// stai leggendo...

Scrittura

Traduzioni di Fabio Scotto

da Spaventapasseri di terra

(Serie di 23 poesie scritte a partire dalle foto di Erwin Schenkelbach, 1998)

“… e ogni buon pezzo di terra voi lo tormenterete con la pietra”.

(2 Re: 3, 19)

1

Basta un cappello di pietra
sulla tua testa di pietra.

Il giorno è lì, appende stracci
alle spalle della pietra
al tuo riflesso sul suolo

e tu, che hai ginocchia di pietra
nel campo, come un qualsiasi prete
in preghiera,

perso, tu attendi l’annuncio del vento, quel soffio

che un giorno forse
chiameremo maturità.

Che ci stai a fare tu oggi qui?
di cosa vivi?

Invento il vuoto
su erbe incerte

2

Il muretto sgretolato si chiude ad occhiello

i guardiani smarriti, lontani l’uno
dall’altro quanto sorgenti

nella montagna,
gridano l’uno
all’altro

che si lasci loro il tempo
di scrutare la pietra

capire il vento
alzare la mano verso la polvere

e che li si consideri responsabili
dei giorni andati.

Ora è notte nel
palmo del chiarore bruciato.

In mancanza di corvi
come sapere

se il mattino prenderà loro all’alba
un abito dal guardaroba
dell’Oriente

3

Un tempo piena di cavalli,
la montagna non caracolla più.

Non si dirà
mai più qui:

“Chi è con me,
chi?”

I tuoi battaglioni, re decaduto,
si sono dissolti nella nebbia, nel vento.

Abbandonati strada facendo (come obelischi impagliati)

nessuno verrà
da voi a cercare
una via

né a chiedere dove e quando partono
i carri del sole.

Il fuoco divora
tutto ciò che s’innalza sul suo cammino
                                          e in primo luogo se stesso

4

Sulla sua testa si posa un uccello
per saggiare l’unghia, il becco,

asciugare l’ala al termine del viaggio.

Poi (come una ragga)
canta ma
non per te.

Depone un uovo nella tasca sinistra,
un uovo nella tasca destra.
Dice:

Il reale, tu non lo conosci
realmente

ma non sei il solo!

Poi (quanti poi in questa storia?)
il brav’uomo
              scrive sulla pietra ventrale
                                                   dell’idolo

                                                          FRAGILE

Immagine articolo Fucine Mute

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Joker e la follia: Un film per...

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Paperi amari

Paperi amari

Bill Willingham: Le Favole a fumetti di Bill Willingham

Trieste Science+Fiction Festival 2019

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Casomai un’immagine

sir-05 viv-26 th-17 07 bis_IV_03 piccini_31 acau-gal-20 krypton1 01 tav3 holy_wood_16 holy_wood_25 p7 s19 pm-15 murphy-12 galleria17 50 esplosa-01 tsu-gal-big-03 tsu-gal-big-12 vivi-08 17 33 Padiglione del Bangladesh Dog Eat Dog Bolle di vetro, 1939 Carol Rama Le malelingue, 2003 Carol Rama cornell-25 refused-41