fuori segreti pronti a sconvolgere la sua quotidianità…

Chaterine Dunne autrice di Se stasera siamo quiDavanti agli occhi del lettore queste piccole donne, pian piano diventate adulte, hanno vissuto, amato, sofferto e sono maturate, restando comunque sempre amiche. Forti di un patto stretto fra di loro, hanno periodicamente appuntamento in una delle rispettive case per dedicarsi reciprocamente una serata, in cui parlare del passato ma anche del futuro. Sarà proprio in uno di questi rendez-vous che verranno dipanati gli ultimi fili di una matassa che le ha tenute unite per tutti questi anni e che ne metterà a nudo anche gli ultimi segreti reciprocamente nascosti. Questo incontro, sul quale aleggia un’ingombrante assenza, segnerà per loro un nuovo inizio, sia per le rispettive esistenze, sia per la loro amicizia…

Un libro che si legge tutto d’un fiato, capace di catturare sia per la familiarità con cui è scritto che per l’autenticità con cui la storia prende forma, offrendo semplicemente il ritratto di quattro donne con pregi e difetti, le cui vite non mancano di contraddizioni. Quasi come in un diario, ciascun capitolo è affidato alla penna di una delle protagoniste che, a turno, dà voce alla propria anima registrando, come in una cartina di tornasole, gli effetti che le sue azioni e gli avvenimenti hanno sulla sua vita.

Donna tra donne, Catherine Dunne riesce sempre con grande garbo e finezza a parlare di vita vissuta. La scrittrice entra, ancora una volta, dentro le vite di personaggi femminili, sbirciati nella loro quotidianità fatta di sogni, speranze, delusioni, tradimenti, riavvicinamenti, ma anche di crescita personale.
Con estrema delicatezza riesce a metterne a nudo le personalità, a disegnarne con precisione quasi millimetrica i tratti caratterizzanti, rendendo l’esistenza di quattro donne comuni così straordianaria da dover essere raccontata.

Catherine Dunne è nata nel 1954 a Dublino, dove risiede. Ha studiato letteratura inglese e spagnola al Trinity College e ha lavorato come insegnante. Con il suo primo romanzo La metà di niente ha riscosso un grande successo, per la scrittura vivida e pungente e la realistica rappresentazione psicologica dei personaggi, in particolare della protagonista. Frutto della fiorente narrativa irlandese, ha però un suo stile ben definito, che avvolge il lettore nella storia e lo porta nel cuore dei personaggi.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

mar-21 viv-31 th-54 th-66 25 30 11_pm kubrick-15 petkovsek_10 mccarroll12 t 01 20 26 cip-05 holy_wood_01 p9 Otrok37 mis-pre1 pm-13 pm-30 pm-37 murphy-04 murphy-17 05 galleria-03 31 wendygall-10 Il Museo della Mafia / Padiglione Italia refused-41