// stai leggendo...

Palcoscenico

Matematica e Fisica in scena a Modena

Enrico FermiSorprendente ma vero: nella Scuola Media Statale P. Paoli di Modena si insegnano argomenti di Scienze e Matematica attraverso il teatro! La singolare e proficua iniziativa nasce dall’idea di due insegnanti del Corso E, una di matematica e l’altra di lettere che, per veicolare le conoscenze storiche e scientifiche delle loro discipline, hanno portato gli studenti in palcoscenico, coinvolgendoli in vere e proprie messinscene.

Lo scorso anno gli allievi della 3^ E si sono esibiti in una pièce intitolata Incontro con Enrico Fermi con la quale sono state ripercorse le varie tappe che portarono l’illustre studioso italiano all’invenzione della scissione nucleare, sottolineando peraltro le importanti e drammatiche conseguenze che tale invenzione ha avuto per il mondo.

Quest’anno, invece, sono stati gli alunni della 1^ E a portare sulle scene il testo Leonardo Fibonacci: un matematico alla corte del re, con cui viene raccontato un episodio realmente accaduto, quando nel 1226 Leonardo Fibonacci fece visita a Federico II, durante il soggiorno pisano di quest’ultimo. Nell’occasione, il giovane matematico illustrò al sovrano i vantaggi che l’introduzione dei numeri arabi avrebbe comportato per l’Occidente. Sfidato da alcuni dotti presenti, decisamente ostili alle innovazioni, Leonardo risolse il famoso quesito dei conigli, grazie alla successione numerica da lui inventata e che ancora oggi reca il suo nome.

In virtù dell’adeguata preparazione dei giovani attori, gli spettacoli sono apparsi vivaci e ben recitati, gli allievi hanno dato prova di aver assimilato i concetti più importanti e sono apparsi in scena naturali e spontanei. Le performance sono state inoltre arricchite da preziosi brani musicali a tema, eseguiti dagli stessi studenti.

Attualmente i predetti spettacoli stanno girando fra gli istituti superiori di Modena e provincia, suscitando interesse e riscuotendo lusinghieri consensi.

Scuola Media P. Paoli

L’idea di far studiare Matematica e Scienze attraverso l’attività teatrale è alquanto inedita nella scuola italiana, dove solitamente vengono trasposti in forma drammatica racconti, romanzi, brani poetici, avvenimenti storici o di attualità, ma raramente argomenti tecnico-scientifici.

Grazie all’intelligente sinergia fra insegnanti di differenti discipline, alla disponibilità della dirigente scolastica e al reperimento di appositi testi creati allo scopo, la P. Paoli – e la scuola italiana in generale – si sono arricchite di un ulteriore strumento di divulgazione del sapere.

Va aggiunto che frequenti e varie risultano oggigiorno le esperienze teatrali condotte nelle scuole di ogni ordine e grado, esperienze che, pur se rese difficili dalla carenza di idonee strutture, conducono nella maggioranza dei casi ad apprezzabili risultati, facendo registrare notevoli progressi nella formazione e maturazione globale della personalità.

È ormai riconosciuto che, attraverso la drammatizzazione vengono potenziate le capacità verbali e mimico-gestuali, quelle mnemoniche, creative e “prestazionali” dell’individuo.

Attraverso l’attività teatrale, si superano impacci, blocchi emotivi, s’impara a socializzare e a cooperare, secondo obiettivi condivisi, che pongono al primo posto la coralità.

Leonardo FibonacciIl teatro nella scuola può significare anche “autorivelazione”, ovvero momento in cui ciascuno scopre le proprie potenzialità nascoste; l’attività scenica diviene così prezioso ausilio, efficace “grimaldello” per superare il disagio che affligge oggigiorno molti allievi; succede in effetti che le discipline curricolari non sono più vissute come fredde e nozionistiche astrazioni, ma divengono suono, parola, gesto, “vita concreta” ed assumono infine il gusto – un po’ perduto – dell’affabulazione.

Naturalmente, gli insegnanti non intendono trasformare la scuola in un’impresa di spettacolo o di casting, alimentando così forme di sterile protagonismo o divismo, perché il suo compito è e deve rimanere rigorosamente quello di agenzia educativa, tesa ad offrire un’opportunità di crescita a tutti, secondo i principi più alti della democrazia.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Science+Fiction Festival 2017

Il signore va a caccia di Georges...

Breve excursus estetico sulla forma concerto

Macumba

I vent’anni della Principessa Mononoke

Diana Wynne Jones, Hayao Miyazaki e Il...

L’opera lirica spiegata ai ragazzi

Un’interruzione (atto di)

Romanzo giallo o romanzo picaresco?

Non c’è più scampo e Carte in...

Delitto in cielo e La serie infernale

Jackson Pollock e la musica

L’altro volto della speranza

Il linguaggio di Boris Vian

Vita da commessa

Jackie

Frank Cho: Un sacerdote in meno, un fumettista in...

Tuono Pettinato: Fumetti stondati con contenuti storti

Agatha Christie e i film gialli tratti...

Romina Moranelli: Pin up italiane

Paesaggio e Sublime

Andrea Sorrentino: Dai giochi di ruolo ai supereroi

Fabiano Ambu: Un’iniziativa meritevole: IT Comics e i suoi...

Il cliente

Eugène Scribe: ascesa e caduta di un...

Casomai un’immagine

sir-22 mar-22 pck_07_cervi_big th-01 th-16 th-70 kubrick-32 kubrick-36 thole-17 petkovsek_06 petkovsek_16 dobrilovic_07 bon_sculture_04 20 cas-17 antal1 9 heater mis-pre3 murphy-29 galleria14 07 35 tsu-gal-big-09 vivi-05 23 31 Francisco Bassim / Padiglione Venezuela Tra C e R, 2011 A. Guerzoni Archi-star 2011