// stai leggendo...

Scrittura

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra tra libri e delitti

La cultura è gioco e chi non si mette in gioco non fa altro che riprodurre gli schemi che critica. La saggezza è flessibilità, non rigidità. […] Ci riempiamo di ragioni per darci ragione e ci dichiariamo fanatici difensori del nostro modo di vedere le cose. Diventiamo adulti solenni e scacciamo il bambino curioso che tutti ci portiamo dentro.

Il romanzo di Sant JordiAmbientato a Barcellona il 23 aprile, durante la festa di San Giorgio in cui i libri e le rose attirano migliaia di persone, Il romanzo di Sant Jordi di Màrius Serra, uscito per i tipi della Marcos y Marcos, si propone di assumere una funzione sia giocosa che narrativa.

Composto da capitoli brevi, eccezion fatta per il penultimo, dove il titolo è sostituito dalle ore della giornata che scandiscono lo scorrere del tempo, il volume vuole essere non solo un’immersione, ironica, mordace e realista, nel mondo dell’editoria e di tutti gli operatori che ruotano attorno a essa (dagli imprenditori, ai librai, agli autori) ma anche un invito ad accettare la sfida di risolvere gli enigmi disseminati lungo il percorso e destinati a portare allo svelamento dell’identità dell’assassino.

Màrius Serra, romanziere ed enigmista professionista, coinvolge nel gioco anche l’amico e collega Oriol Comas i Coma inserendolo tra i personaggi e trasportando nella finzione narrativa tutte le sue manie e passioni (dai dadi che si porta sempre dietro per prendere qualsiasi decisione, ai giochi dell’Ego e del Siginero da lui inventati apposta per questo contesto). A fare da filo conduttore è invece il gioco dell’Eleusi, ideato nel 1956 da Robert Abbott e basato su una regola segreta che i partecipanti devono scoprire.

Se la storia presenta delle caratteristiche abbastanza peculiari rispetto alla classica narrativa gialla, particolare attenzione la meritano anche i sette personaggi principali e gli scrittori destinati a morire per mano del misterioso omicida. Tra i primi figurano Constantí Pagans, imprenditore privo di scrupoli che cerca di incrementare le vendite di libri infilandoli nelle macchinette distributrici della barretta dimagrante Muscolin, e Èctor, rigorosamente senz’acca, Tutusaus, tuttologo dall’ego smisurato che organizza soporifere letture collettive di dodici ore per poi svignarsela dopo i primi due minuti. Tra i secondi sono degni di menzione Paulo Cenoura (“cenoura” in portoghese significa “carota”), scrittore brasiliano specializzato in narrativa new-age e libri di auto-aiuto, che sembra la parodia di Paulo Coelho; il norvegese Joe Bradeter, autore di gialli dal titolo zoologico, che fa il verso a Joe Nesbo e l’inglese Josephine Karr Rourie, meglio nota come JKR, celebre per le sue saghe fantasy che ricordano quelle con protagonista un certo Harry Potter.

Questo giocare con i nomi ricorda lo stile di un altro autore catalano, conosciuto anche per i suoi romanzi gialli dal tono umoristico: Eduardo Mendoza. Màrius Serra, però, si spinge oltre arrivando a includere nel suo divertissement letterario anche l’auto-finzione. Uno dei personaggi coinvolti nell’avventura, infatti, è proprio Màrius Serra, autore del volume Eleusi per Sant Jordi in cui si narrano una serie di delitti di scrittori perpetrati durante la festa. Un romanzo nel romanzo, quindi, che non complica la lettura ma incrementa il piacere di scoprire come andrà a finire.

La storia si svolge in una Barcellona alle prese con l’allerta terroristica conseguente all’attacco lungo la Rambla e con il referendum indipendentista, ma i risvolti politici sono più presenti nel romanzo composto dal Màrius Serra protagonista che dal Màrius Serra autore. Questo fa sì che lo scrittore possa ipotizzare rivoluzioni e scenari apocalittici nel testo fittizio e restare più coerente alla realtà nel romanzo vero e proprio.

Il volume è intervallato da inserti pubblicitari targati Lorem Ipsum che, come nel gioco dell’aguzzate la vista, invitano a individuare le differenze all’interno di un testo normalmente ignorato dai più a causa della sua funzione tipografica.

Màrius Serra mette dunque in evidenza l’aspetto ludico della cultura e della narrativa, dimostrando che nella vita non bisogna mai perdere la voglia di giocare, perché solo così potremo diventare esseri umani migliori.

Libri e rose (Sant Jordi)

Titolo: Il romanzo di Sant Jordi
Autore: Màrius Serra
Traduzione: Beatrice Parisi
Casa Editrice: Marcos y Marcos
Anno di pubblicazione: 2019
Pagine: 479
Prezzo: 18,00€
ISBN: 9788871688510

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

pas-12 pas-15 sir-06 sir-27 mar-01 mar-21 mar-43 th-38 00 20 01_pm 09_pm thole-14 thole-18 ruz-02 malleus_09 bis_II_03 piccini_18 29 bav-08 wax lor-2-big cor02 05-garcia s19 pm-00 pm-36 esplosa-05 11 Jingler-stars