// stai leggendo...

Palcoscenico

Rita Savagnone

Fedra

Inutile negarlo: la gara di bravura tra Mariangela Melato e Rita Savagnone, nella “Fedra” di Racine recentemente vista a Trieste, è di quelle che non si dimenticano. Nel ruolo di Enone, la nutrice della protagonista Fedra, la depositaria in qualche modo del destino di quest’ultima, l’attrice e doppiatrice romana sfrutta tutte le sue molteplici corde.
Abbiamo vista in scena un’attrice dalla fisicità imponente, dalla voce calda e accorata, via via che la tragedia prosegue sempre più vicina alle porte del Buio.


Non fungere da semplice supporto al lavoro di Mariangela Melato (tipologia d’attrice del genere “one woman show”), anzi ritagliarsi in scena uno spazio autonomo e indipendente, è operazione senz’altro più facile sulla carta che nell’atto pratico.
Rita Savagnone vince egregiamente la sfida, e così le grandi interpreti in scena sono due: una più brava dell’altra.
Romana, ex moglie del doppiatore Ferruccio Amendola e madre dell’attore Claudio, Rita Savagnone ha , sono parole sue, per diversi anni “scelto di essere una voce”.
Lunghissimo, diremmo interminabile l’elenco dei film, delle attrici a cui ha prestato la bellissima voce, e non mancano in cartellone molti appuntamenti con il cinema americano.


Ricordo di averla vista, questa volta come attrice, in film quali “Nenè”(1977) di Salvatore Samperi o nel meno drammatico “Sistemo l’America e torno”(1974) a fianco di Paolo Villaggio: mi rimase impressa per l’innata capacità di caratterizzare anche dei piccoli ruoli con un suo tocco personale, riconoscibile.
Al teatro arriva relativamente tardi, ma assieme al Gruppo della Rocca, negli Anni Settanta, si segnala subito come artista completa: infatti recita, canta e suona la chitarra in spettacoli tratti dalle opere di Bertolt Brecht.


Figlia d’arte (il padre fu celeberrimo direttore d’orchestra),Rita Savagnone era destinata, evidentemente anche per ragioni di DNA, a dedicarsi all’ambito artistico: e lei stessa ricorda con commossa partecipazione il suo debutto “in età scolare”, a circa sette anni, in uno spettacolo del padre.
Parlare con lei, che è stata gentilissima e deliziosamente autoironica, significa addentrarsi nel privato (e nel pubblico!) di una donna che è riuscita a conciliare alla perfezione la propria dimensione umana, di madre e moglie, con quella artistica: riprendendo in mano le redini della propria vita, e dedicandosi con evidente piacere ed emozione alla magia del teatro.


Il futuro di Rita Savagnone, come già detto in sese d’intervista, sarà ancora legato al clamoroso successo della “Fedra”, ancora in giro in lungo e in largo per l’Italia, a raccogliere “standing ovations” di non comune peso.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Sanremo anche no

Sanremo anche no

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

My Love Affair with Marriage

My Love Affair with Marriage

Casomai un’immagine

pas-13 mar-28 mar-40 viv-11 viv-12 th-49 17 31 23_pm 24_pm 25_pm 26_pm kubrick-24 017 bis_I_01 bis_IV_02 piccini_07 piccini_19 mccarroll12 e 07 01-garcia s1 murphy-03 galleria22 sla-gal-7 wendygall-12 Francisco Bassim / Padiglione Venezuela Jingle newton cornell-33
Privacy Policy Cookie Policy