// stai leggendo...

Palcoscenico

Capitan Ulisse

Capitano o mio capitano

Una scena dello spettacoloUlisse, l’uomo dal multiforme ingegno, è stato oggetto di spunto per poeti, scrittori, pittori e musicisti: le pieghe della sua anima sono state accuratamente osservate, i moti del suo spirito magistralmente descritti e, ancora oggi, il personaggio vive tra noi. L’immortalità e la contemporaneità del personaggio vengono sottolineate dalla Contrada attraverso l’allestimento di Capitano Ulisse di Alberto Savinio, uno spettacolo prodotto dalla Contrada stessa, dal Teatro Fondamenta Nuove di Venezia e dalla Biennale di Venezia. Il pubblico triestino ha avuto modo di avvicinarsi al personaggio da una prospettiva molto particolare: quella metafisica. Alberto Savinio, alias Andrea de Chirico, assieme al fratello Giorgio fu, infatti, promotore della scuola metafisica di Ferrara che diede il via alla allora innovativa corrente pittorica.

Ma cosa significa accostarsi alla figura di Ulisse attraverso uno sguardo metafisico? Il regista Giuseppe Emiliani spiega chiaramente agli spettatori il connubio, ricreando sul palco tutti gli elementi caratteristici del personaggio saviniano. Il primo impatto arriva attraverso le scenografie ideate da Andrea Stanisci che proiettano immediatamente lo spettatore verso una tela metafisica: il richiamo alla classicità, i molteplici punti di fuga che costringono l’occhio a cercare l’ordine di disposizione delle immagini, i colori piatti ed uniformi; tutti elementi che conferiscono alla scena la tipica sensazione di mistero, solitudine, allucinazione e sogno dei quadri di de Chirico e Savinio.

Le musiche di Massimiliano Forza allungano le ombre come pennellate decise, fanno danzare colonne secolari, soffermandosi sugli oggetti, e scuotono  personaggi e spettatori durante i colpi di scena. L’inedita trasposizione del Capitano Ulisse riprende alcune tappe dell’eroe dell’Odissea, focalizzandosi sui rapporti che il tormentato uomo di mare instaura con le donne incontrate nel suo viaggio: Circe, Calipso e Penelope, interpretate da Vanessa Gravina. L’accento sulle relazioni con il femminile trasla il personaggio dal piano mitico a quello umano, regalando agli spettatori, grazie alla realistica interpretazione di Edoardo Siravo, un Ulisse incompreso, infelice e perennemente insoddisfatto. Per inseguire il suo ideale di donna (Penelope), lascia Circe e Calipso ma, alla fine, quando si ricongiunge con l’immagine del suo desiderio sentimentale, non riconosce l’amata e riparte nonostante l’immensa stanchezza.

Una scena dello spettacolo

Virgilio Zernit, nei panni dell’autore, dialoga con il personaggio ed insieme a lui ripercorre le tappe della sua vita: Savinio, infatti, nasce ad Atene, si sente un uomo senza patria — a causa dei suoi frequenti spostamenti tra la Grecia, Monaco, Parigi e l’Italia — e dedica la sua vita alla scoperta continua della conoscenza. L’inserimento dell’autore nel testo, richiama inevitabilmente la concezione pirandelliana del teatro nel teatro. Savinio, infatti, fu tra i fondatori della Compagnia del Teatro dell’Arte, diretta da Luigi Pirandello. La sensibilità al classico si evince dalla circolarità numerica che il regista mette in scena: le tappe dell’Odissea (in greco nostos) sono, infatti, dodici, numero degli insiemi perfetti; si alternano luoghi in cui l’insidia è manifesta (mostruosità, aggressione, morte) a luoghi in cui l’insidia è solo latente.

Savinio nel suo testo presenta le tre tappe in cui l’ospitalità nasconde un pericolo, un divieto da non infrangere; Emiliani decide di riprendere l’elemento triadico facendo interpretare tre ruoli a Vanessa Gravina, a Maurizio Zacchigna e a Marzia Postogna. Il risultato non è solo un’impegnativa e originale prova d’attore per i protagonisti della pièce, ma una vera e propria immersione nel mondo ellenico. Un testo difficile, una grande lezione di vita per la nostra società eternamente insoddisfatta, che rincorre il mito ma che raramente è in grado di godersi il presente.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

Casomai un’immagine

sir-12 mar-32 pck_17_cervi_big th-03 th-50 th-58 th-62 16_pm petkovsek_21 013 m busdon-04 cas-07 solo2 tav1 holy_wood_10 holy_wood_16 holy_wood_21 holy_wood_31 p11 p2 mis5-big pm-28 murphy-33 vivi-03 04 23 Jingle fisher Woman 1 Eros 4, 2011 A. Guerzoni