// stai leggendo...

Arte

Andrea Guerzoni

Io e Carol Rama

Immagine della locandina della mostra "Quanta luce nel nero"In via delle Botteghe Oscure, una delle strade più famose di Roma, ha aperto sabato 29 ottobre 2011 una nuova galleria d’arte, Palazzetto Art Gallery, che prende il nome dallo storico palazzo Caetani, dimora del Cinquecento in cui è ospitata. La mostra d’inaugurazione vede esporre insieme due artisti torinesi: la grande Carol Rama, tra le più celebrate artiste italiane – Leone d’oro alla carriera alla Biennale di Venezia nel 2004, e Andrea Guerzoni, artista emergente, illustratore di libri e autore di aforismi disegnati e scritti. La mostra è curata da Corrado Premuda, che si occupa da anni di Leonor Fini e di recente ha scritto di Bice Brichetto.

La casa di Carol Rama è un’opera d’arte piena di oggetti curiosi e teatrali, una fonte d’ispirazione per Andrea Guerzoni che, dopo una lunga e costante frequentazione con l’artista, ha ideato, progettato e curato l’allestimento della mostra Quanta luce nel nero in cui convivono opere pittoriche e grafiche dei due artisti torinesi e installazioni di oggetti che richiamano il mondo di Carol Rama. Scrive Corrado Premuda nel testo di presentazione in catalogo: “Questi utensili per improbabili stregonerie dialogano qui con le opere grafiche e pittoriche di Andrea Guerzoni e con tutto l’immaginario estetico di Carol Rama e il risultato non prende solo la forma di un omaggio, ma di una vera e propria dichiarazione d’amore.”
Frasi, pensieri, battute e ricordi di Carol Rama sono diventati anch’essi una componente importante di questa mostra e, raccolti da Guerzoni col titolo “Avanti Savoia! Gli aforismi del lunedì pomeriggio”, sono presenti in catalogo e ripresi nell’installazione e rappresentano un originale e spiazzante omaggio ai 150 anni dall’Unità d’Italia.

Abbiamo rivolto ad Andrea Guerzoni alcune domande sul rapporto artistico e di amicizia con Carol Rama.

Laurie Strange (LS): Andrea Guerzoni, si ricorda la prima volta che ha visto delle opere di Carol Rama? Che cosa ha pensato?

Andrea Guerzoni (AG): Credo di essere incappato nel lavoro di Carol Rama nella seconda metà degli anni Novanta, senza avergli riservato la dovuta attenzione. In un’edizione di Artissima, Fiera Internazionale d’arte contemporanea a Torino, ricordo di aver provato addirittura fastidio nel vedere una gigantografia che ritraeva l’artista ottantenne. Pensai che volessero “vendere” il personaggio. Solo tardivamente, all’inizio degli anni Duemila, ho iniziato a conoscere ed apprezzare davvero le opere di Carol.

LS: Dell’artista Carol Rama che cosa apprezza maggiormente?

AG: Il coraggio nella scelta di soggetti e tematiche, l’istintività del segno e la misura nell’uso del colore, la dote compositiva.

Opera Andrea Guerzoni

LS: E del personaggio Carol Rama che cosa pensa?

AG: Da quando conosco bene Carol di persona, trovo il personaggio-Rama magnifico. È stata geniale ad alimentare negli anni la sua leggenda, complice un carattere che può risultare bizzarro e bizzoso ma per me davvero affascinante! Carol nasconde la sua fragilità e timidezza utilizzando modi schietti e talvolta irosi, usa il turpiloquio con gioiosa teatralità, per stupire, imbarazzare, divertire l’interlocutore. Carol Rama è esotica, erotica, eroica, nella splendida definizione di Lea Vergine, e tanto altro ancora. La adoro e le voglio un gran bene!

LS: Com’è nata l’idea di questa mostra a due che vede le sue opere e quelle di Carol Rama condividere uno spazio e un progetto?

AG: La frequentazione della sua casa-studio è diventata da più di un anno e mezzo un appuntamento fisso a cadenza settimanale. Questo tempo speciale in compagnia di Carol ha fatto sì che la fascinazione per l’artista si traducesse in affetto e complicità. L’atmosfera, gli oggetti e i colori in quello spazio eccezionale hanno stimolato la creatività. È nata così l’esigenza, ad un certo punto, di fissare tutto questo e tradurlo in arte. La mostra è il naturale svolgimento di questo nostro dialogo.

LS: Ci racconta cosa sono gli aforismi di Carol Rama?

Opera Andrea GuerzoniAG: Carol  ha da sempre una dialettica arguta, sfrontata, energica. Sue cifre sono la concisione, la brevità e l’essenzialità. Carol utilizza spesso questa strategia espressiva repentina per non concedere il diritto di replica, sia in caso di giudizio, insulto o affermazione benevola.
È stata la ormai naturale predisposizione all’aforisma a farmi appuntare le argute, ma sempre più rarefatte, frasi di Carol: i pensieri e ricordi, le sentenze e i motti di spirito di un’artista del suo valore, quasi novantaquattrenne, andavano raccolti e condivisi.

LS: Su cosa si basa la sua amicizia con Carol Rama?

AG: L’amicizia si basa forse sul bisogno inconscio di rassicurazione di entrambi, sulla capacità di comprendere il linguaggio dell’altro, sulla disponibilità all’accoglienza in questo presente fragile ma bellissimo.

Carol Rama (Torino, 1918)

Il lavoro e la vita di Carol Rama rivelano un temperamento coraggioso, ritenuto spesso aggressivo e scandaloso. La sua ricerca artistica è originale e talvolta in anticipo sui tempi. I soggetti figurativi dei suoi lavori riflettono le fantasie, le angosce e i traumi personali mentre i lavori degli anni Cinquanta che aderiscono al MAC (Movimento Arte Concreta) torinese testimoniano il gusto pittorico dell’artista, anche all’interno di composizioni astratte e formali. Negli anni Sessanta, nei quadri che l’amico poeta Edoardo Sanguineti definisce bricolage, inizia ad inserire gli oggetti usati. Negli anni Ottanta, mentre l’artista torna alla figurazione, l’attività espositiva si intensifica ulteriormente sia in Italia che all’estero. Negli anni Novanta l’instancabile artista riprende anche la pratica dell’incisione, dopo la serie delle Parche degli anni Quaranta. Il grande riconoscimento pubblico è del 2003, quando le viene conferito il Leone d’oro alla carriera in occasione della cinquantesima Biennale di Venezia. Carol Rama è considerata grande protagonista del Novecento e ispiratrice di tanti artisti contemporanei.

Andrea Guerzoni (Torino, 1969)

Andrea Guerzoni si diploma in Pittura all’Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino e dal 2000 espone regolarmente i suoi lavori in mostre personali e collettive. Dal 2005 adotta l’aforisma come procedimento artistico: scritti, disegnati o dipinti i suoi frammenti presentano situazioni ironiche, malinconiche e tragicomiche nelle quali si intrecciano il pianto e il riso, l’alto e il basso, il sublime e il triviale. Le citazioni e gli omaggi ad autori quali Alda Merini, Fernando Pessoa e Carol Rama si ripetono in maniera costante da diversi anni. L’immaginario feticistico che prende corpo nelle recenti mostre può essere eletto a metafora del particolare rapporto che intrattiene con le figure e le voci predilette.

Palazzetto Art Gallery

Nuovo spazio espositivo nel cuore storico di Roma, in via delle Botteghe Oscure al civico 34. Il nobile Palazzo Caetani, costruito nella metà del ‘500, domina con la sua bellezza classica questa famosa strada di Roma Capitale. Uno spazio cubico, bianco e neutro, interamente dedicato ad ospitare l’arte moderna e contemporanea, la fotografia e i nuovi linguaggi della creatività, sarà un luogo speciale dove ammirare, pensare, sorprendersi, emozionarsi, ritornare e scoprire: nuovi talenti e grandi maestri, sperimentazioni internazionali ed esperienze giovani, linguaggi complessi ma anche la rivisitazione di forme e tecniche antiche. Come un ponte lanciato verso il futuro, questo spazio vuole proporsi come luogo del dialogo critico ed estetico tra selezionate esperienze artistiche del mondo.
Palazzetto Art Gallery è diretta da Franco Ruben e inaugura il 29 ottobre con una mostra delle opere di Carol Rama che dialogano con i lavori di Andrea Guerzoni. La mostra Quanta luce nel nero, curata da Corrado Premuda, propone una visionarietà e una nuova filosofia – che è in linea con l’obiettivo culturale della galleria – fatta di rovesciamenti e di prospettive ribaltate nel leggere l’arte.

Carol Rama – Andrea Guerzoni | Quanta luce nel nero

a cura di Corrado Premuda

  • Inaugurazione mostra sabato 29 ottobre 2011 ore 18.00
  • Chiusura: mercoledì 30 novembre 2011
  • dal martedì al sabato dalle 10:00 alle 19:00 orario continuato – Lunedì chiuso
  • Palazzetto Art Gallery | via delle Botteghe Oscure, 34 | 00186 Roma

Info:

Commenti

2 commenti a “Io e Carol Rama”

  1. Carissimi amici,
    il catalogo della mostra alla sala Bolaffi elenca l’opera quarto movimento cosi:
    titolo quarto movimento
    anno 1952
    tecnica olio su tela
    misure cm.70×70
    esposto III Mostra d’arte in vetrina,
    Torino 1953.
    Vi prego di farmi sapere qual’è la data giusta. Un doveroso grazie Maggiorotto

    Di michelemaggiorotto | 28 Febbraio 2012, 11:59
  2. Gentile signor Mangiarotto,
    a noi risulta essere il 1952 la data esatta dell’opera. Qui nella galleria di immagini pubblicata con l’articolo è riportata erroneamente come data il 1951.
    Nel catalogo della mostra “Carol Rama – Andrea Guerzoni. Quanta luce nel nero” riportiamo 1952.
    Grazie per l’attenzione.
    Corrado Premuda

    Di Corrado Premuda | 2 Marzo 2012, 16:03

Rispondi a Corrado Premuda

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

Casomai un’immagine

pas-01 pas-07 sir-14 viv-18 pck_06_cervi_big kubrick-48 ruz-02 petkovsek_09 petkovsek_17 dobrilovic_02 dobrilovic_05 003 bon_sculture_18 28 brasch2 cip-08 cip-10 lor-5-big cor01 holy_wood_06 p6 murphy-32 09 02 sla-gal-1 tsu-gal-big-06 vivi-04 wendygall-12 Skull n-2 2011 the-afghan-whigs-1