// stai leggendo...

Fumetto

Ferriera di Pia Valentinis

C’è stato un periodo in cui mi sono vergognata di lui. Era un operaio, una persona semplice e fin troppo diretta con tutti, anche con i miei amici. Noi due non parlavamo mai veramente. Quasi mai. Il suo umore era imprevedibile e peggiorava quando beveva. Specie alla fine. Mio padre…

Copertina di FerrieraNon è facile descrivere le emozioni che è in grado di suscitare la lettura di un graphic novel come Ferriera di Pia Valentinis, pubblicato per i tipi della Coconino Press – Fandango. I sentimenti che si provano sono talmente variegati che perfino la definizione graphic novel sembra riduttiva. In effetti, non si tratta di un romanzo grafico vero e proprio, ma di qualcosa di molto più profondo; quella che il lettore si trova davanti è, allo stesso tempo, una saga familiare, la biografia di un uomo che svolge un mestiere logorante e pericoloso, la storia di un paese e di un popolo costretto a migrare per sopravvivere e la dedica di una figlia al proprio padre attraverso il mezzo di espressione che le è più congeniale: il disegno.

Il talento artistico di Pia Valentinis raggiunge l’apice nell’attenzione che dimostra nel descrivere ogni singolo dettaglio. Soprattutto nelle tavole che riproducono oggetti o situazioni appartenenti alla cultura popolare, storica o sociale. Vedesi, ad esempio, la riproduzione di Guernica di Picasso, in riferimento all’odio nutrito dal padre nei confronti dei musei; la locandina del Buffalo Bill Cody’s Wild West Show rimasto nella memoria della nonna; la copertina della Domenica del Corriere che illustra un fatto di cronaca; l’articolo di giornale che parla dell’incidente in fabbrica, con conseguente morte, di cui rimase vittima il nonno, o i francobolli delle lettere che il padre e la madre dell’autrice si scrissero ogni settimana durante gli anni che lui trascorse in Australia.

L’amore per la precisione, che trapela da ogni pagina, permette di assaporare la storia ritrovando il ricordo di quel periodo, per chi lo ha vissuto, e scoprendo fatti e avvenimenti che hanno determinato quello che siamo, per chi all’epoca non era ancora nato.

Una tavola di FerrieraIl fulcro del racconto, incentrato sulle tappe dell’esistenza di Mario Valentinis, uomo semplice e onesto che ogni giorno, in fabbrica, rischia la vita per un mestiere che apprezza e rispetta, si rivela portatore di molti altri significati soggiacenti. Il legame indissolubile con la propria patria e le proprie origini; le superstizioni religiose che finiscono per influire sul comportamento di alcuni membri della famiglia; il desiderio di condurre una vita dignitosa, non solo dal punto di vista sociale, ma anche lavorativo, sperando di non dover più assistere, ogni settimana, alla morte brutale di qualche collega per la mancanza di misure di sicurezza; la solidarietà tra compagni di lavoro e la forza di andare sempre avanti, nonostante tutto, malgrado l’enfisema polmonare e la silicosi che ti inducono ad apprezzare la Bora perché finalmente riesci a respirare.

Pia Valentinis traccia il ritratto di un’esistenza che ha saputo lasciare in lei un segno indelebile. Un’esistenza talmente votata al sacrificio da consentire, al lettore moderno, di riscoprire quali erano i veri valori di un tempo mettendo in risalto l’importanza dei piccoli gesti e di un presente che andava vissuto giorno per giorno senza mai vergognarsi né rinnegare ciò che la vita aveva riservato a ognuno.

Pia Valentinis
È nata a Udine e vive a Cagliari. Ha illustrato libri per bambini e ragazzi con le più prestigiose case editrici nazionali (Rizzoli, Mondadori, Einaudi, Orecchio Acerbo…) e internazionali. Ha vinto la ventunesima edizione del Premio Andersen, il maggior riconoscimento italiano dedicato ai libri per ragazzi, nella categoria “Miglior illustratore”. Con il volume Raccontare gli alberi, illustrato insieme a Mauro Evangelista, ha poi ottenuto nel 2012 il Premio Andersen per il miglior libro di divulgazione. Ferriera è il suo primo graphic novel.

Biografia tratta dalla quarta di copertina del volume.

Titolo: Ferriera
Autore: Pia Valentinis
Editore: Coconino Press – Fandango
Pagine: 116
Data di pubblicazione: Marzo 2014
Prezzo: 15,50 €
ISBN: 9788876182570

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Stefano Conte "TheSparker": Volt: una scommessa vinta

Elisabetta Cifone: Molto più di un manga all’italiana

Histoire du soldat, una favola in musica

Andrea Rivi: I nuovi traguardi di Nona Arte

Luca Salvagno: Si può epigonare l’inepigonabile?

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Breve excursus estetico tecnico/formale sulla forma sonata

Casomai un’immagine

pas-17 pas-18 pas-19 sir-05 mar-28 viv-11 viv-19 viv-39 pck_03_cervi_big pck_17_cervi_big 31 kubrick-11 kubrick-3 thole-02 htwooh bon_sculture_03 mccarroll07 cas-01 religioni2 cor09 s11 s14 s17 murphy-10 galleria01 galleria26 tsu-gal-big-09 Dog Eat Dog Alice Bolle di vetro, 1939 Carol Rama