// stai leggendo...

Omnia

Poeticamente corretti

Leggo quella bellissima di Yolanda Pantin, Gli anni dell’infanzia (Pier Paolo Pasolini), e riscopro il nocciolo duro della poesia. Era un po’ che mi sfuggiva il senso di certe cose, in particolare di quelle non troppo praticate dal nostro tempo, delle cose profonde (vere e false che siano) del nostro animo, della vita, dei ricordi e delle nostalgie.
Per questo numero, dunque, le Fucine spostano l’attenzione. Dalle immagini del cinema, del teatro, della telematica, della televisione, del fumetto e della musica (che oggi essenzialmente è videoclip) passano ad altro. All’impalpabile, al vago, talvolta al nitidissimo, capace d’incidere significati nel gelo dei nostri cuori di panna.

Immagini dell’anima. Che ci spiegano Perché canta il coyote, di Carter Revard nato a Pawhuska, in Oklahoma. Del perché un Osage, che è stato a Wounded Knee ad occupare il villaggio dove il disonore americano si riversò bestialmente su trecento tra donne e uomini, vecchi e bambini, in un’esecuzione di massa, scriva poesia, e lotti per un popolo che non c’è più (se non nella sua profondissima umanità). Che ci dicono perché Il sangue limpido della sorellina di Sinan, strappata ai suoi pannolini, torni a tutti noi, fatto sempre più d’acqua ma non meno rosso.

Ci svelano degli Arcani di Pristina, quelli del giovane-vecchio Jack beat Hirschman, che canta l’hello nell’orrore e nell’indignazione della guerra, dell’America di Columbine (lo incontrai, ad una cena, e notammo subito il parallelismo tra Kosovo e Columbine che entrambi, inconsapevolmente l’uno dell’altro, avevamo fatto: lui nella poesia, io nel mio modesto editoriale di allora). Oppure, di Israel Eliraz, del ’36 come mio padre, studi a La Sorbona, drammaturgo, che ha scritto dieci opere in musica con Joseph Tal. Che parla di pietra, di terra, di vento ed erbe incerte, di corvi ed oriente.

Ci illuminano, queste poesie, su Cosa dice Tamara – che non parla ancora – succhiando la sua tettarella e contemplando questo vasto mondo che non è forse il più perfetto. Izet (che ha tenuto e scritto il famoso Diario di guerra di Sarajevo) è il testimone della tragedia bosniaca e dice: “se solo tutti i padri diventassero poeti”. Se fosse davvero così si parlerebbe. Di certo si morirebbe di meno. E poi le voci di donne, esse stesse poesia, troppo spesso disattesa nelle sue istanze di vita, in un mondo che non sembra ancora capace d’accogliere concretamente il parere di chi può materialmente donarla. Maria Luisa Spaziani (candidata al Premio Nobel per il 1990 e 1992). Ana Hatherly. Martha Canfield. Agneta Falk.

Fucine Mute deve questo numero agli accordi presi e alla fattiva collaborazione con Multimedia Edizioni e al Laboratorio di traduzione di Casa della poesia. Questi testi saranno letti in occasione degli incontri internazionali NAPOLIPOESIA ’99, nel magnifico Parco archeologico del Pausilypon, presso la Grotta di Seiano, a Coroglio, nei giorni dal 10 al 12 settembre. Ovviamente, libero sarà l’ingresso. Vuole essere, questo, il primo passo verso la realizzazione d’una nuova sezione del webmagazine dedicata al verso, a gettare quindi un ponte telematico tra Napoli, Recanati, Struga (Macedonia) e a qualunque altra manifestazione della poesia che volesse aderire al progetto.

Sarà questo anche il modo e il luogo per discutere di idee, di affetti, di linguaggi. Un ponte telematico che nessuno potrà abbattere a cannonate, dove al contrario ci si potrà incontrare, per confrontarsi o eventualmente ribellarsi.

I deserti crescono.
Guai a chi alberga deserti.

E’ mai possibile che l’essere venga distrutto nell’uomo?

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Casomai un’immagine

sir-10 sir-36 viv-12 th-06 th-08 13_pm kubrick-45 thole-07 deck73 petkovsek_02 bon_sculture_06 bis_I_04 14 38 bav-06 cas-10 cip-01 pm-02 galleria22 galleria-06 13 pugh-07 wendygall-02 22 30 33 Katharina Fritsch Jingle SCI-FI Dog Eat Dog Archi-star 2011
Privacy Policy Cookie Policy