// stai leggendo...

Cinema

Città Nuda

Figlio di greci emigrati in Australia e ritornati in Grecia alla fine degli anni ’60, Constantinos Yannaris si fa le ossa come regista in Inghilterra dove studia Economia e Storia e inizia studi post-universitari sulle relazioni russo-greche. Ma la sua carriera prende una direzione ben precisa con un documentario sull’omosessualità maschile e femminile, “Framed Youth” girato con un amico per Channel Four.
Il cortometraggio vince il prestigioso premio Grierson e una borsa di studio per la scrittura offerta da Channel Four.


Molti cortometraggi e documentari precedono il debutto di Yannaris nel 1995 con “Three Steps to Heaven” presentato a Cannes nella ‘Quinzaine des Réalisateurs’.


‘CITTA’ NUDA’ è il suo secondo lungometraggio.


“Avevo programmato di fare un corto su questi ragazzi provenienti da Menidi ma la sceneggiatura diventava sempre più lunga, ed ancor di più…” dice Yannaris. “Quello che mi attraeva era la sensazione di essere tra due culture. Certamente la famiglia da cui provengo è in condizioni economiche migliori rispetto ai russi del ‘Ponto’, ma la confusione culturale è la stessa.”


Yannaris, che a 38 anni mostra ancora un’innata ribellione che lo pone più vicino alle sottoculture giovanili che ai suoi coetanei, dice che ciò che lo ha attratto dei giovani di Menidi è un “gusto per la vita che non è facile ritrovare nella coetanea gioventù agiata”.


Aggiunge: “Hanno un’energia che mi ha fatto semplicemente innamorare di loro”.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Lezioni di Fantastica: Storia di Gianni Rodari

La contrada artistica dei diritti umani

La contrada artistica dei diritti umani

Ricomincio da RaiTre: come dimostrare che il...

Amazing Grace: L’immortalità fatta pellicola

L’Italia è tutta una Brancalonia

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

Eva contro Eva a teatro con Gillian Anderson

Eva contro Eva a teatro con Gillian...

Che paura, nonno!

Trieste Science+Fiction 2020

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Casomai un’immagine

mar-02 mar-21 mar-43 01 06 petkovsek_15 018 bon_sculture_04 malleus_04 piccini_03 piccini_07 piccini_09 d g cas-10 mezzanine1 cor06 lortv-02 pm-37 murphy-16 murphy-19 murphy-20 galleria05 galleria06 galleria16 01 13 24 Francisco Bassim / Padiglione Venezuela Urs Fischer