// stai leggendo...

Scrittura

Tarantola di Thierry Jonquet

Tarantola  Thierry Jonquet
Titolo: Tarantola
Autore: Thierry Jonquet
Traduzione: Giovanna De Angelis
Editore: Einaudi Einaudi (collana Stile Libero Noir)
Pagine: 146
Prezzo: € 12,00
ISBN-13: 9788806209766

Scrivo romanzi noir. Intrighi dove l’odio e la disperazione la fanno da padrone e annientano senza tregua dei poveri personaggi ai quali non lascio alcuna via di scampo.
Ognuno si diverte a modo suo.

Thierry Jonquet, Rouge c’est la vie, Le Seuil,1998.

Thierry JonquetThierry Jonquet, morto nel 2009 all’età di soli cinquantacinque anni e considerato uno dei maestri del noir francese contemporaneo, conosceva bene la natura umana e i gesti abominevoli che è in grado di compiere quando viene spinta dalla disperazione.

Tarantola, uscito in patria nel 1984 e tornato in auge dopo aver ispirato l’ultimo film di Almodóvar, La pelle che abito, è indubbiamente uno dei suoi testi migliori. Il pregio dell’opera non consiste tanto nella narrazione avvincente che immerge il lettore nell’atroce incubo vissuto dal protagonista, quanto nella descrizione della psicologia perversa che sta alla base del gesto che ha mosso la mano del suo carnefice.

Richard Lafargue è un chirurgo plastico di fama internazionale che, moderno Dottor Frankenstein, decide di sfruttare il suo talento medico per vendicarsi della persona che ha usato violenza a sua figlia riducendola alla pazzia.

Ève è una donna doppiamente in trappola: rinchiusa al primo piano di una lussuosa villa con parco e piscina può uscire solo in compagnia del suo aguzzino e, due o tre volte al mese, è costretta a prostituirsi sotto gli occhi divertiti di lui che non le risparmia le peggiori umiliazioni. Ma c’è di più: quel volto che ogni giorno vede riflesso nello specchio, e quel corpo nel quale scalpita la sua anima prigioniera, non le appartiene, ma le è stato imposto da qualcuno.

Vincent Moreau è un giovane che rimorchia ragazze con il solo scopo di fornire a se stesso e al suo amico Alex Barny un motivo di divertimento e di “svago”, ma dopo un giro in moto nella foresta scompare misteriosamente senza lasciare tracce inseguito da una macchina con a bordo un padre psicotico e arrabbiato.

Alex Barny lavora come buttafuori in un locale notturno e a volte si improvvisa rapinatore di banche. Sente la mancanza dell’amico Vincent, scomparso ormai da quattro anni, e per salvarsi dalla prigione decide di sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica per il quale pensa bene di minacciare Lafargue andando a rapire proprio Ève.

Tarantola

Il fulcro dell’intrigo è insito nel binomio Vincent/Ève, e nel rapporto predatore/preda che si instaura tra Lafargue e la donna. Rapporto che in teoria dovrebbe alleviare la sofferenza psicologica del primo a scapito della salute mentale e fisica della seconda, ma in realtà il tormento della persona che riteniamo responsabile delle nostre angosce assai di rado si rivela davvero appagante. In un passo del libro, Lafargue, dopo un terribile accesso di rabbia, trascina Ève da uno dei suoi clienti più sadomasochisti e cerca di assistere impassibile mentre questi la frusta a sangue. Dopo pochi secondi, tuttavia, è lui stesso ad intervenire e a portare in salvo la sua “creatura” medicandole le ferite, a dimostrazione che per quanto possa essere forte la sua sete di vendetta conserva comunque quel briciolo di compassione che lo lega indissolubilmente a lei.

La narrazione si snoda su tre piani: il racconto in terza persona del rapporto tra il chirurgo ed Ève, del mondo che li circonda e dell’ambiente in cui vivono; la voce della coscienza di Vincent che descrive nei minimi dettagli la terribile esperienza vissuta dal giorno della sua scomparsa al momento della trasformazione a cui lo sottopone Tarantola, soprannome che egli attribuisce al suo carceriere; e la narrazione in terza persona della storia di Alex Barny che, dopo la rapina in banca, finisce inevitabilmente per intrecciarsi con quella degli altri due protagonisti.

Copertina dell'audiolibro Tarantola

Thierry Jonquet non lascia speranze a nessuno, ma crea un legame talmente forte tra Lafargue ed Ève in grado di andare oltre quell’odio che provano l’uno per l’altra. Hanno raggiunto entrambi un tale livello di dolore e di sofferenza che ormai hanno finito per accettare i loro ruoli.

Il libro è molto scorrevole malgrado la frammentazione narrativa, e si legge tutto d’un fiato in poco meno di tre ore.

Da segnalare, infine, l’errore riportato nella quarta di copertina dell’edizione italiana che indica, come protagonisti del film di Almodóvar, Antonio Banderas e Penélope Cruz; in realtà l’interprete femminile è Elena Anaya, che aveva già avuto un piccolo ruolo in Parla con lei, e che, come lei stessa ha dichiarato in un’intervista, per Almodóvar farebbe anche il microfono.

Thierry Jonquet Nasce a Parigi nel gennaio 1954 da una famiglia di operai. Nel 1973 inizia a studiare filosofia, ma ben presto abbandona l’università per intraprendere tutta una serie di lavoretti che gli permettono di mantenersi, tra questi il venditore di detersivi e l’addetto alle consegne per un negozio di cappelli da sposa. Nello stesso anno, in seguito a un grave incidente d’auto, viene ricoverato all’ospedale dove un medico gli consiglia di diventare ergoterapeuta. Tra il 1976 e il 1982 lavora nel reparto geriatrico dello stesso ospedale, per poi passare in quello di rieducazione infantile dove entra in contatto con i neonati affetti da malattie congenite. Nel 1982 inizia a scrivere il suo primo romanzo, Le Bal des débris, ambientato appunto in un reparto geriatrico e influenzato da quel profondo odore di morte che l’autore respira ogni giorno nello svolgimento del suo lavoro. Il successo arriva nel 1984, quando decide di dedicarsi interamente alla carriera di scrittore, e compone Mygale (Tarantola) che riceve numerosi premi e lo fa entrare nella cerchia dei più grandi scrittori francesi di romanzi noir. In seguito pubblica numerosi romanzi di successo uno dei quali, Moloch, contiene molte similitudini con un grave episodio di cronaca e rischia di farlo finire in carcere per violazione di segreto istruttorio. Nel 2001 diventa anche sceneggiatore di fumetti. Muore all’ospedale della Salpêtrière a Parigi nell’agosto 2009.

Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] libertà, a invadere l’orizzonte almodovariano con certe suggestioni. Al contrario, è Tarantola, e la storia che narra con una prosa asciutta e pulsante, a essersi prestato, proprio per la […]

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Casomai un’immagine

pas-19 mar-18 th-01 th-42 th-66 th-74 13_pm kubrick-2 kubrick-28 kubrick-41 thole-16 petkovsek_04 004 bis_II_01 piccini_06 acau-gal-03 wax cip-05 cammello4 holy_wood_27 s1 murphy-08 07 13 18 vivi-01 06 35 Urs Fischer Woman 1