// stai leggendo...

Omnia

Piccolo grande fratello

“Ahò, Grande Frate’, oggi nun me sento troppo bene…”: nello stanzino dalla tappezzeria trapuntata in colore cardinalizio detta “il confessionale”, unico luogo rituale di un’ambientazione a metà fra la caserma e lo show-room Ikea ma più simile a una toilette che a una cappella privata, uno dei concorrenti della nota trasmissione televisiva si rivolge direttamente a Lui. Ci crede, evidentemente, non ha avuto bisogno di comperare l’ultimo numero di “Micromega” che ha venduto 100.000 copie ponendo in copertina non una donna nuda in stile “Espresso-Panorama” ma la domanda “Dio esiste?”. Ci crede e gli dà del tu, come si fa con Dio e con Mara Venier. Solo che con il Grande Fratello non c’è bisogno di dire da dove si chiama. Primo perché lui è, per definizione, onniscente, secondo perché non c’è molto da scegliere, il microfono sta lì. Chissà come se lo immagina (perché dev’essere difficile parlare con qualcuno senza avere un’idea di che faccia abbia, perfino il Cristianesimo su questo punto ha ceduto): bello, alto e biondo oppure piccoletto, un po’ pelato e con il doppiopetto grigio? Certo è uno di noi, per ora ci porta la spesa ma alla fine, per chi si sarà comportato bene, ci saranno i milioni. E forse un posto lassù, accanto a Lui, una scrivania o magari un Set.

La trasmissione di Stream-Canale5 cancella di colpo tutte quelle cupe fantasie dell’umanità note come Utopia negativa. Orwell era un incontentabile rompipalle che probabilmente non sorrideva mai. Non bisogna aver paura di chi ci guarda e ci guida, basta andare nello stanzino e parlargli, “ahò Grande Frate’”. Nel Villaggio Globale la privacy ha le dimensioni di un locale WC ma in compenso tutti sono fratelli, quelli che bussano da fuori (hai finito? tocca a me!) come nelle commedie senza doppi servizi degli anni cinquanta e quelli guardano dall’alto. Anzi, forse si può stabilire una regola matematica: la grandezza del Villaggio è inversamente proporzionale alla grandezza del Fratello.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce immaginazione

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce...

Casomai un’immagine

sir-21 mar-17 mar-40 viv-26 pck_13_cervi_big th-31 th-46 10_pm kubrick-3 kubrick-54 kubrick-7 dobrilovic_05 malleus_08 piccini_11 mccarroll12 acau-gal-16 22 bav-08 antal1x tyc2 cip-09 cip-12 Rainbow640 pm-20 pm-23 pm-29 pm-40 tsu-gal-big-12 23 Bolle di vetro, 1939 Carol Rama