// stai leggendo...

Scrittura

È oriente (7)

Gli occhi della nonna ucraina mi ricordano quelli descritti da Grass del suo Tamburo di latta, occhi caucasici come specchi di ghiaccio. Ha i denti ricoperti d’oro, il foulard in testa e non conosce una parola d’italiano. La figlia, in compenso, mi racconta fiera di aver comprato l’appartamento, di essere infermiera e che qui, però, può lavorare solo in qualità di operatrice sanitaria. L’hanno assunta le suore, che provvedono anche a procurarle vestiti che lei spedisce a cugine e parenti in Ucraina. Là il costo della vita ha raggiunto livelli proibitivi, a lei non manca nulla del suo paese, ha lasciato in patria un marito dal quale ha divorziato, ricorda che lui perse il lavoro all’indomani del loro matrimonio perché era proibito sposarsi in chiesa. “I bambini li abbiamo battezzati di nascosto durante la notte”. Ha portato in Italia il figlio di vent’anni e mi dice a malincuore che non ha potuto permettersi di farlo studiare. È amareggiata che il ragazzo debba alzarsi alle cinque per andare a lavorare come magazziniere, sta sempre davanti al computer, lei non capisce niente di tecnologia, ma, a quanto dice suo figlio, è un mondo pieno di divertimento. “Ma non come avere degli amici veri”, mi dice lei facendomi scivolare nella borsa una manciata di cioccolatini.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

sir-04 sir-12 sir-37 mar-03 th-36 th-70 th-78 30 kubrick-49 bav-01 petkovsek_19 bon_sculture_16 bon_sculture_18 piccini_31 acau-gal-08 acau-gal-10 busdon-12 n p10 p8 mis4big-1 pm-16 galleria05 galleria-07 16 25 10 11 Edgar Allan Poe Oggetti, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni