// stai leggendo...

Scrittura

Daniele Del Giudice

Lo stadio di Wimbledon

Martina Palaskov (MP): Signor Del Giudice, lei scrive o vive? (La domanda è chiaramente metaforica, si riferisce alla figura di Bazlen, trattata nel libro dell’autore. N.d.r)

Daniele Del Giudice (DDG): Fortunatamente i tempi di scrittura sono molto più veloci dei tempi della vita, quindi sono molto attento a quello che accade. Sono in continuo viaggio, sono curioso di tutto quello che accade, mi muovo, ho degli hobby che non hanno niente a che fare con la letteratura, ho delle passioni tecniche ed aeronautiche che coltivo da anni. Sostanzialmente faccio la mia vita, nella quale rientra anche la scrittura… quando scrivo. Tra un libro e l’altro ci sono dei cambiamenti di pelle, per lo meno me lo auguro, e anche di conoscenza.

MP: Chiaramente la domanda è stata posta in termini filosofici; ovvero, lei affronta la vita come Bobi Bazlen, colui che ha sempre potuto scrivere ma ha preferito vivere la vita piuttosto che narrarla oppure…

DDG: Sono una persona che ha scritto dei libri… questo però non vuol dire niente. Ho scritto diversi libri. Da sempre, da che ho memoria. Il mio rapporto con gli altri è avvenuto attraverso un racconto, una narrazione (da ragazzo lo facevo a voce), e poi anche da ragazzino ho incominciato a scrivere… è il mio modo di stare con gli altri. Non è il problema di scrivere o non scrivere, né di vita o letteratura. Per me è sempre stato il modo di stare al mondo. Probabilmente non è stato uno dei migliori modi per stare al mondo, però è quello che a me è toccato.

MP: La ricerca sul personaggio del libro è una ricerca che lei ha svolto veramente; ovvero, il romanzo può essere considerato autobiografico?

DDG: Io mi sono messo in viaggio per Trieste, mi sono messo in viaggio per Londra. Ero molto curioso dell’impronta che, su molte persone, il personaggio, Roberto Bazlen, aveva lasciato. Ero curioso… e li ho veramente conosciuti. Come una sorta di viaggio nell’eco lasciato dai corpi, nell’eco lasciato dalle voci, dalle conoscenze forti di sentimento…

MP: Autobiografico lo è stato per forza…

DDG: Be’, quando uso dei personaggi che esistono, li chiamo con i loro nomi. Quando sono personaggi d’invenzione, allora no. Li invento di sana pianta. Lo faccio perché questa loro esistenza anagrafica dà una consistenza che consolida una vera radice. Questo è utile ad essere più leggibile e più credibile.

MP: Che rapporto ha lei con la città di Trieste?

DDG: Molto curioso… Perché, ne Lo stadio di Wimbledon ovviamente sono dovuto restare a Trieste. Dopo questo libro, ho scritto un altro romanzo che si chiama Atlante Occidentale che si svolge a Ginevra nel laboratorio del CERN, che ha come protagonisti un giovane fisico e un vecchio scrittore. A seguito di quel romanzo sono stato invitato a collaborare ad un laboratorio di ricerca che abbiamo fatto io ed altri sull’immaginario scientifico. Quindi sono tornato qui. Venivo una volta al mese, per due o tre giorni, per collaborare al laboratorio scientifico, che facevamo alla SISSA, allora diretta da Abdu Salam, un premio nobel della fisica teorica; un mussulmano praticante, che poi purtroppo è morto. Mi sono quindi trovato di nuovo a Trieste, anche se avevo scritto un libro che è estremamente lontano dall’esperienza precedente. E poi ancora, quando ho scritto un altro romanzo che si chiama Staccando l’ombra da terra, mentre cercavo la storia di alcuni piloti di guerra, della seconda guerra mondiale, ne ho trovato uno che sapevo che proveniva da Trieste. Quando venivo qui, in occasione del laboratorio di ricerca, con i fisici e i matematici, ho pensato “ma forse, forse è ancora vivo…”. Allora, ho preso il treno di corsa, ma, un po’ come la protagonista del film di Amalric, prima di prendere il treno ho dato un’occhiata all’elenco telefonico, ho trovato il nome e l’ho chiamato. Sono rimasto così sorpreso, perché gli ho detto “ma…è vivo” e lui mi ha risposto “ma certo e sono anche andato a pescare”. Quindi c’è uno strano legame con Trieste.

Poi le città non sono mai solo città, ma sono come ciascuno le vive. Quindi, quando torno a Trieste, anche oggi che sono arrivato con Mathieu (Amalric N.d.R.), anche se la giornata è grigia, ti mette di buon umore… è come dovrebbe essere Trieste in gennaio.

MP: Potremmo affermare che Trieste non è Trieste senza Bobi Bazlen…

DDG: No, No… c’è una triestinità. Questo è un problema dei triestini, non posso parlarne io. Ogni città ha la sua vera drammaticità, e cerca di scoprire di che cosa si tratta. A Trieste c’è la triestinità, a Napoli c’è la napoletanità… Io, però, non appartenendo alla città, lascio ad altri la riflessione.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

My Love Affair with Marriage

My Love Affair with Marriage

Love Is Not an Orange

Love Is Not an Orange

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule Poirot alle prese con Vladimir Propp

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule...

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca Comics & Games 2022)

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca...

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Il manager del gioco di ruolo: Frank Mentzer

Il manager del gioco di ruolo: Frank...

Trieste Science+Fiction 2022

Trieste Science+Fiction 2022

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Casomai un’immagine

sir-17 sir-36 pck_18_cervi_big pck_22_cervi_big th-24 th-28 th-55 th-57 kubrick-47 neurolysis ruz-03 piccini_06 mccarroll05 acau-gal-05 22 busdon-16 cip-04 p5 mis4big-2 fotosintesi murphy-33 vivi-08 33 Installazione di Alessandro Gallo Jingle SCI-FI Eros 3, 1944 Carol Rama Palco, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni Opium 2005 Ritrovamento oltremare 2009 Skull n-2 2011
Privacy Policy Cookie Policy