// stai leggendo...

Cinema

Milano Film Festival 2010, tra Jarmusch, Godard e Ioseliani

Jim Jarmusch

Correva l’anno 1996 quando due ragazzi, Beniamino Saibene e Lorenzo Castellini, decisero di organizzare una giornata di proiezioni cinematografiche di film indipendenti in città. Quindici anni dopo, quella manifestazione chiamata Milano Film Festival è diventata uno degli appuntamenti più seguiti  della città. In questa edizione del 2010, oltre ai premi per il miglior lungometraggio e cortometraggio, diciannove sono stati gli eventi in programma. Tra i più interessanti, l’omaggio alla “Mir” con i film più importanti prodotti e distribuiti dalla casa milanese (tra cui Anima Mundi di Godfrey Reggio) , la retrospettiva Tutte le valigie su Jim Jarmusch  e la proiezione dei film di Peter Watkins, maestro marginalizzato dalla distribuzione ma dotato di grande sensibilità: particolarmente apprezzabile la sua feroce critica ai media e allo standard dell’industria, la “monoforma”. Interessante anche lo spazio dedicato alle opere di critica politica, intitolato “Colpe di Stato”, e, ovviamente, le tanto attese anteprime nazionali di “Socialisme” di J.P. Godard e “Chantrapas” di Otar Ioseliani.

Vince il Sudafrica

On the Other Side Of Life

Ad aggiudicarsi il “Miff Award” come miglior lungometraggio è stato On the Other Side Of Life degli esordienti  Stefanie Brockhaus e Andy Wolf, che hanno deciso di occuparsi della vicenda del Sudafrica seguendo le vicende di due adolescenti, Lucky e Bongani, che vivono in una periferia di Città del Capo. Girato nello stile documentaristico, il film racconta l’amara storia di due ragazzi dalla vita comune nella baracca, all’accusa di omicidio e i giorni passati in carcere, fino al ritorno alle origini del rito d’iniziazione verso l’età adulta, celebrato tra le montagne di Eastern Cape con gli anziani della comunità. Un film che ha il pregio di raccontare un Sudafrica diverso, dopo la metafora della segregazione razziale di District 9 e il punto di vista politico di Invictus. Un’idea che ha convinto la giuria, ma sicuramente l’attualità dell’argomento ha giocato molto in favore del duo tedesco. Documentario ben girato tecnicamente, ma le scene in molti casi sembrano mancare di spontaneità, alcuni dialoghi sembrano scritti e recitati e si sente pesantemente la presenza della macchina da presa: grossa pecca per il genere.

“Mio amato” cinema italiano

Habibi

Il premio come miglior cortometraggio è invece andato all’italiano “Habibi” (“mio amato” in arabo) del regista triestino Davide Del Degan. Girato in Libano, è una favola nera sulla tragedia dei bambini in guerra che ha il pregio di saper raccontare la vicenda in modo universale, facendosi metafora dell’esistenza stessa attraverso ambientazione e lingua inventate, senza tempo né spazio. Un corto raffinato che mostra l’abilità di Del Degan di padroneggiare i diversi registri, sapendo alternare momenti divertenti a scene ad alta tensione. Un film sui sogni e sulla crescita, sul passaggio dall’infanzia all’età adulta. Il pluripremiato regista triestino dimostra che c’è uno spiraglio di luce nel futuro del cinema italiano indipendente che, anche in questo festival, ha purtroppo messo in mostra qualità tecniche e artistiche spesso visibilmente inferiori a quelle dei colleghi europei. Una mancanza soprattutto di idee nei volenterosi filmaker che si nota anche nella coraggiosa rassegna del “Salon des Refusees”, un angoletto di Parco Sempione dove sono stati proiettati i film scartati dal Milano Film Festival. È solo la conferma che per fare “cinema” non basta avere una videocamera. La penuria tecnica e artistica in questo caso non merita commenti, ma va anche detto che, proprio per spirito dell’iniziativa, non c’è nessuna selezione.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Casomai un’immagine

sir-31 mar-33 viv-17 pck_19_cervi_big th-28 th-74 10 16 28_pm ruz-11 petkovsek_08 petkovsek_14 001 piccini_10 piccini_13 f acau-gal-18 13 15 cas-01 vascello 01-garcia holy_wood_25 holy_wood_30 pm-00 pm-29 37 32 36 Robot 3