// stai leggendo...

Cinema

David Mamet e la ricerca della Verità

David Mamet - I tre usi del coltello
Autore: David Mamet
Titolo italiano: I tre usi del coltello
Titolo originale: Three Uses of the Knife, On Directing Films e True and False
Traduzione: Andreina Lombardi Bom
Curatore: Andreina Lombardi Bom
ISBN: 978-88-7521-265-0
Anno di pubblicazione: giugno 2010
Pagine: 320
Editore: minimum fax

Gli esseri umani hanno sempre vissuto profondi conflitti a tutti i livelli. Il conflitto tra desideri e possibilità, istinto e moralità, punto di vista personale e collettivo, che in letteratura prendono le forme di commedia, tragedia o melodramma. Tra i diversi autori moderni che sono riusciti a mettere in scena in modo convincente questi contrasti, accanto a David Rabe e Sam Shepard, sicuramente c’è lo scrittore, sceneggiatore e regista americano David Mamet.

David MametIl suo punto di vista sul cinema è caratterizzato da una incredibile ed eclettica abilità, che lo vede a suo agio tanto alle prese con la scrittura, quanto alla direzione e al montaggio. Forse per questo suo essere un artista “trino”, Mamet è poco conosciuto dal grande pubblico, abituato ad accontentarsi di ciò che il mare restituisce in superficie. Autore di pièces teatrali caratterizzate dall’apparente assenza di testo e da un largo uso di quello che viene chiamato dialogo spezzato, Mamet descrive una società regolata dall’inganno, dal rancore e dall’istinto di sopraffazione, in un contesto di rapporti difficili e complicati tra persone spesso odiose e imperfette. Premio Pulitzer, è anche uno sceneggiatore passato alla storia del cinema, basti pensare a Il postino suona sempre due volte (1981),  Il verdetto (1982), Gli intoccabili (1987) o Hannibal (2001). Per chi si ricordasse anche solo vagamente i dialoghi di questi film o il loro ritmo incalzante e avvincente, non sarebbe così difficile comprendere quanto Mamet sia abile nello sviscerare, appunto, le profonde contraddizioni e i conflitti che albergano nella natura umana.

I tre usi del coltello, edito da minimum fax, è una raccolta di saggi di Mamet. Nella prima sezione, quella che dà il titolo all’edizione italiana, l’autore americano si occupa del trattamento dell’idea o del soggetto da parte dello sceneggiatore. La seconda lezione di cinema (“Dirigere un film”) è tratta da una sua serie di interventi alla Columbia University. Infine, in “Vero e falso”, egli si  occupa degli attori e del ruolo del regista nel momento in cui viene chiamato a dirigere e modellare il lavoro degli stessi sul set.

Per Mamet, un capolavoro è definibile tale solo in quanto passato attraverso l’analisi del reale, del vero, di quella verità che egli tratta come soggetto ispiratore in tutte le sue opere teatrali o cinematografiche. Questo non fa certo di Mamet un taumaturgo o un critico moralista della società moderna, piuttosto egli agisce come il recensore quando viene chiamato a trarre una summa del lavoro altrui. Il funzionamento meccanico di un film, secondo lui, è da molti punti di vista simile a un’esperienza onirica. Come nel sogno la giustapposizione d’immagini contrastanti produce qualcosa che alle volte si avvicina molto alla realtà, tanto da farci svegliare spaventati o fradici di sudore; parimenti un film sovrappone fotogrammi, completamente liberi da qualsiasi dovere moralistico o storiografico, talmente potenti da farci vivere come protagonisti quella sequenza cinematografica. In altre parole, un film per Mamet è la risposta a una domanda, ovvero a un quesito che qualcuno si è posto e al quale molti si sono presi la briga di dare risposta.

movie frames

I tre usi del coltello

Saggi e lezioni sul cinema

Questo libro, che sta a metà strada fra l’autoritratto di un mostro sacro di Hollywood e il manuale per aspiranti cineasti, riunisce per la prima volta in italiano i saggi del premio Pulitzer David Mamet. Sceneggiatore, regista, attore, produttore, drammaturgo, romanziere e prefino poeta, Mamet è una delle figure più complesse e affascinanti del cinema dei nostri tempi. Ha messo la firma a film che hanno fatto la storia del cinema Il verdetto, Il postino suona sempre due volte, Gli intoccabili e, più recentemente, Hannibal.
Il libro si divide in tre sezioni: la prima, «I tre usi del coltello», si occupa della natura del lavoro dello sceneggiatore e degli obiettivi del raccontare storie; «Dirigere un film», la seconda parte, è l’appassionante trascrizione di una serie di lezioni di regia che Mamet ha tenuto alla prestigiosa Columbia University; la terza e ultima, «Vero e falso», è dedicata al ruolo dell’attore e si rivolge non solo a chi recita ma anche a chi deve dirigere gli attori sulla scena.
Sorprendente, lucido, irritante, magistrale, rivoluzionario, divertente: ecco come si rivela la voce di Mamet in questo libro composito e unico, imprescindibile per chiunque voglia scoprire cosa fa di un film un capolavoro.

_______________

Fonte: http://www.minimumfax.com/libri/scheda_libro/34

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

mar-29 viv-12 th-21 th-76 06 neurolysis petkovsek_08 bon_08 mccarroll08 m bra-big-02 busdon-12 cas-10 tyc 3 cip-11 3 cor07 holy_wood_15 p12 s6 mis2big galleria17 23 tsu-gal-big-06 12 Urs Fischer Katharina Fritsch Padiglione Italia Dog Eat Dog Dog Eat Dog