// stai leggendo...

Cinema

Due soldini di speranza

Un film di vari anni fa ambientato ai tempi del cinema ambulante e che si intitolava La vela incantata ci introduce — e ricordandoci en passant che il cinema è movimento anche per chi lo proietta e lo guarda — a quell’analogia tra la vela e lo schermo che i fratelli Silvio e Giovanni Soldini sembrano biologicamente rappresentare.
Non oseremo opporre i nostri tasti alle nobili penne d’oca dei grandi navigatori della carta stampata che già hanno scritto ispirate prose sull’impresa oceanica di Giovanni con una competenza tecnica che ci manca. E che vorremmo avere per spingerci oltre nel paragone, mentre dobbiamo solo fantasticare che esistano precise corrispondenze fra i due bianchi e ampi teli: e se lo schermo classico è una randa, lo spinnaker sarà come l’Imax, e il fiocco come lo schermo verticale che auspicava Ejzenstein? Ma uscendo dallo specifico velistico e adottando uno sguardo estetico-autoriale che ci è più familiare il confronto può proseguire ancora un poco.

Immagine articolo Fucine MutePoiché è indubbio che Giovanni Soldini con le sue regate in solitario ha introdotto la politique des auteurs nel velismo italiano, fermo ancora ai ricordi di Straulino e Rode, cioè a un neorealismo alla De Sica-Zavattini, o ai tentativi di kolossal hollywoodiano (quasi sempre fallimentari nel nostro cinema) legati al nome di Azzurra. Mentre il Soldini del mare, con le sue barche tecniche e leggere, col suo regatare giovane, solitario e in veri esterni (niente laghi, stretti, brevi bracci di mare ma interi oceani) è figlio della Nouvelle Vague della vela, che appunto in Francia ha avuto origine e maestri. Pur appartenendo ormai a un’altra generazione, come Silvio del resto, che di quella scuola è addirittura più nipote che erede diretto. Ma è indubbio che per entrambi quell’ondata è ciò che li ha spinti avanti, anche se non ci siamo mai chiesti, colpevolmente, a quanti nodi andava l’aria serena dell’ovest e non abbiamo mai guardato come veri film i video che Giovanni realizza durante le sue regate, che recano chiarissima l’impronta stilistica del film-making milanese, anche per la sua rassomiglianza al Paolo Rossi dei tempi migliori.

Ora però è successo qualcosa di nuovo: Giovanni ha salvato Isabelle Autissier che stava galleggiando a testa in giù e ha superato l’altro francese che aveva disalberato, andando poi ad arrivare primo in una corsa che pare non aver avuto nessun secondo. Ed è come se Silvio avesse vinto il festival di Cannes dopo aver imprestato la sua pellicola a Godard che era rimasto senza e aver lasciato tre dei suoi attori sul set di Rohmer. Be’, potrebbe anche succedere.

Alberto Farassino

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Joker e la follia: Un film per...

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Paperi amari

Paperi amari

Bill Willingham: Le Favole a fumetti di Bill Willingham

Trieste Science+Fiction Festival 2019

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Casomai un’immagine

sir-13 sir-27 mar-07 viv-13 viv-36 pck_12_cervi_big th-27 22 kubrick-54 thole-07 thole-09 thole-14 dobrilovic_06 bon_15 piccini_11 mccarroll12 s acau-gal-17 Pr81 Otrok06 pm-04 pm-17 galleria24 06 24 26 27 Face 2 Bolle di vetro, 1939 Carol Rama Ritrovamento Picasso 2009