// Archivi

Saggi

Questa parola chiave raccoglie 424 articoli

Jan Nĕmec, gli ottant’anni incompiuti

Non vi furono soltanto il Free Cinema britannico, la Nouvelle Vague francese, il Junger Deutsche Film tedesco. La marea del rinnovamento cinematografico, negli anni Cinquanta e Sessanta, non inondò e non allagò soltanto l’Europa occidentale: gli stessi flutti bagnarono i Paesi d’oltrecortina. E, sulla Cecoslovacchia, s’infranse la Nová Vlna. Certo, una differenza cruciale distingueva i […]

Il teatro di Agatha Christie nel dopoguerra spagnolo

Il presente saggio breve è tratto da Tonos Digital, Revista electrónica de estudios filológicos, numero 15, giugno 2008. L’autore è César Besó Portalés del Centro Público de Formación de Personas Adultas de Paterna (Valencia). La traduzione è a cura di Annamaria Martinolli. Nessuno manifesta stupore quando si tratta di definire Agatha Mary Clarissa Miller Christie […]

La relazione pericolosa. Orfeo e la decima Musa

Orfeo che, melodioso il canto, ammansiva le fiere, struggeva gli animi, rivaleggiava con le sirene e smuoveva i massi… Il figlio di Calliope, l’antesignano di tutti i poeti. E lo sposo della ninfa Euridice, per amor della quale scese laggiù, da dove i viventi dovrebbero tenersi alla larga, inorriditi. Tornatone solo e inconsolabile, fu sopraffatto […]

The importance of being Charlotte

Misteriosa, misteriosa e altera. Poche come Charlotte Rampling hanno saputo esaltare la trascendenza di una femminilità siderea, sfuggente, ostile allo svelamento, ambigua financo alla perversione e alla pravità. Di lei, si potrebbe asserire quanto Alberto Moravia diceva di Stefania Sandrelli, che, cioè, incedendo “sparge sesso”. Ma non una sessualità estuosa, al contrario. Volto iperboreo, d’androgina, […]

Sleuth di Joseph L. Mankiewicz e Sleuth di Kenneth Branagh: le pellicole del 1972 e del 2007 a confronto

Sleuth era sempre lì, ed Anthony Shaffer provò un forte senso di fastidio quando liquidarono la pellicola come semplice intrattenimento: “Come sarebbe a dire “semplice”?”, chiese quando il film uscì nelle sale, “È dannatamente più difficile intrattenere che annoiare”. (Nigel Fountain, The Guardian, Obituary: Anthony Shaffer, 07 novembre 2001) Kenneth Branagh può essere a giusto […]

Edgar Allan Poe sullo schermo: i tributi di Roger Corman, Tim Burton e I Simpson

Il presente saggio breve è tratto da Edgar Allan Poe (1809-2009). Doscientos años después, Cuenca: Ediciones de La Universidad de Castilla-La Mancha 2010, pp. 241-249. L’autore è il Professor Ángel Galdón Rodríguez. La traduzione è di Annamaria Martinolli. Anche se l’eredità letteraria nelle arti plastiche già costituisce una disciplina della letteratura comparata, il presente studio […]

La ricezione di Edgar Allan Poe in Romania: alcune considerazioni

Il presente saggio breve è tratto da The Journal of Romanian Literary Studies, Issue n. 04/2014, pp. 337-342. L’autore è Lucian-Vasile Szabo della West University of Timişoara. La traduzione è di Annamaria Martinolli. Il primo testo di Edgar Allan Poe diffuso in Romania è stato Il pozzo e il pendolo, tradotto da un anonimo nel […]

Jean Gruault. La vita è un film

Se, lassù in Scandinavia, l’Accademia reale delle scienze considerasse gli autori di copioni cinematografici al pari degli altri scrittori, pochi quanto quell’umanista maieutico, abissale, sardonico di Jean Gruault avrebbero meritato il Nobel. Perché la sceneggiatura, nelle sue mani, è stata lungi dall’assuefarsi ai vezzi del regista di turno o identificarsi con la destrezza tecnica nell’accompagnare […]

L’omissione come strategia traduttiva del genere giallo: Io uccido, di Giorgio Faletti

Il presente saggio è tratto da The Journal of Specialised Translation, Issue 22 (July 2014), pp. 15-27. L’autrice è Esther Morillas, professore ordinario di traduzione italiano/spagnolo all’Università di Malaga. La traduzione è a cura di Annamaria Martinolli. Il copyright appartiene a Esther Morillas, tutti i diritti riservati. 1. Io uccido Io uccido (2002) è stato […]

Le loro uscite e le loro entrate: la porta sulla scena

L’articolo che segue è stato scritto da Arnold Aronson, storico del teatro e professore di Teatro presso la Columbia University di New York, ed è pubblicato su New Theatre Quarterly 20:4 (Cambridge University Press, Novembre 2004, pagg. 331-340). Le note appartengono al testo. Tutti i diritti sono riservati. La traduzione è di Lorenza Pravato, che non ha trovato il […]