// stai leggendo...

Musica

SOUNDGARDEN + Refused + The Afghan Whigs + The Gaslight Anthem + Triggerfinger

Arena Fiera Milano | 4 Giugno 2012

Chris CornellIl 4 giugno 2012 rimarrà per molti una data importante nei ricordi delle “serate rock” della propria vita. Una data che diverse persone attendavano da 16 anni ormai… Giornata in cui si son viste cinque band calcare il palco della fiera concerti di Rho, alle porte di Milano. Forse una location con un po’ troppo asfalto e poche zone di ombra (direi pressoché nessuna) dove rilassarsi un attimo, ma che ormai è diventata molto importane per concerti metal, rock e dei generi più disparati. Ad un nostalgico di location “erbose” come me, per i festival ed i concerti in generale, sicuramente la fiera di Rho rimane e rimarrà sempre una location non particolarmente ideale, ma occorre comunque dare atto che lo spazio è molto ampio e ben si presta per eventi di questo genere. Un po’ meno comoda la viabilità per arrivarvi con l’auto. Anche per noi milanesi rimane un punto di domanda enorme su quanto abbia bevuto chi ha progettato le strade lì intorno.

A scaldare gli animi dei primi sparuti presenti già nel primo pomeriggio sono stati i Triggerfinger, con vestiti eleganti ed un rock-blues sui generis. Dopo una buona mezz’ora di musica ben suonata, la band ha lasciato il posto ai Gaslight Anthem, band che ha convinto poco il sottoscritto e anche una buona parte del pubblico. Con gli Afghan Whigs la giornata è entrata nella fase più importante. Un Greg Dulli in piena forma, con una voce potente e ben controllata, ha saputo condurre la sua band in cui gli innesti di Dave Rosser e Cully Symington hanno saputo donare alla performance una marcia in più e brani come “Gentlemen” e “Dobonai” hanno avuto un ottimo impatto sulla platea. Un sound intrigante quello del combo originario di Cincinnati. Un mix di alternative rock, funky, grunge e blues.

Soundgarden

Tocca ai Refused dare l’ultimo incitamento prima degli headliner. Refused… un evento nell’evento. Ad aprire lo spettacolo è il biondocrinito Dennys Lyxzen, con “Worms Of The Sense, Faculties Of The Skull”. Dopo quattordici anni, la band svedese è tornata assieme, con una grinta tale da farci dimenticare in fretta questo iato così lungo. Il singer svedese è un ballerino, un mimo, un giocoliere oltre che cantante. E con gli ottimi suoni della band, anche le chitarre di Brannstrom e i suoi riff precisi ed incisivi convincono il pubblico già da subito interessato e curioso di vedere il loro rientro sulle scene.

Brani come “Liberation Frequency”, “Summerholidays vs Punkroutine”, “Refused Are Fucking Dead”, “The Deadly rhythm” non potevano mancare e gratificano band e pubblico assieme. L’indole anarchica e riottosa di Lyxzen è ancora ben presente, e non è mancato l’incitamento a rialzare la testa, vista la brutta situazione economica in cui sono Italia, Grecia e Spagna in primis. Insomma una performance di tutto rispetto, una performance che con “New Noise” ha dato l’ultima sferzata di adrenalina al pubblico dell’arena di Rho. Alle 21.30 in punto è il momento degli headliner, della band che molti aspettavano di rivedere dopo più di 16 anni. Quando i Soundgarden salgono sul palco il boato del pubblico si fa sentire. Composti ma carichi, tutti quanti salutano il pubblico attaccando subito con “Searching With My Good Eye Closed” e, con i primi acuti, Cornell riesce subito a cancellare gli anni meno luminosi dei suoi dischi solisti, avvisando subito il pubblico che “per ora quello che abbiamo sono i pezzi vecchi, e quelli vi suoneremo”.

Afghan Whigs“Spoonman”, “Louder Than Love”, “Screaming Life” , “Fopp”, scaletta dedicata dunque ai primi tempi della band, almeno nella prima parte. Il “sorbetto al limone tra primo e secondo” lo fa “Live to Rise”, unico pezzo nuovo, inserito nella colonna sonora di “The Avengers” e che dal vivo suona molto potente e decisamente più aggressivo che su disco.

La seconda parte della performance dei Soundgarden s’è incentrata tutta agli anni ’90 con brani di grande intensità come “Badmotorfinger” e “Superunknown”, “Burden in My Head” e “Rusty Cage”. Non poteva mancare “Black Hole Sun”, atteso da tutta la platea e un bis interessante con “Jesus Christ Pose” e “Slaves and Bulldozers”.

Questo ritorno sulle scene di una band che parecchio ha scritto e insegnato sul grunge, fa ben sperare per il nuovo album che dovrebbe arrivare in autunno. Per il momento ci godiamo il “sapore” di questa bella giornata di musica di qualità.

Galleria fotografica (© Giorgio Uccellini)

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Joker e la follia: Un film per...

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Paperi amari

Paperi amari

Bill Willingham: Le Favole a fumetti di Bill Willingham

Trieste Science+Fiction Festival 2019

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Casomai un’immagine

mar-41 th-29 th-51 th-65 09_pm kubrick-11 kubrick-7 thole-02 013 busdon-18 cas-16 opla1 patti salvo tyc3 17 cor11 holy_wood_17 Pb640 kay mis3big-1 mis4big-1 pm-16 sla-gal-2 tsu-gal-big-03 vivi-05 26 Hajnal Németh / Padiglione Ungheria jingler strip2 Dog Eat Dog