// stai leggendo...

Scrittura

Martin Scorsese e la sua personale ricerca del cinema

Martin Scorsese
Titolo italiano: Scorsese. Il bello del mio mestiere
Titolo originale: Scorsese. Mes plaisirs de cinéphile. Textes, entretiens, filmographie
Traduzione: Andreina Lombardi Bom
Curatore: Andreina Lombardi Bom
ISBN: 88-87765-45-6
Anno di pubblicazione: marzo 2002
Pagine: 150
Editore: minimum fax

Descrivere chi per mestiere dirige e produce film è un’ impresa sconsigliabile. Su ogni personaggio del calibro di Martin Scorsese esiste almeno una bibliografia più o meno ufficiale che, a partire dall’infanzia, racconta l’evoluzione del personaggio nel suo momento evolutivo, quindi creativo. Il problema di questi libri è la mancanza di una sintesi che evidenzi ciò che per il soggetto vivisezionato sia da ritenersi realmente importante.

Martin ScorseseDiversa e assai più interessante è una operazione di raccolta di materiali scritti di pugno nel corso del tempo dal regista. Martin Scorsese. Il bello del mio mestiere, pubblicato in Italia da mimimum fax in una nuova ed elegante edizione aggiornata, sceglie la seconda strada per descrivere Scorsese a partire da quanto lui ha detto dei suoi illustri colleghi e amici, oltre che del cinema in generale (visto con gli occhi del cinefilo appassionato e irriducibile). In questa raccolta di saggi e interventi, pubblicati essenzialmente sui Cahiers du Cinéma nel corso degli ultimi decenni, Scorsese passa in rassegna la generazione di colleghi/amici con la quale, a partire dagli anni Settanta, ha condiviso le fortune del cinema come strumento di sperimentazione del proprio vissuto personale. Tutto questo in un’epoca dove la settima arte è diventata un’ essenziale costola del processo di massificazione socioculturale al quale il pubblico viene assoggettato.
Ne emerge l’idea, se non proprio l’immagine, di un uomo profondamente amico di personaggi come Francis Ford Coppola, Brian De Palma, Steven Spielberg, George Lucas e Robert De Niro. Un’ amicizia che nasce non certo e non solo dalla condivisione di una passione, piuttosto dal modo di realizzazione della stessa. Infatti, nella seconda sezione del libro, Scorsese rivela che il suo precoce innamoramento per il cinema coincide con la visione di Stupenda conquista di John Boulting, lungometraggio che ai più dice forse poco, ma che nel 1951 al Festival of Britain narrava la sofferenza di William Friese-Greene, un uomo che verso la fine dell’ Ottocento aveva contribuito all’invenzione della macchina del cinematografo. Sempre in questa sezione, Scorsese commenta l’importanza del cinema inglese e americano per la sua formazione artistica, non risparmiando aneddoti, fatti e desideri mai realizzati che spesso riportano a una dimensione umana l’autore di Taxi Driver (1976) e Toro scatenato (1980).

Robert De Niro in "Toro scatenato"

Infine, Scorsese scrive direttamente del suo lavoro, restituendo al lettore un’immagine di ricercatore appassionato, curioso come lo si è nella prima fase dell’infanzia. Estenuanti ricerche storiche e bibliografiche, sopralluoghi sulle possibili location, la scelta delle musiche e dei costumi e una incredibile, camaleontica capacità di assorbire dal mondo circostante il meglio, per poi filtrarlo all’interno di quei pochi pollici di inquadratura che chiamiamo Cinema.

Il bello del mio mestiere

Scritti sul cinema

A dieci anni dalla nascita, la collana minimum fax cinema ripropone in una più moderna ed elegante veste grafica i suoi titoli di maggior successo, accanto a nuove e sempre sorprendenti scoperte.

Questo libro raccoglie, tradotti per la prima volta fuori dalla Francia, gli articoli scritti da Martin Scorsese per una delle più autorevoli riviste di cinema del mondo (e in particolare quelli realizzati per il numero 500, di cui Scorsese è stato curatore), nonché interviste e conversazioni finora inedite in Italia. Il regista americano racconta in prima persona i suoi capolavori, dal rapporto con gli attori (Robert De Niro su tutti) alla sceneggiatura, dalla colonna sonora agli aspetti tecnici del montaggio, e commenta con la passione del cinefilo e l’esperienza del grande maestro i film che ha amato e l’hanno ispirato, e lo stile dei grandi autori di cui ha subito il fascino fin da ragazzo. Aneddoti dal set, ritratti di amici, riflessioni teoriche, ricordi familiari e dichiarazioni di poetica: una raccolta appassionante e imperdibile per qualunque fan del vero cinema d’autore.

Fare un film è di per sé un’idea folle, dato che si tratta di un’impresa enorme, della quale si afferra la dimensione solo quando ci si è dentro… ma allora è troppo tardi.

Martin Scorsese

_______________

Fonte: http://www.minimumfax.com/libri/scheda_libro/391

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

I vent’anni della Principessa Mononoke

Diana Wynne Jones, Hayao Miyazaki e Il...

L’opera lirica spiegata ai ragazzi

Un’interruzione (atto di)

Romanzo giallo o romanzo picaresco?

Non c’è più scampo e Carte in...

Delitto in cielo e La serie infernale

Jackson Pollock e la musica

L’altro volto della speranza

Il linguaggio di Boris Vian

Vita da commessa

Jackie

Frank Cho: Un sacerdote in meno, un fumettista in...

Tuono Pettinato: Fumetti stondati con contenuti storti

Agatha Christie e i film gialli tratti...

Romina Moranelli: Pin up italiane

Paesaggio e Sublime

Andrea Sorrentino: Dai giochi di ruolo ai supereroi

Fabiano Ambu: Un’iniziativa meritevole: IT Comics e i suoi...

Il cliente

Eugène Scribe: ascesa e caduta di un...

Nicola Genzianella: Un artista tra Bonelli e fumetto francese

Ugo Bertotti: Dalle riviste d’Autore ai graphic novel

Minutaglie: sei libretti per adulti e bambini

Alex Ross, musicologo e scrittore

Casomai un’immagine

mar-18 viv-04 th-20 th-49 th-66 16 kubrick-10 kubrick-2 kubrick-5 thole-16 ruz-10 petkovsek_24 010 bon_03 piccini_18 acau-gal-01 acau-gal-10 busdon-06 tyc rbg lor-7-big cor03 jg_big_4 pm-16 pm-37 murphy-13 16 tsu-gal-big-04 wendygall-02 01 Woman 2