// stai leggendo...

Cinema

La Corea fuori dalla Corea

Il suo cinema si racconta al Far East Film Festival

“Il nostro cinema viene apprezzato più all’estero che da noi in patria”. Così, il regista Ryoo Seung-wan ha parlato della situazione della cinematografia coreana alla 13esima edizione del Far East Film Festival, tenutasi a Udine dal 29 aprile al 7 maggio.

Far East Film Festival - Foto di Alessandro Quaia

Nel lontano paese asiatico, infatti, nonostante i recenti successi in Occidente di alcune pellicole, il cinema vive una situazione di crisi: sceneggiatori sfruttati e mal pagati, mancanza di creatività delle realizzazioni. Una condizione difficile dovuta ad un sistema vizioso che, negli ultimi anni, si è cristallizzato: se da un lato registi, direttori della fotografia e attori percepiscono stipendi molto alti e, soprattutto, riscuotono successo tra il pubblico, dall’altro gli sceneggiatori vivono nell’ombra. Molti di loro fanno fatica a mantenersi economicamente, a causa dello scarso supporto dato dalle leggi che regolamentano il mondo del cinema. Tanto che non è inusuale che i film coreani delle grandi major vengano scritti direttamente dai registi, senza l’aiuto degli sceneggiatori.

Questo problema porta ad una conseguenza immediata: le pellicole raccontano storie monotone con poca creatività e l’affluenza di pubblico nelle sale cinematografiche è scarsa. Il regista Ryoo Seung-wan, quando è entrato in sala durante la proiezione del suo film in concorso al Festival udinese, The Unjust, è rimasto stupito dalla grande affluenza di spettatori e dal successo registrato, tanto da spingersi a dire che “in Corea non sono mai riuscito ad attirare al cinema più di 500 persone”.

Insomma, pochi film significano poco pubblico, che a sua volta significa scarsa popolarità degli attori. Se, infatti, all’estero come in patria, hanno più popolarità i cantanti, gli attori sembrano essere figli di un dio minore. In questo periodo, il potere d’attrazione al botteghino delle star del cinema, nonostante siano sempre sulle pagine dei giornali e al centro delle cronache scandalistiche, è piuttosto scarso. Le case di produzione non corteggiano più i divi per il successo delle loro pellicole, ma si dedicano soltanto all’innovazione tecnologica: film in 3D, servizi di postproduzione all’avanguardia.

The Unjust

Sebbene la grande industria del cinema abbia vissuto e stia tuttora vivendo un periodo difficile, nel 2010 è esploso il fenomeno dei film a basso costo realizzati da registi emergenti che, in alcuni casi, sono riusciti a sbancare i botteghini con più di mezzo milione di biglietti staccati. The Unjust, realizzato con un budget di media entità, grazie al passaparola è riuscito a vendere 2,8 milioni di biglietti, diventando il maggior film di successo dell’anno.

Ma la Corea non è una terra estranea alla globalizzazione. Anche qui, infatti, il mercato ha posto radici profonde. L’entertainment si è infiltrato nella società, creando una forte discussione sul suo ruolo e sulle sue finalità.

Il famoso attore Ryoo Seung-bum, protagonista di Foxy Festival del regista Lee Hae-young – anch’esso in concorso a Udine – spiega questo fenomeno: “La nostra è una società difficile, in cui le star del cinema sono dei personaggi molto e troppo importanti e l’entertainment nasconde i veri problemi della gente”. La società coreana, infatti, è molto conservatrice, rigida e chiusa in se stessa. Su questo pesa anche la storia di questa repubblica, divenuta una democrazia solo negli anni Novanta, in seguito alla caduta della dittatura militare. Tuttavia, anche dopo vent’anni, il cammino verso il cambiamento procede lentamente: la gente ha ancora paura del potere, dei vari potenti locali e della politica, che si infiltra ovunque e nasconde, spesso, la realtà del paese. E a questo si aggiunge l’intrattenimento, che distrae la società dai propri problemi, cercando perfino di farli passare inosservati. The Unjust, raccontando la storia dell’abuso di potere di un procuratore e le violenze sessuali a cui sottopone le sue vittime, è un chiaro esempio di quello che avviene in Corea.

Una scena del film Foxy festival“Il cinema dovrebbe raccontare la realtà e l’intrattenimento fare solo divertire e ridere” ha sottolineato Ryoo Seung- bum. Si dovrebbe fare un cinema che faccia riflettere gli spettatori, che racconti la realtà dei fatti ed aiuti la gente a capire di più il proprio presente. Per anni, durante la dittatura militare, la libertà d’espressione era un privilegio e il cinema era lo specchio del potere. Oggi, con la Corea del Sud divenuta un paese libero e democratico, bisognerebbe che le produzioni cinematografiche recuperino il tempo perduto.

Molti film, d’altra parte, che non sempre vengono bene accolti dal pubblico coreano, vengono bene apprezzati all’estero. Foxy Festival, commedia scabrosa ma seducente e con alcune scene spinte, non ha soddisfatto del tutto gli spettatori dagli occhi a mandorla. Parlare di certi temi, visti come dei veri tabù, non è facile: la sessualità, il rapporto con essa e le fantasie più intime sono ancora argomenti “intoccabili”. Nella popolazione, soprattutto più anziana, c’è incertezza, timore e vergogna nel vedere al cinema i propri pensieri nascosti. A questa paura, si aggiunge lo stress psicologico a cui i coreani sono sottoposti ogni giorno. “La guerra con il Nord è solo sospesa – afferma Ryoo Seung-bum – ma non è mai finita. Da un momento all’altro potrebbero bombardarci, e la popolazione sente molto questa pressione. Fino a quando la situazione non cambierà, sarà difficile avere una società migliore”.

E il cinema, necessariamente, per parlare alla gente deve riprodurre la realtà. Film come The Unjust sono apprezzati dal pubblico perché si immedesima nei personaggi e nelle trame, magari senza comprenderne la problematicità.
Se, allora, è questa la condizione del cinema, quali sono le speranze per il futuro, affinché sia migliore e aperto al rinnovamento?

Una soluzione la offre il regista Lee Hae-young: “Bisogna che il lavoro degli sceneggiatori venga più valorizzato e considerato, così da portare nell’industria cinematografica nuove idee. Il risultato non sarà semplicemente una società nuova, aperta. ma anche un rilancio della creatività del cinema, che potrà così avere successo non solo all’estero, ma anche in Corea”.

Far East Film Festival, 13esima edizione 29 aprile – 7 maggio 2011

Organizzato dal CEC – Centro Espressioni Cinematografiche – di Udine, il Far East Film Festival ha portato a Udine i migliori film popolari asiatici dell’ultima stagione cinematografica. Finalità del festival è divenire un osservatorio privilegiato sul mondo del cinema asiatico, attraverso la riproposizione dei film di maggiori successo di numerosi paesi: Corea del Sud, Hong Kong, Cina, Filippne, Taiwan, Indonesia, Thailandia, Vietnam, Singapore, Malesia e Mongolia. Quest’ultimo è stata la novità di quest’anno, con il film Operation Tatar del regista mongolo Bat-Ulzii BAATAR.

Assieme ai film, sono giunti a Udine cinquanta personalità asiatiche: registi, produttori, attori e attrici. Protagonista indiscusso è stato Michael Hui, famoso regista hongkonghese, a cui il festival ha tributato il “Gelso d’Oro” alla carriera.

Due le retrospettive di questa tredicesima edizione: la prima dedicata alla commedia asiatica e al grande regista Hui, denominata Asia Laughs!, e la seconda ai Pink Movies, con un tributo speciale alla produttrice Asakura Daisuke.

Negli otto giorni del festival, sono stati proiettati 87 film, tra pellicole in concorso e retrospettive, visti da oltre 50.000 persone.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

Casomai un’immagine

sir-15 mar-20 mar-31 viv-04 viv-33 viv-35 viv-37 pck_04_cervi_big th-63 27_pm kubrick-17 thole-10 thole-16 bon_11 malleus_05 malleus_07 malleus_10 piccini_17 bra-big-06 busdon-01 08 cammello2 s18 murphy-04 murphy-16 galleria10 galleria20 29 16 Dog Eat Dog