// stai leggendo...

Scrittura

Un tramonto suggestivo (9)

La senilità chiude il cerchio riallacciandosi all’infanzia. L’autonomia si scarica, come certe vecchie batterie che hanno sempre bisogno di stare attaccate al filo. I fili sono quasi sempre attaccati ad una presa familiare, talvolta a estranei a pagamento, badanti e colf, quelle che nel censimento compilano una scheda a parte. La signora ha novant’anni e vive in quella casa dal 1932, sono villette costruite dal Fascio per i mutilati di guerra. Suo padre è comunque morto per una scheggia nel cuore, lei si è sposata e qui ha cresciuto il figlio, che le sta accanto in piedi e risponde ai suoi rarissimi vuoti di memoria. La signora mi offre una sigaretta, e mi fa molto sorridere vederla fumare alla sua età: cicche leggerissime, bianche e sottili. Chiede sempre se deve scrivere il “nome da signorina” o quello da sposata. Il figlio la rimprovera di tagliar corto, per contro, lui se ne sta tutto il tempo a sbrigare lungaggini al telefono. Mi giro verso la madre che se ne sta placida in poltrona, splendidamente canuta e compattata, gli occhi neri come pece su una pelle che pare incipriata per natura, con eleganza mi propone il nipote come potenziale marito, accende col cerino e si adagia da salottiera.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Casomai un’immagine

pas-08 sir-37 viv-33 viv-38 17 03_pm 07_pm 08_pm 09_pm thole-13 petkovsek_05 petkovsek_19 005 piccini_04 piccini_17 acau-gal-18 03 busdon-08 busdon-10 cas-08 holy_wood_00 s9 sac_10 sac_14 fotosintesi pm-21 galleria12 galleria27 vivi-04 La mole di Carol, 2010 A. Guerzoni