// stai leggendo...

Fumetto

A Hell of a Woman/Une Femme d’Enfer

Un'illustrazione di Hell of a WomanPer fare un libro d’artista non serve per forza metterci dei bulloni come usava fare Dinamo Azari o pitturare dei fumetti come faceva Paolo Canevari.

È pur vero che la versione di A Hell of a Woman /Une Femme d’Enfer edito da La Baconnière non è propriamente un libro d’artista visto che è un’opera di narrativa e viene distribuito e venduto, ma non è neppure un esperimento come quelli in cui Möebius e Manara venivano invitati a illustrare Coelho e Wilbur Smith. Quindi, per quanto il paragone sia improprio, viene spontaneo farlo visto che il volume fa parte della collezione “Trou Blanc” con cui l’editore ginevrino lascia carta bianca agli illustratori per realizzare come meglio desiderano anche l’impaginazione e la grafica. E la personalità di Thomas Ott viene fuori in tutta la sua potenza.

Il libro di Jim Thompson è una parabola desolata e beffarda (se non leggete in francese e questo stimolo non fosse sufficiente a impararlo, il romanzo è edito in Italia da Fanucci col titolo Diavoli di Donne) che, accompagnata dalle quasi duecento illustrazioni di Thomas Ott, raggiunge un ulteriore livello di disperato sarcasmo visto che l’illustratore non si limita a rappresentare quanto viene scritto ma ne decifra i passaggi fornendone interpretazioni per niente scontate e offrendo delle associazioni concettuali ora spiazzanti ora illuminanti.

Sull’abilità alla scrapboard di Thomas Ott non è necessario soffermarsi: se mai ci fosse bisogno di confermare la sua statura di artista basterebbe ricordare che la sua opera figurava addirittura nella collezione di Hans-Rudi Giger. Ma al di là della “semplice” ed elevatissima capacità tecnica di Ott, è notevole come il suo lavoro su questo libro porti a dei cortocircuiti metanarrativi e offra lo spunto per divagazioni metatestuali più o meno divertenti (le associazioni concettuali di cui parlavo sopra). Fondamentalmente le sue illustrazioni si dividono in poche tavole fuori testo a tutta pagina di gusto più classico e in una miriade di piccole illustrazioni che accompagnano e offrono nuove interpretazioni al testo. Se dal mero punto di vista estetico sono senz’altro più accattivanti le prime, trovo che sia con il sapiente uso delle seconde che Ott mostri la sua raffinatezza. Ci sono infatti sia divertiti contrappunti ironici a passaggi quali «Sono una meraviglia, i nostri clienti» e «Avevo altre cose per la testa», ma ci sono anche delle riuscite strizzatine d’occhio più elaborate: come si fa a rappresentare frasi come «Ma, caro lettore, era una trappola!»? Beh, Thomas Ott ci riesce. Mi verrebbe quasi da dire che con le illustrazioni appaiate alle pagine 152 e 153 Ott abbia voluto creare una relazione temporale come se fossero vignette di un fumetto, ma forse mi sto spingendo troppo in là…

Un'illustrazione di A Hell of a WomanE fin qui siamo nel campo dell’illustrazione pura e semplice. Quello che è ancora più interessante rilevare è come Ott abbia lavorato sulla confezione stessa del libro fingendo che si tratti di una raccolta di pulp magazines con tanto di copertine (patinate per distinguerle dalle altre pagine) a scandire le uscite delle fittizie riviste e bordi sagacemente ingialliti.

Gli inserti colorati confermano la predilezione di Thomas Ott per i colori primari, che già si intuiva dalla cover di Racconti dell’Errore, ed è curioso notare come ci sia perfetta continuità tra il bianco e nero allucinato e minuzioso per cui è celebre Ott e le sue masse di colore nette e brillanti: anche le seconde, proprio perché così squillanti e irreali, riescono a trasmettere un’impressione di estraneità, se non proprio di morbosa alienazione. Che poi, data la trama e l’evento centrale di Une Femme d’Enfer, è esattamente la soluzione migliore per introdurne i contenuti. Il tutto limitando la tavolozza al rosso e al blu.

La scelta del digest di inesistenti fascicoli pulp è inoltre anche funzionale visto che così il lettore si trova tra le mani un formato schematico che invita a sfogliare il volume, in una ricostruzione incalzante del romanzo come mosaico di singoli pezzi. Romanzo che, per inciso, viene qui presentato con l’ultimo capitolo nel formato voluto originariamente da Jim Thompson e cassato dal suo primo editore statunitense – e sul quale non aggiungo altro per non rivelare nulla del punto focale della trama.

A integrare questa edizione d’artista di A Hell of a Woman un inserto biografico a cura di Markus Rottman dedicato alla strampalata vicenda umana di Thompson, che nulla aveva da invidiare a quella dei suoi protagonisti: A Hell of a Life ne è infatti il titolo e «la più dura storia di Jim Thompson è quella su Jim Thompson» l’azzeccato sottotitolo.

Gli appassionati di Thomas Ott o di grafica o di begli oggetti editoriali possono procurarsi questo gioiellino qui.

 

Titolo: A Hell of a Woman – Une Femme d’Enfer

Autore: Jim Thompson – illustrazioni di Thomas Ott

Anno di pubblicazione: 2014

Editore: La Baconnière (Ginevra)

Formato: 17×24

Pagine: 208 + inserto di 20

Prezzo: € 25,00

ISBN: 978-2-940431-20-5

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Paperi amari

Paperi amari

Bill Willingham: Le Favole a fumetti di Bill Willingham

Trieste Science+Fiction Festival 2019

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

Casomai un’immagine

pas-05 sir-21 mar-29 viv-22 viv-23 pck_22_cervi_big th-06 th-18 th-49 00 26 kubrick-27 thole-05 htwooh petkovsek_05 018 bis_I_02 mccarroll08 acau-gal-20 07 12 cas-16 salvo cor07 holy_wood_26 galleria20 05 16 30 sla-gal-3