// stai leggendo...

Palcoscenico

Eros Pagni

Un interprete di carattere

Giorgia Gelsi (GG): Siamo qui nel camerino al teatro Cristallo di Trieste in compagnia di Eros Pagni, interprete in questi giorni del Sior Todero brontolon.

L’abbiamo vista meno di due mesi fa sulle scene del teatro Rossetti a interpretare il Tartufo di Molière, e nasce spontaneo un confronto tra i due personaggi. Lei, che li ha vissuti “dall’interno”, cosa può dirci, come li ha sentiti?

Eros Pagni (EP): Direi che non sono accomunabili, se non dal fatto che sono due personaggi che fanno parte di un teatro di carattere. Ma sono agli antipodi: noi ci troviamo di fronte a Tartufo che ha un’intelligenza superiore, un’intelligenza istintiva, profonda, mentre vediamo in Todero un uomo che si è creato il suo orticello a prezzo di tante fatiche, e questo orticello lo vuole difendere. E oltre a difenderlo, ne vuole essere padrone assoluto, e per questo corre il rischio di essere tacciato di avaro, di spilorcio, ma forse direi non tanto avaro quanto oculato, perché ciò che ha ottenuto l’ha ottenuto con sacrifici, come frutto di enormi fatiche.

GG: Secondo Lei è un testo che è svincolato anche dal contesto in cui è stato scritto, e che ora può avere una sua attualità? C’è secondo lei qualche sior Todero brontolon in giro?

EP: Senza dubbio, noi abbiamo parlato di un aspetto del carattere di Todero, dell’avarizia che io preferirei tradurre in oculatezza. Poi c’è il Todero uomo di sani principi morali, una persona profondamente onesta e pulita, e userei anche un altro attributo: Todero è una persona giusta. Ecco, oggi un personaggio come Todero sarebbe una mosca bianca!

GG: Una curiosità invece per quel che riguarda il testo dal punto di vista linguistico. Com’è cimentarsi in un testo scritto in veneziano?

EP: Abbiamo di fronte un testo scritto in dialetto, e — come ho già detto in una conferenza stampa — secondo me non si può imparare un dialetto. Lo si può copiare, lo si può accennare: il dialetto è lo specchio di una società, è lo specchio di un agglomerato umano che se non vissuto da vicino e per tempo non credo si possa imparare. Comunque, il dialetto ti permette forse un tipo di recitazione più vera, più fedele al testo, che rifugge da psicologismi inutili ed è senza dubbio un aiuto per l’interprete. Poi l’attore, laddove sia accompagnato da un bagaglio professionale un po’ nutrito, non credo che avverta particolari difficoltà ad affrontare un linguaggio nuovo.

GG: Cosa c’è nel suo futuro, può darci qualche anticipazione?

EP: Per quanto riguarda il futuro, c’è in progetto di venire anche qui a Trieste, nel rinnovato Politeama Rossetti, con il Don Giovanni di Molière. Altri programmi, al momento, non so farli.

GG: Visto che ha parlato di Trieste e dei suoi teatri, viene spontaneo chiederle com’è il suo rapporto con questa città, come la trova…

EP: Sono quarantadue anni che vengo a Trieste spesso, e ci lascio sempre un pezzetto di cuore, perché mi piace la città prima di tutto, e mi piace del triestino questo spirito un po’ fatale, un po’ decadente nel senso positivo però del termine…Fatalista, insomma, con questa grande voglia di vivere e di considerare la vita un dono raro, come tale dovrebbe essere.
Insomma, mi accomunano ai triestini tanti sentimenti.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca Comics & Games 2022)

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca...

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Il manager del gioco di ruolo: Frank Mentzer

Il manager del gioco di ruolo: Frank...

Trieste Science+Fiction 2022

Trieste Science+Fiction 2022

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Casomai un’immagine

sir-38 mar-21 pck_12_cervi_big th-80 thole-11 ruz-02 015 bis_IV_02 b acau-gal-03 06 38 bav-04 busdon-18 cas-03 oktana s2 Pb640 Otrok01 fotosintesi pm-27 murphy-31 galleria14 galleria-07 23 wendygall-13 18 Katharina Fritsch Jingle SCI-FI Le malelingue, 2003 Carol Rama
Privacy Policy Cookie Policy