// stai leggendo...

Fumetto

El Sanguanel de Refavaie

El Sanguanel de RefavaieLuca Salvagno è un disegnatore particolare, che oltre a essere stato uno dei continuatori designati dell’opera di Jacovitti ha sviluppato sia uno stile umoristico autonomo che uno stile realistico che nulla hanno a che vedere con quello surreale del Maestro.

Complice l’intervento della Pro Loco di Prade Cicona Zortea la casa editrice bellunese DBS ha meritoriamente salvato dalla semi-clandestinità del Messaggero dei Ragazzi (rivista diffusa solo per abbonamento, di cui da alcuni anni ho perso le tracce persino a Lucca) un lavoro di cui Salvagno è autore completo, El Sanguanel de Refavaie.

La storia riprende un personaggio del folklore trentino, Saverio Gobber detto El Sanguanel de Refavaie, che mentendo sulla sua età nel 1914 parte a dieci anni per lavorare sui monti e contribuire così all’opera bellica dalla parte degli Austriaci. Conclusa questa prima parentesi introduttiva Saverio partirà alla ricerca della madre internata a Braunau con il fardello aggiuntivo di proteggere un misterioso manoscritto, quasi una reliquia con poteri taumaturgici, affidatagli da un vecchio.

Nell’arco di due anni, grazie alla sua determinazione e forse per intercessione divina, diverrà praticamente l’unico civile a percorrere la Valle del Vanoi dove si nasconde dai soldati di entrambe le fazioni e alla fine, stremato e malconsigliato dalle presenze sovrannaturali che infestano quelle zone, cercherà di imitare il “Sanguanel”, una creatura leggendaria che si narra crei le valanghe percuotendo il terreno col bastone.

El Sanguanel de RefavaieI disegni sono stupendi e il formato quasi A4 del volume, unitamente alla carta impiegata (una patinata lucida ad alta grammatura), rendono pienamente giustizia al lavoro di Salvagno. I fitti tratteggi con cui occasionalmente dà corpo e vita ai personaggi e ai panorami possono ricordare Eleuteri Serpieri o Sicomoro, ma la grande attenzione per la composizione delle tavole e per gli equilibri degli elementi, resi con un contorno più marcato a seconda della loro importanza, lo apparentano a Giacinto Gaudenzi e anche un po’ a Sergio Toppi, pur se risulta più espressivo di entrambi.

I paesaggi e gli sfondi sono curatissimi ed è evidente lo scrupoloso lavoro di documentazione (testimoniato d’altra parte anche dall’appendice), ma il banco di prova dell’abilità di Salvagno sono gli animali, tra i soggetti più difficili da rappresentare in maniera realistica senza che sembrino impagliati, e che vengono resi con grande maestria.

La professionalità di Salvagno non si limita comunque al disegno: con consumata abilità fa ricorso a un coro greco di diauli per rendere più vivace la narrazione e descrivere quelle circostanze e quelle sensazioni che delle semplici didascalie avrebbero banalizzato. La presenza di Astarot, Belial e compagnia non è solo una metafora della presa di posizione antimilitarista, ma è un elemento integrato nella trama giustificato dal fatto che da bambino Saverio assistette alla rappresentazione di Godimondo e Fortunato insieme al padre prima che questi partisse per “la ’Merica”.

Da segnalare infine, per quanto possa sembrare paradossale, che la guerra è evocata con incredibile efficacia, è una presenza incombente che tutto permea, nonostante in concreto non ci siano scene di battaglia e la “vera” guerra in pratica non si veda mai.

La qualità di stampa è perfetta, impensabile per molti editori di fumetti italiani: i tratteggi non sono tremolanti, i neri sono belli compatti e si vedono addirittura i depositi di pigmento in alcune pennellate di Salvagno, che ha usato un medium liquido (acquerelli o chine o ecoline) per colorare le tavole.

El Sanguanel de RefavaieLa rischiosa idea di Salvagno di usare quasi solo tavole doppie a partire dal secondo capitolo (godibilissime su rivista spillata ma difficili da ammirare nella loro interezza su un albo brossurato) non ne pregiudica la lettura perché il volume ha una foliazione di sessanta pagine, una robusta rilegatura a filo refe e un grande formato. Quindi le pagine si possono tranquillamente spalancare senza perdersi i dettagli centrali delle tavole e soprattutto senza timore che si stacchino dal dorso.

Per la cronaca, in un’epoca di digitalizzazione selvaggia, anche il lettering è fatto da Salvagno in persona (o forse da qualcun altro, ma è comunque fatto a mano).

Oltre a un’introduzione, il volume consta di una testimonianza dello stesso Salvagno in appendice e di un buon apparato iconografico.

Nota biografica:
Luca Salvagno nasce a Chioggia nel 1962. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Venezia inizia a collaborare come fumettista con il Messaggero dei Ragazzi alla fine degli anni ’80 e passa successivamente a Il Giornalino per cui realizza sia storie realistiche che umoristiche. Appassionato e in seguito collaboratore di Benito Jacovitti, alla morte del Maestro continua a produrre la sua serie di grandissimo successo Coccobill. Salvagno si divide attualmente tra l’insegnamento e la realizzazione di fumetti per Il Giornalino, per cui ha recentemente disegnato la serie umoristica Mik & Max e varie biografie di personaggi famosi.

Titolo: El Sanguanel de Refavaie
Autore: Luca Salvagno
Anno di pubblicazione: 2016
Editore: Edizioni DBS
Collana: Il Fronte di Fronte
Formato: 21×28,5
Pagine: 60
Prezzo: 10 euro
ISBN 9788899369347

Commenti

Un commento a “El Sanguanel de Refavaie”

  1. L’ho preso a Godega lo scorso aprile, quando Salvagno l’ha presentato, con dedica autografa dell’autore.
    Credetemi… merita davvero!

    Di mario | 1 luglio 2016, 15:27

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Stefano Conte "TheSparker": Volt: una scommessa vinta

Elisabetta Cifone: Molto più di un manga all’italiana

Histoire du soldat, una favola in musica

Andrea Rivi: I nuovi traguardi di Nona Arte

Luca Salvagno: Si può epigonare l’inepigonabile?

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Breve excursus estetico tecnico/formale sulla forma sonata

Trieste Science+Fiction Festival 2017

Il signore va a caccia di Georges...

Casomai un’immagine

sir-12 pck_01_cervi_big th-13 th-67 10 15 19 21_pm ruz-01 004 22 busdon-03 03 cor06 holy_wood_00 holy_wood_10 s18 sac_03 sac_09 murphy-08 murphy-14 murphy-38 galleria06 galleria24 02 vivi-01 vivi-07 wendygall-02 Installazione di Alessandro Gallo cornell-33