// stai leggendo...

Arte

Cent’anni di Roland Barthes

Roland BarthesNel 1979 usciva il primo numero di Alfabeta, importante rivista culturale italiana. Umberto Eco apriva le danze con un articolo dedicato alla lezione inaugurale che Roland Barthes tenne nel 1977 al Collège de France. Un Roland Barthes come sempre brillante, provocatore e imprevedibile, che per l’occasione aveva stupito pubblico e media accusando la lingua di avere una natura “fascista”.

Intellettuale fuori dal coro, scrittore dichiarante la morte dell’autore, semiologo appassionato di imperi di segni asiatici e ideologie occidentali, Roland Barthes non smette ancora oggi di ispirare e interrogare la cultura contemporanea. Il centenario della sua nascita è un’occasione per riflettere sulla sua più grande passione: la scrittura.

Fra i numerosi eventi che prenderanno vita nel corso dell’anno, due meritano un’attenzione particolare: l’uscita di una nuova imponente biografia a cura di Tiphaine Samoyault, e l’esposizione Les écritures de Roland Barthes, panorama, alla Bibliothèque Nationale de France fino al 26 luglio.

Un inedito Barthes

È una biografia fuori dal comune quella che la ricercatrice Tiphaine Samoyault dedica a Roland Barthes. L’autrice si è infatti basata su del materiale ad oggi in gran parte inedito: diari, agende, classificatori colmi di note, appunti, lettere. Una scrittura intima e metodica che, lontana da ogni esigenza di pubblicazione, rivela il puro piacere che Barthes provava nello scrivere e nel riportare, chiarificare e scontornare la propria quotidianità. La gran varietà di supporti e tecniche utilizzate testimonia di una produzione che non aspirava affatto ad essere continua, compiuta, esaustiva, ma che esaltava al contrario la potenza del frammento. La fragilità e la facilità di dispersione di note, cartoncini, foglietti, l’alternanza tra diversi tipi di tratti e grafie, l’utilizzo di matite, penne pregiate o strumenti calligrafici di importazione, il ventaglio di grammature della carta… questo magico universo manifesta essenzialmente una passione per la pratica scritturale, piuttosto che un tentativo di ricostruzione del sé. E riflette l’eclettismo intellettuale di Barthes e la sua sensibilità critica, in grado di analizzare e ribaltare gli stereotipi della contemporaneità.

Esibire la parola

BarthesNon è facile realizzare un’esposizione dedicata ad una produzione letteraria: si rischia facilmente di cadere nella banalità o nella pedanteria, con il risultato che il pubblico finisca deluso e annoiato. Per Les écritures de Roland Barthes, panorama, un inconveniente logistico (lo spazio dedicato all’esposizione era più piccolo di quanto previsto in origine) ha fatto aguzzare l’ingegno dei curatori, che hanno giocato sulla giustapposizione di ambienti e zone espositive, in un dialogo tra contrasti che avrebbe divertito (o piuttosto spaventato) il semiologo. La Galerie des donateurs è infatti uno spazio raccolto e oscurato in cui viene presentata, in teche disposte al centro della sala, la produzione di Frammenti di un discorso amoroso, una delle opere più popolari di Barthes. Le note del seminario da cui il libro è tratto, la bozza con le correzioni, i piccoli disegni che l’accompagnano: l’opera è sviscerata. Le pareti scure e tinte in blu-nero Waterman, inchiostro prediletto da Barthes, favoriscono la concentrazione e l’effetto di raccoglimento.

Per accedervi bisogna attraversare l’allée Julien Cain, un lungo corridoio luminoso dove, su una tenda lunga cento metri, volteggia l’universo barthesiano: citazioni dell’autore, ritagli di magazine che aveva lui stesso raccolto, foto delle sue più note mitologie. Un montaggio verticale denso e cinematografico che presenta tutti i macro soggetti su cui Barthes ha lavorato: la scrittura del politico, la scrittura del mondo, la scrittura intransitiva e in ultimo Vita Nova, l’opera incompiuta di Barthes.

L’esperienza del manoscritto, raccolta, minuta, oscura, dialoga quindi con quella sovrastante, morbida, luminosa del collage, senza annoiare il pubblico. Un accostamento simpatico, che presenta alla perfezione la larghezza di prospettiva di Barthes e al contempo la sua minuzia di pensiero. Ma che, c’è da scommetterci, non avrebbe convinto lui, instancabile demolitore della compiutezza retorica e discorsiva.

Roland Barthes, di Tiphaine Samoyault Edizioni Seuil, colllana Fiction et Cie, 2015, 728 pagine.  Les écritures de Roland Barthes, panorama Parigi, Bibliothèque Nationale de France fino al 26 luglio. Ingresso libero.

Didascalia delle immagini

1) Roland Barthes, di Tiphaine Samoyault, copertina del libro.
2) Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso, bozza di indice, manoscritti BnF.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

I vent’anni della Principessa Mononoke

Diana Wynne Jones, Hayao Miyazaki e Il...

L’opera lirica spiegata ai ragazzi

Un’interruzione (atto di)

Romanzo giallo o romanzo picaresco?

Non c’è più scampo e Carte in...

Delitto in cielo e La serie infernale

Jackson Pollock e la musica

L’altro volto della speranza

Il linguaggio di Boris Vian

Vita da commessa

Jackie

Frank Cho: Un sacerdote in meno, un fumettista in...

Tuono Pettinato: Fumetti stondati con contenuti storti

Agatha Christie e i film gialli tratti...

Romina Moranelli: Pin up italiane

Paesaggio e Sublime

Andrea Sorrentino: Dai giochi di ruolo ai supereroi

Fabiano Ambu: Un’iniziativa meritevole: IT Comics e i suoi...

Il cliente

Eugène Scribe: ascesa e caduta di un...

Nicola Genzianella: Un artista tra Bonelli e fumetto francese

Ugo Bertotti: Dalle riviste d’Autore ai graphic novel

Minutaglie: sei libretti per adulti e bambini

Alex Ross, musicologo e scrittore

Casomai un’immagine

pas-10 sir-16 viv-13 viv-43 pck_02_cervi_big pck_12_cervi_big th-25 petkovsek_07 petkovsek_13 012 bon_07 acau-gal-17 bra-big-03 tso1big opeklekt voce2 il_sumotto cammello4 holy_wood_00 kay pm-03 pm-09 murphy-13 murphy-25 murphy-27 galleria05 galleria14 pugh-08 Woman 2 La mole di Carol, 2010 A. Guerzoni